Con la Musica nel Cuore. Nel Cuore per sempre

2

Una fotografia apparentemente inanimata si risveglia e ci racconta una storia.

“C’era una volta una fotografia,
era piccola, quadrata, a colori non molto vivaci. Ritraeva una bambina di non più di un anno, in piedi in una specie di girello bianco con delle palline rosse e verdi. Aveva gli occhi blu, due piccoli codini sulla testa e un’espressione un po’ monella, con il dito puntato verso l’obiettivo.
Era chiusa in una vecchia scatola di cartone insieme a tante altre di un’infanzia .
Si trovava bene in quel posto. Poteva guardare il giardino dove trascorreva le vacanze, il vestito bordeaux che le piaceva tanto indossare con le pantofole calde a forma di calze e la sorellina darle un schiaffetto sul sedere. Poteva ascoltare i racconti di quelle foto, la sua vita futura e ormai già passata. Aveva passato molti anni in quel luogo. Ogni tanto aveva riso, ogni tanto aveva pianto. C’era polvere ormai, non all’esterno, ma all’interno. La fotografia era stata dimenticata….”

“La fotografia non sapeva più a chi apparteneva. I contorni tutti sfocati. Si rivolse così alle altre foto. Si fece largo tra la folla di volti e immagini sbiadite, alla ricerca di chi l’avrebbe potuta aiutare. Stesso viso, stessi colori, ma un sorriso diverso, più aperto, una luce più forte.

  • Ciao, tu che mi ricordi com’ero, mi sai dire chi sono?
  • Sei tutta sbiadita e offuscata… so che eravamo sempre insieme”

Ecco cosa succede spesso quando si cresce, si dimentica. Partiamo alla scoperta del mondo e ci perdiamo in esso. Chi siamo? Sentiamo la terra franare sotto ai piedi ad ogni cambiamento. E’ come se ad ogni passo si cercasse di restare in equilibrio su una fune.
Tutti abbiamo una storia. Una storia che comincia molto prima di quando ce ne ricordiamo. Inizia da due battiti che diventano uno, da un dolcevita bianco e da alte montagne.
“Corse via. Che fatica questo viaggio. Si sedette sul bordo di un portafoto azzurro e si addormentò. Vide un’immagine più vecchia delle altre, dove una donna dal viso di bambina, guardava con dolcezza chi la immortalava. I capelli neri lungo le spalle, un dolcevita bianco, attorno a lei alte montagne ed il sole che imbruniva.

  • Ciao piccola mia cosa ci fai in giro? Dovresti essere qui, nella mia pancia.”

Abbiamo tanti ricordi. Io i miei li ho scoperti poco tempo fa. Erano stati sempre lì, chiusi in fondo al cuore, così in fondo da non essere più visti, ascoltati, toccati. Si erano persi. Mi sono persa. Nelle mille cose da fare, nel tempo che non era Mio, nelle esperienze della vita.

✘ Youtube: http://youtube.com/watch?v=Q29YR5-t3gg

Questa canzone segna un periodo molto bello con delle persone speciali che mi hanno fatto comprendere il significato del passato, di quanto di inutile mi portavo nello zaino e di ciò che invece è risorsa. Non si può partire senza sapere da dove si viene. Questo non vuol dire rimanere legato al passato, significa fare di esso una base sicura per vivere in modo consapevole il presente.

Ricevere un mondo in regalo non è più impegnativo del donarlo.

Scritto da azotolina il 2012-07-13 in #lifestyle #italy-milano-mamma-papa-sorella-nonna-azotolina-polaroid-analogica-fotografia

2 Commenti

  1. bombuzaka
    bombuzaka ·

    Spettacolo!!!

  2. azotolina
    azotolina ·

    grazie! Sono troppo contenta che l' immagine di copertina sia la foto della mia bisnonna la chiamavo nonna Gigia!

Altri Articoli Interessanti

  • La Daguerreotype: connubio tra arte e scienza

    Scritto da Lomography il 2016-04-16 in #gear
    La Daguerreotype: connubio tra arte e scienza

    La fotografia, fin dalle sue origini, ha scritto da sé la propria storia ed è sempre stata considerata sia per fine artistici che scientifici.Vediamo come Daguerre si aspettava che fosse.

  • Alfredo Buonanno ci racconta dell'utilizzo della lente artistica Daguerreotype Achromat per i Video

    Scritto da lomographymagazine il 2016-04-29 in #news #videos #gear
    Alfredo Buonanno ci racconta dell'utilizzo della lente artistica Daguerreotype Achromat per i Video

    Il video musicale di "Van Gogh", realizzato per Stefano Benni e Fausto Mesolella, combina bagliori di luce a sfondi ruvidi. Se lo potrebbe considerare come la reinterpratazione di Alfredo di una tavolozza da pittura. Il suo strumento? L'omaggio di Lomography alla prima lente della storia, la Daguerreotype Achromat.

  • La Favola del Telefono (Una storia a lieto fine)

    Scritto da sirio174 il 2016-02-20 in #people #places
    La Favola del Telefono (Una storia a lieto fine)

    Nel classico libro "Favole al Telefono" di Gianni Rodari, un padre di famiglia, sempre in giro per l'Italia per motivi di lavoro, trova un metodo per tenersi in contatto con il suo bambino: tutte le sera lo chiama al telefono e gli racconta una breve fiaba. Necessariamente breve, perchè le telefonate costano ed a volte è a corto di gettoni per chiamare da una cabina pubblica... Sono passati tanti anni dall'uscita di questo libro, e le cose sono un po' cambiate... state a vedere!

    1
  • Shop News

    Elegante e divertente: Lomo'Instant Wide Black

    Elegante e divertente: Lomo'Instant Wide Black

    La fotocamera istantanea su largo formato con l’aggiunta di peculiaritá che assicurano un divertimento senza precedenti!

