Adottate anche voi una CRESTA !

13

La Kodak Ltd. UK lanciò la serie Brownie CRESTA nel lontano 1955, quando introdusse nel mercato il modello Cresta I che è stato prodotto fino al 1957.

La Cresta I è una macchina fotografica in bakelite, che ricopia il design della Kodak Brownie 127, anche se è di dimensioni leggermente maggiori.

Il suo design mi ricorda quei film degni anni ’50, in stile “La Dolce Vita”, in cui ogni bella donna tiene i capelli raccolti in un foulard, e se ne sta seduta con le gambe di lato sul sellino di una Vespa, che sfreccia a tutto gas per le strade affollate di una bella città.

E’ considerata l’antenata delle moderne compattine, molto leggera, forse un po’ ingombrante, ma molto intuitiva da utilizzare.

Carica pellicole formato 120 e permette di scattare 12 esposizioni 6×6.

Ha una lente “Kodet” accessoriata di una linguetta che può essere spostata verso destra per impostare un close-up su 4-7 ft. e verso sinistra per impostare un filtro giallo, che un tempo veniva utilizzato per gli scatti in bianco e nero, permettendo di accentuare le nuvole. Se la si tiene al centro, la messa a fuoco va su infinito.

Ha un solo tempo di scatto pari a 1/40 di secondo

Quando la comprai, fui entusiasta nello stringere tra le mani un gioiellino di antiquariato, ma allo stesso tempo, rimasi amareggiato perché la lente dell’obbiettivo era molto impolverata e si intravedeva molta sporcizia al suo interno.

Ma non esitai un solo attimo a pulirla. La Cresta I ha una lente che si lascia smontare facilmente, perché non è incollata al corpo macchina. E’ fissata da un anello metallico che fa da fermo, che può essere estratto con un piccolo cacciavite.

E’ stato soltanto poco tempo fa che ho avuto l’onore e il piacere di testarla, e la cosa che più mi diverte è usare il filtro giallo scattando su una pellicola a colori . . . Vengono fuori foto con effetto REDSCALE !

Fu amore a prima vista… ma poi ho scoperto che la Cresta I era la prima macchina fotografica di una serie durata qualche decennio.

Infatti dopo il modello I, la Kodak Ltd. introdusse sul mercato la Cresta II, molto simile alla precedente sia per design che per funzioni. Questa replica fu prodotta fino all’anno 1959.

L’ultima della famiglia, la Cresta III fu introdotta nel 1960 ed è stata commercializzata fino all’anno 1965.

Ne ho subito acquistata una, in modo da avere per me, la prima e l’ultima della serie ! ! !

A differenza delle precedenti, la Cresta III, presenta delle modifiche sostanziali.

Innanzitutto il design è totalmente diverso. Il colore ”total black” è stato alleggerito da un tenue grigio chiaro che domina nella parte superiore del corpo macchina. Rispetto ai modelli I e II, la Cresta degni anni ’60 è più futuristica, e ha una linea meno bombata e più spigolosa.
Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, questo nuovo modello, ha una lente “Dakon”.
E’ stata mantenuta la linguetta scorrevole verso destra e verso sinistra, in questo caso, spostandola a destra si imposta lo scatto su un valore di scala EV pari a 12 (esterno molto nuvoloso), tenendola al centro si ha un’apertura pari a f/11 e spostandola a sinistra si imposta lo scatto su un valore EV pari a 13 (esterno leggermente nuvoloso, luminoso, senza ombre).

A differenza dei modelli I e II, non è equipaggiata di un filtro giallo, forse perché negli anni ’60 erano meno commercializzate le pellicole in b/w a favore delle color negatives.

Vi dico la verità, mi diverte molto più usare la Cresta I rispetto a sua nipote (per me la Cresta I è la nonna della Cresta III) , per via del filtro giallo . . ma la Cresta III ha fascino da vendere .. è così bella che scommetto vi verrà la “scimmia” e ve la comprate anche voi !

Ecco alcuni scatti fatti con la Cresta III a Roma durante un LOMOmeeting !

Ah dimenticavo, anche la Cresta III è una medio formato e carica pellicole 120.

Consiglio vivamente la ricerca e l’acquisto di queste macchine fotografiche per vari motivi.
1. Lascerete tutti a bocca aperta
2. Si trovano su eBay UK a pochi euro
3. Volete mettere il piacere che vi daranno ?

Cosa aspettate ! ADOTTATE TUTTI una CRESTA !!!

Scritto da giovannidecarlo il 2012-06-18 in #gear #kodak #cresta-3 #redscale #review #120-mm #cresta-1 #vintage #yellow-filter #medium-format

13 Commenti

  1. goonies
    goonies ·

    con il numero 17 mareeeeek HAMSIK!

