Enzo Bevilacqua: l'immagine della poesia, fotografo del'infinito!

4

Dedicato a mio nonno, Enzo Bevilacqua, grande persona, ma sopratutto grande e semplice artista.

“Allegro,cordiale, di una semplicità ingenua e disarmante , dietro cui celava una personalità forte e una profonda ricchezza interiore” , Enzo Bevilacqua è nato a Montesicuro (Ancona) il 5.02.1925, ma è sempre vissuto ad Osimo con la sua famiglia , fino alla morte avvenuta il 3.02.2003.

Il suo nome è soprattutto legato alla fotografia, a cui ha iniziato a interessarsi nel 1958, quando vinse il suo primo premio in un concorso, la cui giuria era presieduta dal maestro Giuseppe Cavalli, personalità allora già affermata nel mondo della fotografia, di cui Enzo divenne ottimo allievo e a cui fu legato da profonda amicizia. In quegli anni lavorava in particolare col bianco/nero e curava personalmente la stampa delle fotografie.
Nel 1960, insieme con altri, dà vita ad Osimo al circolo fotoamatori “Senza Testa”, con cui anche la città di Osimo si inseriva nel più vasto panorama della fotografia italiana . Inizia così la sua partecipazione a centinaia di concorsi, che lo hanno fatto conoscere nel settore a livello nazionale e che lo hanno sempre visto tra i primi posti.
La conversione al paesaggio è avvenuta, come lui amava sempre ricordare, del tutto fortuitamente, quando insieme con l’amico Domenico Taddioli, scoprì l’Altopiano dei Monti Sibillini, più noto come Castelluccio di Norcia, proprio nel pieno della fioritura.

Castelluccio ha dato ad Enzo grande notorietà e alcune sue foto sono state pubblicate nella rivista “Bell’ Italia”, e tante altre sono apparse in diversi calendari, a tiratura nazionale. “La sua “indagine fotografica”, non si è, però, voluta fermare al paesaggio, e la convinzione, oggi ormai pienamente acquisita, che la fotografia è espressione artistica e atto creativo, paradigma della vita e dell’uomo nella sua individualità e coralità, lo ha portato ancora verso i reportage, proprio per raccontare il lavoro dell’uomo, i suoi ambienti, le sue feste, il suo trionfo e la sua miseria. Pochi ritratti, tante figure, quelle che sapeva cogliere nella nostra campagna marchigiana e nella lontana città irlandese, ma anche quelle che egli proiettava in un mondo “ altro”.

Nei suoi scatti, Enzo, affida al forte cromatismo del giallo, del viola e del verde, il suo amore per la vita, il suo ottimismo, la sua forte capacità comunicativa, mentre esprime nel bianco/nero i suoi dubbi, i timori, le sue riflessioni” . In pochi anni si è imposto nel panorama fotografico italiano, con apprezzamento da parte di critici come Fausto Raschiatore, che in un articolo tratto da “Fotografia, attualità e tendenze” evidenzia come nella sua fotografia si percepisca immediatamente, più che in altri ricercatori della fotografia creativa, il suo voler esprimere tutta la sua personalità, sensibile e positiva, nelle immagini che crea.

Gli scatti, studiati con cura e tecnica evidenti, rappresentano una perfetta sintesi del suo mondo interiore, del suo sentire e del sentirsi parte del mondo che rappresenta. Il suo particolare modo di vedere e percepire la realtà attraverso il filtro personale non lo porta però ad esprimersi in modo ermetico o distante dalla comune sensibilità; la caratteristica della fotografia di Enzo Bevilacqua è che ha un valore didattico, infatti riesce a far accostare anche il profano al gusto del bello, al senso del poetico , al mondo dell’immaginifico che comunque la sua immagine trasmette.

Tutti, guardando i suoi scatti, si sentono inevitabilmente trascinati dentro i suoi paesaggi che rimandano ad un oltre non presente ma immaginario. Tutti, osservando le immagini e contattando il proprio mondo interiore, possono percepire il bello e l’armonia che la natura offre al quotidiano, possono cogliere l’aspetto poetico della realtà circostante, possono essere educati a riscoprire la propria personale sensibilità guidati dalle immagini del fotografo.