  • Carlotta Coppo, la Lente Petzval ed un Bokeh da sogno

    Scritto da giulialaura il 2015-09-22 in #people
    Carlotta Coppo, la Lente Petzval ed un Bokeh da sogno

    La Lente Petzval non si ferma mai e ci conduce per mano in tutti gli angoli della fotografia. Questa volta si é fermata con la giovane fotografa milanese Carlotta Coppo che l´ha fatta sua fin dal primo momento.

    1
  • C'è sempre una prima volta

    Scritto da Lomography il 2016-04-04 in #news
    C'è sempre una prima volta

    Non crederete a ciò che abbiamo in serbo per voi con il lancio del nostro prodotto misterioso. Che idea folle, hanno pensato. Non può essere creato, hanno detto. Ma alla Lomography, sappiamo che c'è una prima volta per tutto. Così abbiamo deciso di viaggiare indietro nel tempo e dare un rapido sguardo agli inizii della storia della fotografia. Potrebbero queste pietre miliari avere a che fare con il nostro prodotto misterioso?

  • Come i viaggi e la compatta Petri mi hanno fatto rinnamorare della fotografia

    Scritto da Ma. Virginia Parra il 2016-04-13 in
    Come i viaggi e la compatta Petri mi hanno fatto rinnamorare della fotografia

    Perchè se c'è una cosa della fotografia analogica che dubito la digitale possa dare è la permanenza, foto che veramente e fisicamente stanno con te, non solo nella loro fisicità, ma anche nella tua mente e nel tuo cuore.

    2
  • Shop News

    Lomo’Instant Reykjavik Edition

    Lomo’Instant Reykjavik Edition

    Ottieni foto istantanee uniche con la Lomo’Instant Reykjavik. Le varie lenti e lo Splitzer ti permetteranno di dar vita alla tua creatività!

  • Competizione Fotografia Istantanea: The Great Outdoors

    Scritto da lomography il 2015-11-27 in #news
    Competizione Fotografia Istantanea: The Great Outdoors

    Rispolvera le tue abilitá con la fotografia istantanea e prendi parta alla competizione settimanale per guadagnare piggiese da usuare nel nostro Online Shop!

  • Kyoto in un battito d´ali

    Scritto da lomographymagazine il 2015-07-31 in #gear
    Kyoto in un battito d´ali

    Come un chiostro di ciliegi in fiore, cosí i tepmli di Kyoto incantano e rapiscono il cuore dei loro visitatori, che assumono la posture di statue con le fotocamere che pendono dalle mani! Durante la prima visita in particolare si potrebbe soffrire della costante urgnza di fotografare ogni angolo di questa cittá.Il tempio di Kinkaku-ji Temple aed il Fushimi Inari-Taisha sono una costante meta di pellegrinaggio; si potrebbe credere che i turisti vadano sempre di fretta. Ma in realtá sono occupati a gustarsi Kyoto in tutto il suo splendore.

  • Prime impressioni sulla Lomo'Instant Wide: Marta Bevacqua

    Scritto da bartolomo il 2016-03-18 in #people
    Prime impressioni sulla Lomo'Instant Wide: Marta Bevacqua

    Ormai conosciamo tutti la nostra LomoAmiga Marta Bevacqua. In una sua recente intervista ci ha mostrato i suoi magnifici scatti con la Petzval 58, oggi ci racconta della sua avventura con la Lomo'Instant Wide.

  • Shop News

    Foto in un istante

    Foto in un istante

    Cosa c´è di meglio delle fotografie istantanee? La famiglia Lomo'Instant, con il suo splendido design e le sue dimensioni rendono queste fotocamere perfette da portare in giro! Prendila ora e condividi subito le tue foto!

  • Il Mondo a Infrarossi

    Scritto da Julien Matabuena il 2015-10-01 in
    Il Mondo a Infrarossi

    Scenari di terra e acqua si trasformano in materiale onirico, che sembra venire direttamente da film fantastici, in cui la dominante sono colori apparentemente innaturali. Benvenuti nel mondo degli infrarossi.

  • La Lente Artistica New Petzval 58 Bokeh Control alla Lunar New Year Parade

    Scritto da antoniocastello il 2015-06-16 in #gear
    La Lente Artistica New Petzval 58 Bokeh Control alla Lunar New Year Parade

    Da quando Lomography ha lanciato la Lente Artistica New Petzval 58 Bokeh Control come progetto su Kickstarter, abbiamo visto una serie di foto pazzesche, da scimmie di montagna in Giappone, a foto di backstage della Fashion Week di NYC. Molte di queste foto sono state scattate con fotocamera digitale, per questo ora vogliamo vedere come se la cava la New Petzval 58 sulla analogicissima fotocamera Canon Rebel, caricata con pellicola in bianco e nero ed x-pro. Unisciti a noi in questo viaggio nel cuore della China Town di New York durante la Lunar New Year Parade.

  • Lo impiccheranno con una corda d'oro... (Un tributo a Fabrizio de Andrè)

    Scritto da sirio174 il 2015-08-19 in #people
    Lo impiccheranno con una corda d'oro... (Un tributo a Fabrizio de Andrè)

    Pochi giorni fa, in Piazza Duomo a Como, in occasione della Festa Medioevale organizzata dalla Pro Loco cittadina, si è svolto un simpaticissimo flash mob di pochi minuti, che ho ripreso con la mia Olympus a telemetro. Come vedrete, c'è sempre un valido motivo per tenere sempre con noi una macchina fotografica, ovunque andiamo. Ma bando alle chiacchiere e gustatevi questa storiella, omaggio al grande Fabrizio de Andrè ed alla sua Geordie.