  2. giovannidecarlo
    giovannidecarlo ·

    un pò di pazienza e ne avrai una anche te ! @goonies

  3. sirio174
    sirio174 ·

    splendidi toni vintage!

  4. giovannidecarlo
    giovannidecarlo ·

    @sirio174 l'unica pecca (che ho omesso nell'articolo) è che entrambe le CRESTA sono prive di posa B, pertanto danno il meglio solo negli esterni

  5. lavale1974
    lavale1974 ·

    PRESA!!! l'ho comprata proprio oggi...

  6. giovannidecarlo
    giovannidecarlo ·

    @lavale1974 hai fatto proprio bene ad adottarne una anche te.. non ti deluderà! :D

  7. lavale1974
    lavale1974 ·

    c' è chi adotta un pigotta... e chi adotta una cresta!!! non vedo l'ora di provarla. Consiglio? un 400 asa va bene?

  8. giovannidecarlo
    giovannidecarlo ·

    si usa un 400 e scatta soggetti - edifici - cani - gatti - vecchietti - coppiette ben illuminati .. ma se c'è una bella luce (e in questo caso è d'obbligo) puoi usare anche un 100 asa .. in bocca al lupo !

    @lavale1974

  9. lavale1974
    lavale1974 ·

    ti farò sapere. Ciaooooooooooooo

  10. lavale1974
    lavale1974 ·

    Ciao primi "cresta sviluppi" ritirati, ho pubblicato le foto, spero ti piacciano!!!

  11. giovannidecarlo
    giovannidecarlo ·

    @lavale1974 belle foto ! mi hai fatto venire voglia di scattarci un rullino in bianco e nero ! :p

  12. lavale1974
    lavale1974 ·

    Pensa che: il rullino era scaduto, era un 100 iso, e aveva appena smesso di piovere...
    é proprio un gioiellino... ma la levetta che tiria dx e a sx a che servono? Per le distanze? io l'ho lasciata sempre in mezzo!

  13. giovannidecarlo
    giovannidecarlo ·

    @lavale1974 è proprio un ottimo risultato ! la levetta spostata a dx serve per le foto da vicino (distanza 4-7 piedi che equivale a 1,5 - 2 metri circa), invece spostata a sx mette un filtro giallo davanti alla lente che se stai scattando con una pellicola a colori, ti da un effetto simile alla redscale.

    Hai fatto bene a tenerla al centro, che è per la distanza su infinito :)

Altri Articoli Interessanti

  • C'è sempre una prima volta

    Scritto da Lomography il 2016-04-04 in #news
    C'è sempre una prima volta

    Non crederete a ciò che abbiamo in serbo per voi con il lancio del nostro prodotto misterioso. Che idea folle, hanno pensato. Non può essere creato, hanno detto. Ma alla Lomography, sappiamo che c'è una prima volta per tutto. Così abbiamo deciso di viaggiare indietro nel tempo e dare un rapido sguardo agli inizii della storia della fotografia. Potrebbero queste pietre miliari avere a che fare con il nostro prodotto misterioso?

  • Come riparare una Instax Wide 100 che sembra spacciata

    Scritto da bartolomo il 2015-11-10 in #gear #tutorials

    Se anche a voi è caduta la fotocamera e ora il suo unico segno di vita è una “E” lampeggiante nel display, questa guida fa al caso vostro!

    1
  • Le ragazze cantavano il Gospel

    Scritto da sirio174 il 2015-07-06 in #people
    Le ragazze cantavano il Gospel

    Con questo articolo desidero proseguire la mia serie dedicata ai grandi cantautori italiani. Questa volta tocca ad un indimenticabile artista che da pochi anni si è ritirato dai concerti: Ivano Fossati, ed alla sua canzone "La Signora Cantava il Blues" contenuta nel suo album del 1981 intitolato "Panama e Dintorni". A differenza di questa canzone, in questa serie di foto non vedrete una signora cantare il blues a bordo di un treno, ma un simpatico un gruppo di ragazze, che ci ha regalato una bella serata di Gospel in una caldissima giornata di fine Giugno. State a vedere!

  • Shop News

    Diana F+ Cortina

    Diana F+ Cortina

    Immortala i tuoi momenti più belli con la Diana F+ Cortina. La nostra edizione speciale per l'inverno è disponibile solo in quantità limitate!