Sono immagini dense di motivazioni artistiche, che lanciano un messaggio semplice ma di significativa valenza emozionale. Lavori interessanti, gradevoli, tutti intimamente sentiti dall’autore, che trasmette attraverso essi, una sensibilità particolare, che si esprime nella capacità di scrivere e descrivere le proprie sensazioni piacevoli, rendendole fruibili anche ad altri.

Sono immagini di ampio respiro, paesaggi solenni, ambienti silenziosi, distesi o sospesi nel tempo, adagiati sulle linee dell’infinito. Linee che si rincorrono in piani diversi di lettura visiva, e che rimandano ad un oltre, che oltrepassa l’orizzonte, e che rimanda alla maestosità dell’universo.
Tra le fotografie di Bevilacqua è facile percepire e notare, per l’occhio comune, squarci che parlano della naturalezza, della bellezza di un paesaggio, del suo fascino così semplice e immediato. Spazi solenni e sfumati, tra le nebbie che danno all’immagine una naturale maestosità.

“Osservando i paesaggi dell’autore si ha la sensazione di essere padroni del mondo, di essere in “contatto” con l’ universo, attraverso il linguaggio della natura. Bevilacqua, grazie ad una profonda capacità sensitiva, è riuscito a mettere in “collegamento” le proprie immagini con il creato, con i segreti del creato e le sue stupende “ambiguità”.

La piena consapevolezza di saper “leggere” e di saper “scrivere” con l’obbiettivo, uno strumento meccanico, senza farsi condizionare dall’alta tecnologia, rimanere padroni del proprio io anche di fronte alo sviluppo della scienza tecnologica, è per Bevilacqua un imperativo al quale bisogna sempre essere fedeli.
Enzo vuole “scoprire” e descrivere, magari snidandola, la complessità del paesaggio, oppure il silenzio di una collina, la singolarità di un albero, le fatiche di un volto vissuto, il cammino umile e solitario di una strada bianca di campagna, la spaziosità dell’infinito” .

Dunque Bevilacqua fotografo dell’infinito? Certo, perché nelle immagini,e soprattutto nei paesaggi, di Bevilacqua è possibile intravedere una forte parentela con l’infinito leopardiano. Infatti, citando don Aldo Compagnucci “Il poeta per mezzo della parola esprime la dialettica tra il vedere e l’immaginare, il fotografo esprime con l’immagine la dialettica tra reale e l’oltre reale. Infatti la qualità più evidente della fotografia di Bevilacqua è la fusione armonica e distinta tra ciò che si vede e ciò che i diversi piani dell’immagine fanno intuire.
La magia, o meglio l’arte delle fotografie dei paesaggi, soprattutto della sua amata Castelluccio, sta non tanto nel far vedere alcune cose, appunto, ma nel far pensare alle altre, che sono “oltre la siepe”, come
dice il poeta” .

La suprema abilità di Enzo è di far scorrere davanti agli occhi dell’osservatore anche quello che non c’è, anche quell’infinito immaginario, che sorge dentro l’artista ogni qual volta si perde di fronte alla maestosa bellezza di un paesaggio.

Scritto da drinkwater il 2012-03-06 in #lifestyle

4 Commenti

  1. sirio174
    sirio174 ·

    davvero un artista raffinato! bel ricordo!

  2. lomike
    lomike ·

    ed ora, @drinkwater, hai in mano una grande eredità...da sfruttare al massimo! Vai così fratello!

  3. drinkwater
    drinkwater ·

    Vi ringrazio tantissimo!!!Enzo merita di essere ricordato sempre di più e sempre meglio per ciò che è stato per la fotografia nel '900!

  4. gibri
    gibri ·

    Bellissimo articolo , e foto meravigliose!!!!

