LomoAmigo Charlie Wagers scatta con la Diana F+

Charlie Wagers, noto Graphic Designer, si dedica alla fotografia analogica con la Diana F+! Date un’occhiata alle sue foto e alla sua intervista dopo il salto!

Nome: Charlie Wagers
Città: Akron, OH
Paese: USA

Da quanto tempo sei un Lomografo?

Ho saltato il fosso nel 2008, appena prima di laurearmi alla scuola d’arte. Ho preso una Diana F+ e una Green Holga. Da allora ho raccolto alcune macchine fotografiche vintage e tanti piccoli accessori che mi accompagnano in questa esperienza analogica.

Che cosa ami di più della Diana F+?

Appena l’ho tirata fuori dalla scatola, non potevo credere a quanto piccola fosse. Senza il flash, questa macchina fotografica non pesa per niente. Adoro come non debba sforzarmi per portarla con me. L’aspetto che la contraddistingue da altre sue simili sono le lenti intercambiali (ne possiedo alcune) e tutta la serie di accessori aggiuntivi che ti permettono sempre nuove sperimentazioni. Utilizzo anche l’Instant-Back per un po’ di divertimento in stile polaroid.

Descrivi la Diana F+ in poche parole.
Piccolo sogno che cattura il mondo.

Da cosa ti lasci ispirare mentre fotografi?

Da quello che mi circonda. Tutte le foto migliori le ho realizzate grazie al fatto che avevo con me la mia macchina fotografica quando alzando lo sguardo ho visto qualcosa degno di essere fotografato e anche alla fortunata possibilità di vedere posti diversi nel corso di viaggi e vacanze. Inoltre mi piace cercare nuove e interessanti impostazioni per scattare le mie foto.

Come descriveresti il tuo stile come fotografo?

Non ho mai frequentato nessun corso di fotografia, mi suona strano quindi definirmi ‘fotografo’. Comunque, se dovessi definire il mio stile come fotografo, mi piace pensare che le mie foto rispecchino uno di questi due stili. Il primo è uno stile semplice, puro, foto dei miei amici e di momenti di vita. L’altro è più concettuale: qualcosa che ho visto e incorniciato nel mirino nonostante la nota non accuratezza dello stesso (definizione forse troppo cervellotica, o forse non abbastanza). Mi piace dilettarmi nelle doppie esposizioni che rendono le foto sempre imprevedibili. Sperimento inoltre le infiltrazioni luce aprendo il retro della macchina fotografica o allentando leggermente il rotolino della pellicola.

In che modo Lomography trova spazio nella tua vita di graphic designer? Che importanza ha nel tuo lavoro?

Inutile dire che ho una inclinazione piuttosto estetico-visiva. Quando si tratta di documentare la mia vita, voglio qualcosa di più memorabile piuttosto che di una pianura di foto digitali.

Il mio interesse è però iniziato quando ho deciso di utilizzare lo stile di queste foto nel mio lavoro. La maggior parte del mio lavoro è basato sulle immagini e volevo ampliare la mia tavolozza. Ho utilizzato alcune delle mie foto come copertine di album, poster e in qualsiasi cosa dove ci stessero bene.

Come trova spazio nel mio lavoro? Ci sta bene nella mia borsa, così posso portarla ovunque. Non dimentichiamo la regola d’ora #1 “Porta la tua macchina sempre con te”. Devo avere sempre con me una delle mie macchine fotografiche altrimenti potrei perdere qualche opportunità fotografica. In questo modo credo che si possa applicare la regola #3 “La lomografia non è un interferenza con la tua vita, è parte di essa.”

Come è iniziato il progetto Three Bears Design? Perché si chiama Three Bears?

Three Bears Design è un progetto che avuto inizio da tre amici artisti con l’intento di unire le nostre forze. “Three” sta per 3 e mi sembra ovvio… il resto è dato dalla nostra ossessione per gli animali, in particolare per quelli illustrati, specie nel nostro lavoro. Bears, ovvero orsi, ci sembrava il termine giusto per la suggestione che speravamo di promuovere. A quel tempo vivevamo nell’ Ohio, ma da allora ci siamo trasferiti e siamo diventati ben più di tre.

Qual è la cosa più bella nell’utilizzare una macchina fotografica analogica?

La sua imprevedibilità! Ricordo che, prima della grande diffusione delle macchine digitali, si fotografava con macchine economiche da 35mm. C’è una grande eccitazione nell’attesa di vedere i tuoi negativi sviluppati.

Se potessi fotografare un qualsiasi posto nel mondo, dove sarebbe e perché?

Mi viene da dire l’Islanda. Non ci sono mai stato, così forse la sto solo idealizzando (a causa della mia ossessione per i Sigur Rós?), ma i paesaggi sono bellissimi. Mi piacerebbe scattare alcune foto in pinhole di quei fantastici scenari sconfinati. Detto ciò però non c’è paragone nello scattare foto a New York o Brooklyn. E’ difficile scattare delle brutte foto a Coney Island.

