Il Ponte delle Catene di Budapest

Il Ponte delle Catene (Lánc Híd) attraversa il Danube ed è il più antico ed il più bello tra quelli che collegano Buda e Pest. E’ un ponte sospeso inaugurato nel 1849.

Di notte, insieme al Castello di Buda ed al bastione del pescatore, il Ponte delle Catene offre una visita incantevole mentre è illuminato se tu ti trovi sul lato di Pest (Budapest è costituita dall’unione di due città, Buda e Pest, sulle sponte opposte del fiume – N.d.T.). D’altra parte, se sei sul lato di Buda, tu puoi vedere il ponte insieme al Palazzo del Parlamento ungherese. La loro luccicante illuminazione notturna, insieme alle altre luci della città si riflettono magnificamente nelle acque scure e luccidanti del Danubio in uno scenario da favola!

Credits: lihooi

Il ponte sospeso è stato costruito sulla teoria fondamentale dell’ingegneria strutturale, ove le forze di trazione dei cavi, e le forze di compressione sui pilastri si bilanciano a vicenda. I cavi sospesi tramite le torri sostengono la superficie stradale, e il peso è trasferito dai cavi alle torri, le quali lo trasmettono al terreno.

Credits: lihooi

Le catene di ferro sono tenute da due piloni fluviali di 28 metri, posti su entrambi i lati e in stile classico. Da loro deriva il nome “Ponte delle Catene”. Gli anelli delle catene sono fatte da piastre di ferro lunghe parecchi metri, e le parti sono connesse mediante rivettatura per formare delle catene reali. L’intero ponte è lungo 380 metri.

Credits: lihooi

Nei giorni sereni, camminare lungo il bellissimo Ponte delle Catene di Budapest può essere un’esperienza indimenticabile.

Credits: lihooi

I leoni di pietra situtati su entrambe le spalle sono stati scolpiti dallo scultore János Marschalkó.

Credits: lihooi

NOTA DEL TRADUTTORE (mia aggiunta, autore sirio174): Mentre ero a Budapest, la guida ci raccontava un aneddoto sul ponte: l’ingegnere, progettista durante l’inaugurazione disse: se trovate qualche imperfezione, mi tuffo dal ponte. Convinto che tutto fosse perfetto, si stupì quando qualcuno gli fece notare: “Guarda, i leoni non hanno la lingua”… ed allora dovette tuffarsi!

Scritto da lihooi il 2012-01-25 in #places #lanc-hid #primavera #pest #lca #europa #matrimonio #location #danubio #rescale #ponte-delle-catene #aventure-urbane #doppia #budapest #mx #ungheria #arte-e-cultura #buda
tradotto da sirio174

Altri Articoli Interessanti

  • Le Mani in Pasta ed altre Storie Creative

    Scritto da sirio174 il 2015-07-21 in #people
    Le Mani in Pasta ed altre Storie Creative

    Questo è il mio secondo articolo dedicato alla Giornata dell'Arte e della Creatività organizzata dagli studenti delle scuole superiori di Como a inizio Giugno 2015. Mentre nel precedente articolo vi ho mostrato delle divertenti esibizioni ginniche delle ragazze di un Liceo comasco, in quest'articolo potete vedere quello che hanno combinato i miei studenti di un Istituto Tecnico cittadino. Il tema era l'EXPO, e quindi...

  • L´estetica della New Russar+: cinque consigli di scatto

    Scritto da lomography il 2015-10-28 in #gear #tutorials
    L´estetica della New Russar+: cinque consigli di scatto

    Grazie alla sua sapiente fattura artigianale ed alle sue funzionalitá, la New Russar+ si annovera tra i piú fini accessori fotografici. Per questo vogliamo che tutto ció che di bello esiste, venga fotografato con questo obiettivo, ed ecco alcuni consigli che vi aiuteranno a farlo.

  • Mostrare la bellezza: un'intervista con Francesco Poroli

    Scritto da giulialaura il 2015-07-03 in #people
    Mostrare la bellezza: un'intervista con Francesco Poroli

    Siamo contentissimi di aver lavorato con l´illustratore milanese Francesco Poroli, che vanta collaborazioni con molte delle principali testate italiane ed internazionali, come Il Sole 24 Ore, Panorama ed anche il New York Times. Per noi ha personalizzato la sua La Sardina e ci ha parlato un po´di lui e del suo lavoro. Siamo sicuri che vi piacerá.

    1
  • Shop News

    Diana F+ Cortina

    Diana F+ Cortina

    Immortala i tuoi momenti più belli con la Diana F+ Cortina. La nostra edizione speciale per l'inverno è disponibile solo in quantità limitate!

  • Self to the World: La fotografia di Leanne Surfleet

    Scritto da lomographymagazine il 2015-11-30 in #people
    Self to the World: La fotografia di Leanne Surfleet

    Un autoritratto può avere le sue radici in estrema sicurezza in sé stessi, in estrema timidezza o in entrambi. Leanne Surfleet attraversa questo tipo di oscillazione quando la fotocamera è puntata su di lei. L'attrazione—per quello che ci riguarda—è un mix di ignoto e una certa posa tranquilla. E qua e là, un lembo di pelle che è più un mistero che una rivelazione. Anche i ritratti di altre persone hanno lo stesso silenzioso invito, come incoraggiare domande.