Altri Articoli Interessanti

  • Artista Petzval : le foto di Maxime Desessard di una matrimonio unico

    Scritto da shibuya il 2014-06-23 in #persone #lomoamigos
    Artista Petzval : le foto di Maxime Desessard di una matrimonio unico

    La stagione dei matrimoni è arrivata e la nuova lente Petzval si sta preparando a celebrare tanti istanti felici. Il fotografo francese Maxime Desessard non ha perso l'opportunità di testarla durante un matrimonio per il quale stava fotografando. Ma la vera unione è stata tra Maxime e il bokeh della Petzval. Continuate a leggere per scoprire di più sulle foto e sull'esperienza e i consigli del fotografo francese.

  • Eppure chiedilo agli uccelli del cielo...

    Scritto da sirio174 il 2014-04-10 in #mondo #locations
    Eppure chiedilo agli uccelli del cielo...

    ... essi ti daranno risposta! Esattamente quarant'anni fa, nel 1974, il grande menestrello Angelo Branduardi pubblicava il suo primo album, contenente parecchi brani sperimentali, tra cui quello che dà il titolo al presente articolo. Come omaggio al mio cantautore preferito, e in occasione dell'anniversario della pubblicazione del suo primo 33 giri, ho raccolto una serie di foto sulla vita dei volatili... state a vedere!

  • La Sardina: un ottimo inizio!

    Scritto da davezombiee il 2014-05-16 in #reviews
    La Sardina: un ottimo inizio!

    La Sardina è un grande passo per chi vuole scoprire le meraviglie della Lomografia. Foto non molto nitide ma con un tocco molto speciale e ricercato. Per me è un ottimo acquisto e vi mostro cosa ne penso!

  • Shop News

    Portati a casa un pezzo di storia

    Portati a casa un pezzo di storia

    La Zenit MF-1 è stata davvero parte dell´arsenale dell´Intelligence Sovietica. Grazie alle sue ridotte dimensioni, ma corredata di tutte le features necessarie, questa piccola fotocamera è la scelta perfetta per missioni di spionaggio. Ne vengono prodotte poche all´anno e la chance di aggiudicarsene una, è davvero unica! Prendi anche tu il tuo pezzo di storia sovietica! Spedizione esclusiva da Vienna, Austria.

  • Le basi del bokeh: Cose Da Sapere Sul Bokeh

    Scritto da plasticpopsicle il 2014-05-07 in #gear #tipster
    Le basi del bokeh: Cose Da Sapere Sul Bokeh

    Siete curiosi a proposito del bokeh e dell'aspetto o della sensazione che potete ottenere con esso? Questa semplice guida si propone di fornirvi le basi di cui avete bisogno per usare il bokeh a vostro vantaggio.

  • L'ultima chiamata

    Scritto da sirio174 il 2014-03-20 in #lifestyle
    L'ultima chiamata

    Un articolo dedicato ad un oggetto urbano sino a pochi anni fa molto comune, ma che piano piano tende a scomparire dalle nostre città: la cabina telefonica. Troppo spesso preda dei vandali e dei writers, i posti telefonici pubblici meriterebbero maggiore rispetto. Perchè in emergenza possono sempre essere utili... il cellulare può scaricarsi!

  • Lomography x Zenit New Petzval Lens: Intervista a Driely S

    Scritto da antoniocastello il 2014-03-05 in #persone #lomoamigos
    Lomography x Zenit New Petzval Lens: Intervista a Driely S

    Dal Brasile a New York, questo giovane fotografo ha accettato la nostra sfida di portare la Petzval in uno degli ambienti più frenetici della grande mela: la Fashion Week.

  • Shop News

    Inkodye - Come usarlo?

    Inkodye - Come usarlo?

    1.Scuoti bene e applica sul tessuto, usando un fazzoletto di carta per rimuovere l´eccesso. 2.Crea il tuo stile usando Inkofilm, o anche qualsiasi cosa che possa creare un´ombra. 3.Dopodiché esponi il tutto alla luce del sole, o sotto raggi ultravioletti per 10-20 minuti, finché il colore diventa saturo. 4.Metti tutto in lavatrice con Inkowash per rimuovere la tinta superflua. 5.Raddopia il tempo di esposizione se il cielo é coperto. 6.Goditi il risultato!