*Se le tue foto mostrate in questo articolo avessero una colonna sonora di tre brani, quali sarebbero? *

Everything Trying – Damien Jurado
God Bless Our Dead Marines – Thee Silver Mt. Zion Memorial Orchestra
Sæglópur – Sigur Rós

Quali sono i tuoi consigli per chi utilizza la Diana F+?

Provate pellicole ultra-veloci. Raramente utilizzo pellicole sotto i 400. So che in questo modo le alternative sono poche, all’esterno utilizzando l’impostazione “N” della macchina, anche la minima velatura del cielo può portare a foto sottoesposte. Personalmente non scatto molte foto in interno, quindi perché non passare più tempo fuori?
Ancora una cosa, le basi: porta la tua macchina fotografica ovunque. La Diana F+ è leggera e compatta e quindi per niente scomoda. Rimpiangerai sempre di non averla avuta con te, sempre.

Già negli anni 60, la Diana era una fotocamera leggendaria, famosa per i suoi scatti sognanti, radianti e lo-fi. La Diana F+":http://shop.lomography.com/diana-f-camera è un ritorno al passato – una fedele riproduzione con un sacco di nuove funzioni. Stesso look, stessa qualità – ma la versione attuale ti permette di fare foto pinhole, panoramiche o su pellicola da 35mm (con il dorso 35mm Diana F+) e puoi usare vari tipi di lenti Diana F+. Fatta apposta per te da Lomography e disponibile nel nostro Online Shop.

Scritto da mmoya il 2011-11-09 in #persone #lomoamigos #amigo #charlie #lomography #graphic-design #wagers #lomoamigo
tradotto da andredimu

Altri Articoli Interessanti

  • Intervista al nostro LomoAmigo Marco Dabbicco: l'amore per la fotografia ritrattistica

    Scritto da bartolomo il 2015-11-13 in #persone #lomoamigos
    Intervista al nostro LomoAmigo Marco Dabbicco: l'amore per la fotografia ritrattistica

    "Ci deve essere, in un certo senso, una specie di seduzione tra il fotografo e il suo soggetto. Se non si genera quella complicità, la foto non funziona". Parole di Marco Dabbicco nella nostra intervista. Felici di aver lavorato con un professionista giovane come lui. Dopo questo articolo siamo sicuri che avrete voglia di iniziare a fotografare visi e provare la nuova lente Petzval.

  • Il viscerale Lomo Amigo Max Petrone

    Scritto da bartolomo il 2016-01-08 in #persone #lomoamigos
    Il viscerale Lomo Amigo Max Petrone

    La nostra fotocamera La Sardina DIY ha avuto il piacere di ricevere una personalizzazione da un artista dai mille colori, il Lomo Amigo Max Petrone! Abbiamo deciso di fare due chiacchere con questo artista di fama internazionale per capire cosa frulla nella sua testa mentre dipinge, ma come tutti i pittori è a dir poco difficile capirlo! Comunque, siamo sicuri che dopo aver letto questa intervista, avrete una voglia pazza di pitturare il primo muro bianco che vi capita davanti!

  • Il fotografo Gilbert Blecken cattura su pellicola le icone musicali

    Scritto da hannah_brown il 2015-03-09 in #persone #lifestyle
    Il fotografo Gilbert Blecken cattura su pellicola le icone musicali

    Negli anni ‘90, Gilbert Blecken era un grande appassionato di musica e scriveva per la sua piccola fanzine. Tutto ció che voleva era intervistare band durante i sound check e fotografarle. Non era un fotografo professionista e non lavorava per una compagnia: lo faceva semplicemente per la sua piccola rivista. Vent’anni dopo, le fotografie di Gilbert sono diventate un’incredibile documentazione di alcune delle più grandi icone musicali di quegli anni. Scopriamo con Gilbert le sue foto e le storie che vi si celano dietro.

  • Shop News

    Proteggi la tua fotocamera

    Proteggi la tua fotocamera

    Se non hai ancora una borsa che protegga la tua fotocamera, approfittane di questo sconto! Vai a farti un giro nel nostro shop online e scopri tutte le fantastiche offerte a tua disposizione!

  • Conservare ricordi con la Lomo´Instant

    Scritto da bgaluppo il 2015-05-05 in #gear #lifestyle
    Conservare ricordi con la Lomo´Instant

    Si tende ad associare la fotografia istantanea con una sensazione di nostalgia. Sebbene io usi spesso la Lomo´Instant con tutti i suoi accessori, dallo Splitzer ai filtri colorati, non posso totalmente discordare da questa opinione. Ogni volta che vedo le mie istantanee sento il bisogno di andare indietro nel tempo, rivivere quegli attimi, provare di nuovo quelle sensazioni catturate. In nome della fotografia analogica e di tutti i bei ricordi, abbiamo voluto passare in rassegna tutti i posti piú classici di Vienna. Goditi le foto!