  • Stampe alla clorofilla di Binh Danh: Un'intervista

    Scritto da lomographymagazine il 2016-02-08 in #people
    Stampe alla clorofilla di Binh Danh: Un'intervista

    Nel lavoro di Binh Danh, l'arte è uno spazio dove l'innominato diventa visibile. Quando la guerra è il tema, ogni dettaglio conta. Come può una persona affrontare questa complessa situazione, dove la morte e il valore della vita si intersecano? Il lavoro di un uomo diventa un lavoro su altri uomini. E quindi in questa serie "Immortalità: Quello che rimane della guerra del Vietnam e dell'America", Binh Danh ha realizzato delle stampe alla clorofilla per esprimere il segno indelebile della guerra in terre diverse. Soldati i cui volti sono stati dimenticati e documenti archiviati, hanno un'altra possibilità per essere ricordati.

  • Lomo In-Depth: Consumismo Estetico in Fotografia – un Problema o Moda?

    Scritto da Ciel Hernandez il 2016-05-24 in
    Lomo In-Depth: Consumismo Estetico in Fotografia – un Problema o Moda?

    Il digitale ha ampliato la pratica della fotografia come mezzo per migliorare, abbellire e affermare la realtà.

  • Lucas Simões: Geometria e Fascino

    Scritto da michellymatias il 2016-05-20 in #people
    Lucas Simões: Geometria e Fascino

    L'opera di Luca Simões ci mostra oggetti comuni trasformati in modo da essere quasi irriconoscibili, insegnandoci a vedere le cose in modo differente dal solito.

  • Shop News

    Lomo’Instant Reykjavik Edition

    Lomo’Instant Reykjavik Edition

    Ottieni foto istantanee uniche con la Lomo’Instant Reykjavik. Le varie lenti e lo Splitzer ti permetteranno di dar vita alla tua creatività!

  • Street art con la Lomo'Instant Wide

    Scritto da lomosmarti il 2016-05-20 in #people
    Street art con la Lomo'Instant Wide

    Il nostro community member MetLevi ha portato la Lomo'Istant Wide alla scoperta del *Crem Caramell*, rassegna culturale cremasca che, dopo vent'anni, è tornata per documentare la scena underground della città.

  • Siamo fieri di presentare la nuova Lomo'Instant San Sebastián Edition

    Scritto da Lomography il 2016-05-20 in #news
    Siamo fieri di presentare la nuova Lomo'Instant San Sebastián Edition

    Catapultati nelle calde atmosfere estive con la nuova arrivata nella famiglia di istantanee Lomography! Con le sue meravigliose spiagge e un'atmosfera cosmopolita, la città basca di San Sebastián ci ha dato l'ispirazione per il nostro nuovo gioiellino istantaneo - la Lomo'Instant San Sebastián.

  • Dalla Strada Dritto al Cuore: il Nostro LomoAmigo Soltanto

    Scritto da lomosmarti il 2016-05-19 in #people
    Dalla Strada Dritto al Cuore: il Nostro LomoAmigo Soltanto

    Zaino in spalla, chitarra in mano, Matteo Terzi è un giovane artista di strada che ha viaggiato in autostop in tutta Europa, in compagnia della sola passione per la musica, conquistando il suo pubblico con la sua dolcezza. Qui condivide con noi qualche scatto della sua vita quotidiana realizzato con la Lomo'Instant Sanremo.

  • Shop News

    Foto in sequenza? Super Sampler Black

    Foto in sequenza? Super Sampler Black

    Tira la corda, premi il bottone ed ecco le 4 foto in sequenza!

  • La Lomo'Amigo Oulpiana Tsiatsiou: Momenti con la Lomo'Instant Wide

    Scritto da Lomography France il 2016-05-18 in #people
    La Lomo'Amigo Oulpiana Tsiatsiou: Momenti con la Lomo'Instant Wide

    Oulpiana Tsiatsiou, studentessa di grafica e fotografa amatoriale, è la nostra nuova Lomo Amiga. Era alla ricerca di una fotocamera che potesse dare un look vintage ai suoi scatti e ha optato per la Lomo'Instant Wide!

  • Community LomoAmigo: MELL0NC0LLIE

    Scritto da lomosmarti il 2016-05-17 in #people
    Community LomoAmigo: MELL0NC0LLIE

    Fanatica delle doppie esposizioni, famosa nella nostra community per il suo stile delicato e femminile, i suoi scatti trasmettono la sua anima gentile, sensibile e profonda. Conosciamo meglio mell0nc0llie!

  • Qual è la Tua Impugnatura? (Parte 1: Fotocamere da Taschino)

    Scritto da sirio174 il 2016-05-16 in #gear
    Qual è la Tua Impugnatura? (Parte 1: Fotocamere da Taschino)

    Dopo aver confrontato i mirini di alcune fotocamere, illustrerò ora la loro ergonomia, fornendovi alcuni consigli per la scelta della macchina che meglio si adatta alle vostre esigenze. Comincio, con questo articolo, ad analizzare alcune piccoli apparecchi da taschino.