  • Artista Petzval: Il Fotografo di Matrimoni Johnny Cheng

    Scritto da e_ercolini il 2014-09-25 in #persone #lomoamigos
    Artista Petzval: Il Fotografo di Matrimoni Johnny Cheng

    L'estate è in pieno svolgimento e la stagione dei matrimoni si sta smuovendo. E mentre rincorre la stagione, il fotografo di matrimoni Johnny Cheng ha invitato la sua fidanzata per uno shoot improvvisato. Con la Petzval, ha creato un'unione perfetta tra i prati verdi e l'effetto bokeh della lente, con il risultato di immagini in soft-focus di cui innamorarsi. Continuate a leggere per scoprire cosa ha da dire questo fotografo di matrimoni della Georgia sulla sua esperienza con il nuovo obiettivo Petzval.

  • LomoGuru of the Week International: arsomilio

    Scritto da icequeenubia il 2014-05-07 in #lifestyle
    LomoGuru of the Week International: arsomilio

    Un graphic designer per professione, il nostro LomoGuru della settimana è stato un intenso fotografo analogico per ben cinque anni. Oltre alla fotografia, gestisce anche un free-press di arte e cultura a Firenze. Continuate a leggere per scopre qualcosa in più su Samuele Formiconi o arsomilio, il nostro LomoGuru della settimana!

  • Che Cos’è la Regola del 16?

    Scritto da dopa il 2014-10-29 in #gear #tipster
    Che Cos’è la Regola del 16?

    In quanto Lomografi, probabilmente avrete già sentito parlare della “regola del 16” riguardo alla corretta combinazione di apertura e velocità dell’otturatore. Ma sapete di cosa si tratta? Scopritelo continuando a leggere!

  • Shop News

    Pellicole creative

    Pellicole creative

    Se la tua creativitá aveva bisogno di una spinta, questo è il prodotto giusto per te! Una nuova esperienza di fotografia analogica di aspetta con questo pacchetto di pellicole rare, scadute o fuori produzione. Scegli ora questo pacchetto e attendi gli incredibili risultati che saprá darti!

  • Olympus XA2: Un fantastico ovetto da passeggio

    Scritto da sirio174 il 2014-07-21 in #reviews
    Olympus XA2: Un fantastico ovetto da passeggio

    In questo articolo vi presento il mio piccolo "ovetto" da passeggio, ovvero la mitica Olympus XA2, una compatta point-and-shoot caratterizzata da un obbiettivo medio grandangolare e dalla messa a fuoco a zona. Leggera, compatta, robusta ed affidabile, è un piccolo gioiellino di meccanica comodissimo da portare con me quando voglio fare una passeggiata attrezzato in modo minimale. In questo caso mi è stata utile in una passeggiata sul lungolago e nel centro storico della mia Como. State a vedere!

    1
  • Il servizio autobus di Como

    Scritto da sirio174 il 2014-07-31 in #mondo #locations
    Il servizio autobus di Como

    Dopo aver presentato in un mio precedente articolo il servizio pubblico di navigazione sul Lario, vi presento ora una serie di foto dedicata al servizio pubblico di autobus della mia città Como, con una serie di foto scattate in bianco e nero. State a vedere!

  • Jessica Barthel Scatta con la Lomo'Instant

    Scritto da tomas_bates il 2014-06-17 in #persone #lomoamigos
    Jessica Barthel Scatta con la Lomo'Instant

    Nata a Leipzig in Germania, ma residente a New York, Jessica Barthel é una fotografa piena di talento, che ha provato per noi il prototipo della nuova Lomo'Instant . Non vediamo l´ora di vedere i risultati. Guarda qui sotto per vedere le istantanee piene di avventura e eccitazione!