  • Son tornate a potare le rose...

    Scritto da sirio174 il 2015-08-10 in #people
    Son tornate a potare le rose...

    Questa'articolo è dedicato ad un gruppo di volontari comaschi che da tempo si occupa di rendere l'arredo urbano della città più bello e più pulito. Dopo molti interventi di cancellazione dei graffiti, documentata in un mio precedente articolo, questa volta si è provveduto alla risistemazione di una parte del verde pubblico cittadino. State a vedere!

  • Marco Dabbicco con la Lomo'Instant Wide - Il frullatore delle identitá

    Scritto da bartolomo il 2016-01-22 in #people
    Marco Dabbicco con la Lomo'Instant Wide - Il frullatore delle identitá

    Il nostro Lomo Amigo Marco Dabbicco ha dato vita ad una composizione divertente ed unica nel suo genere, dal nome "il frullatore delle identitá". Leggete la sua intervista e scoprite come è riuscito a comporre ritratti che mettono allegria.

  • Shop News

    Diana Mini Monte Rosa

    Diana Mini Monte Rosa

    Rendendo omaggio alle tanto amate vacanze invernali, la Diana Mini Monte Rosa è una fotocamera 35 mm in edizione limitata con un design che richiama i paesaggi innevati. Scoprila sul nostro shop!

  • Mai più (In ricordo delle vittime della Shoah)

    Scritto da sirio174 il 2016-01-27 in #news
    Mai più (In ricordo delle vittime della Shoah)

    Il 27 gennaio è il Giorno della Memoria, riconosciuto per legge dallo Stato Italiano. E' il giorno della liberazione di Auschwitz. Voglio ricordarlo con delle immagini del campo di sterminio di Dachau, scattate durante un mio tour in Germania nel 1995. Le immagini sono toccanti, delicate, non sono "belle foto", ma un ulteriore pezzo di documentazione. Affinchè, dopo averle viste, possiate dire con me: MAI PIU'.

    2
  • Le ragazze cantavano il Gospel

    Scritto da sirio174 il 2015-07-06 in #people
    Le ragazze cantavano il Gospel

    Con questo articolo desidero proseguire la mia serie dedicata ai grandi cantautori italiani. Questa volta tocca ad un indimenticabile artista che da pochi anni si è ritirato dai concerti: Ivano Fossati, ed alla sua canzone "La Signora Cantava il Blues" contenuta nel suo album del 1981 intitolato "Panama e Dintorni". A differenza di questa canzone, in questa serie di foto non vedrete una signora cantare il blues a bordo di un treno, ma un simpatico un gruppo di ragazze, che ci ha regalato una bella serata di Gospel in una caldissima giornata di fine Giugno. State a vedere!

  • Novitá 2015 in casa Lomography: una cronologia

    Scritto da lomography il 2015-12-21 in #news #gear
    Novitá 2015 in casa Lomography: una cronologia

    In casa Lomography il 2015 ha portato una ventata di aria fresca ed innovazione. Di seguito trovate una veloce selezione delle fotocamere, lenti e pellicole che hanno esordito durante questo meraviglioso anno.

  • Shop News

    Foto in un istante

    Foto in un istante

    Cosa c´è di meglio delle fotografie istantanee? La famiglia Lomo'Instant, con il suo splendido design e le sue dimensioni rendono queste fotocamere perfette da portare in giro! Prendila ora e condividi subito le tue foto!

  • Stampe alla clorofilla di Binh Danh: Un'intervista

    Scritto da lomographymagazine il 2016-02-08 in #people
    Stampe alla clorofilla di Binh Danh: Un'intervista

    Nel lavoro di Binh Danh, l'arte è uno spazio dove l'innominato diventa visibile. Quando la guerra è il tema, ogni dettaglio conta. Come può una persona affrontare questa complessa situazione, dove la morte e il valore della vita si intersecano? Il lavoro di un uomo diventa un lavoro su altri uomini. E quindi in questa serie "Immortalità: Quello che rimane della guerra del Vietnam e dell'America", Binh Danh ha realizzato delle stampe alla clorofilla per esprimere il segno indelebile della guerra in terre diverse. Soldati i cui volti sono stati dimenticati e documenti archiviati, hanno un'altra possibilità per essere ricordati.

  • Gite da un giorno: Le Isole Borromee

    Scritto da sirio174 il 2015-11-12 in #places
    Gite da un giorno: Le Isole Borromee

    Il Lago Maggiore, con le sue splendide isole, è una bellissima meta turistica da inizio primavera a tardo autunno. In quest'articolo vi mostrerò due delle più caratteristiche isolette del lago, dalle caratteristiche urbanistiche ed architettoniche completamente differenti tra loro. State a vedere!

  • Dettagli architettonici degni di nota

    Scritto da lomographymagazine il 2015-07-22 in
    Dettagli architettonici degni di nota

    Un edificio é la storia di un impegno collettivo. Le persone che lo hanno materialmente costruito e tiratoa lucido sono ai piú sconosciute, ma il loro lavoro é un concentrato di identitá. Per alcuni l´architettura é qualcosa da vedere e comprare in formato souvenir. Ma per altri, per i viaggiatori con fotocamera sempre al seguito, quello che conta di piú, é la forte componente visiva che sprigiona.