Minolta AF-C: la fotocamera perfetta per la pigrizia!

2013-08-04

Il suo aspetto ricorda quello della LC-A, ma leggermente diverso. Può questa fotocamera compatta giapponese, dare il meglio della classica Russia?

Camera e flash staccabile, immagine presa da Ted Court

Adoro le compatte, così quando ho visto questa Minolta AF-C, l’ho dovuta prendere per forza. Sembra una LC-A. E qualcosa che assomiglia alla LC-A, può promettere soltanto cose buone!

Credits: desibel

Amo la mia LC-A tanto quanto amo lo slogan ”non pensare, scatta!”. Purtroppo a volte non penso abbastanza e dimentico di impostare la messa a fuoco. Ecco perché la Minolta AF-C è perfetta per un lomografo pigro proprio come me.

Credits: desibel

La Minolta AF-C è una camera giapponese del 1982. Come dice il nome, ha una messa a fuoco automatica. Ottimo!! Inoltre è possibile impostare gli ISO, da 25 a 400. Ha anche un esposimetro, così la vostra immagine avrà sempre una corretta esposizione. Nella parte anteriore vi è un pulsante di scatto ritardato e si può anche attaccare un flash al suo lato.

Credits: desibel

L’unica cosa negativa è che non è in grado di fare un’esposizione multipla, come la LC-A+. E manca anche la possibilità di uno Splitzer. Tutto sommato è una buona macchina fotografica per quando non si vuole pensare alla messa a fuoco. Quindi se ne prendete una, questa piccola fotocamera, semplice ed affidabile, non vi deluderà!

Scritto da desibel il 2013-08-04 in #gear #kleinbeeld #autofocus #cosina #requested-post #nld #lc-a #minolta #tweedehands #review #minolta-af-c #nederlands
tradotto da yayoboy

Altri Articoli Interessanti