  • Le ragazze cantavano il Gospel

    Scritto da sirio174 il 2015-07-06 in #persone #lifestyle
    Le ragazze cantavano il Gospel

    Con questo articolo desidero proseguire la mia serie dedicata ai grandi cantautori italiani. Questa volta tocca ad un indimenticabile artista che da pochi anni si è ritirato dai concerti: Ivano Fossati, ed alla sua canzone "La Signora Cantava il Blues" contenuta nel suo album del 1981 intitolato "Panama e Dintorni". A differenza di questa canzone, in questa serie di foto non vedrete una signora cantare il blues a bordo di un treno, ma un simpatico un gruppo di ragazze, che ci ha regalato una bella serata di Gospel in una caldissima giornata di fine Giugno. State a vedere!

  • Riflessi: 15 Composizioni

    Scritto da lomographymagazine il 2016-02-13 in #mondo #lifestyle
    Riflessi: 15 Composizioni

    Condividi il tuo mondo intorno ad una cornice.

  • Shop News

    Fisheye One All Black

    Fisheye One All Black

    La prima fotocamera fisheye compatta si fa elegante in nero! Avrai il solito angolo di campo a 170° e il flash incorporato.

  • L'incredibile plasticità del mio Industar 10

    Scritto da sirio174 il 2016-02-12 in #gear #reviews
    L'incredibile plasticità del mio Industar 10

    Dopo il mio precedente articolo dedicato allo splendido e luminosissimo Jupiter 3, vi presento ora un obbiettivo che uso spesso, il mio Industar 10. Si tratta della più piccola e compatta copia sovietica del celebre Elmar 50/3,5. Nitido e plastico, è perfetto, montato sulla mia Fed 2, per la fotografia di strada nelle belle giornate di sole. State a vedere!

    1
  • Lomography X La Valigetta

    Scritto da bartolomo il 2016-02-12 in #mondo #competizioni #videos
    Lomography X La Valigetta

    Lomography e La Valigetta, un'etichetta discografica indipendente nata nel 2007, hanno unito le forze per creare questa competizione. Recentemente, i due musicisti Luca Tommasoni e Roberto Tagliabue hanno unito il loro spirito artistico per creare un progetto unico nel suo genere, IISO!

  • ​ Fotocamere Da Amare: Lomography Lomo'Instant

    Scritto da simonesavo il 2016-02-10 in #gear #tipster
    ​ Fotocamere Da Amare: Lomography Lomo'Instant

    ​ Una macchina instantanea in grado di regalare fotografie mozzafiato. Dotata di ottiche intercambiabili di elevata qualità, e di esposimetro esterno per non sbagliare i nostri scatti. Questo e molto altro é la Lomo'Instant.. Continuate a leggere questo nuovo capitolo della rubrica Fotocamere da Amare!

  • Shop News

    Comando remoto Maxstone

    Comando remoto Maxstone

    Controlla la tua fotocamera digitale usando questo comando remoto che funziona anche da rilevatore meteo.

  • Ricevi lo sconto con l'offerta Lomography di San Valentino

    Scritto da lomographymagazine il 2016-02-09 in #gear #news
    Ricevi lo sconto con l'offerta Lomography di San Valentino

    In nome dell'amore analogico, il negozio Lomography offre fantastici sconti su una selezione di fotocamere.

  • Fotografia di strada con la mia amata Canon AV-1

    Scritto da sirio174 il 2016-02-08 in #gear #reviews
    Fotografia di strada con la mia amata Canon AV-1

    Questa reflex ha per me uno straordinario valore affettivo. Infatti è stata la mia prima reflex giapponese che ho veramente amato insieme alle mie care Fed, Zorki, Zenit e Praktica d'oltrecortina. Per tanti anni è stata una mia fedele compagna quand'ero studente, sino a quando, a causa di un guasto elettronico, ho dovuto lasciarla (la riparazione sarebbe stata troppo costosa rispetto al suo valore). L'ho ritrovata identica, con lo stesso obbiettivo, in una vetrina di un negozio di Como a inizio Novembre. E subito mi è spuntata una lacrima all'occhio... era esattamente identica alla mia cara amica che mi aveva abbandonato! Inutile dire che l'ho portata a casa immediatamente. Perchè questa macchina è speciale, davvero speciale... state a vedere!

  • Stampe alla clorofilla di Binh Danh: Un'intervista

    Scritto da lomographymagazine il 2016-02-08 in #persone #lifestyle
    Stampe alla clorofilla di Binh Danh: Un'intervista

    Nel lavoro di Binh Danh, l'arte è uno spazio dove l'innominato diventa visibile. Quando la guerra è il tema, ogni dettaglio conta. Come può una persona affrontare questa complessa situazione, dove la morte e il valore della vita si intersecano? Il lavoro di un uomo diventa un lavoro su altri uomini. E quindi in questa serie "Immortalità: Quello che rimane della guerra del Vietnam e dell'America", Binh Danh ha realizzato delle stampe alla clorofilla per esprimere il segno indelebile della guerra in terre diverse. Soldati i cui volti sono stati dimenticati e documenti archiviati, hanno un'altra possibilità per essere ricordati.