Amber e Ashlie Chavez: Una simbiosi di talento

Come sorelle, possono anche litigare tanto, ma dietro le camere è tutt'altra storia. Incontra le sorelle e fotografe professioniste Ashlie e Amber Chavez.

Amber e Ashlie Chavez

Un paio di mesi fa, ho scritto una recensione su un album sull’EP di The Raveonettes Into the Night. Fui colpito dal fatto che la foto di copertina era stata scattata su pellicola dalle fotografe di Los Angeles, Amber e Ashlie Chavez.

Amber e Ashlie sono sorelle, o meglio, gemelle. La loro collaborazione ha prodotto oltre un decennio di immagini distinte e analogiche che hanno girato per il mondo della moda, su cover di cd ed anche su Spin e Rolling Stone.

Foto di Amber e Ashlie Chavez via Under the Radar

Hai letto bene. Nonostante la proliferazione del ‘tutto digitale’, Amber e Ashlie Chavez preferiscono fare le cose alla maniera analogica. Scattano esclusivamente su pellicola.

Sono stato abbastanza fortunato da mettermi in contatto con queste due talentuose e dolci fanciulle per intervistarle, e sono state molto felici di scambiare pezzi della loro vita ed esperienza da sorelle/fotografe professioniste.

Raccontateci di voi e della vostra carriera simbiotica come fotografi.
Siamo gemelle e abbiamo 26 anni. Non siamo sicure se siamo identiche o meno. Entrambe abbiamo un BFA in Studio Art con una concentrazione sulla Fotografia Creativa. Abbiamo seguito tutte le lezioni insieme e lavorato nella camera oscura insieme. Durante una critica, i nostri progetti sono stati appesi l’uno accanto all’altro. La nostra professoressa ci criticò di avere un’estetica troppo simile per essere di due artisti diversi, ma il nostro contenuto troppo differente per essere visto come un unico artista. Ci disse che avevamo due scelte: “separarci o collaborare” per raggiungere il nostro potenziale. Decidemmo allora di collaborare. Il nostro primo lavoro fotografico fu Symbiotic che delinea la nostra relazione abnormalmente ravvicinate. Ci hanno chiamato “un’ineluttabile unità”.

Come avete iniziato con la fotografia, e qual’è stata la forza che vi ha incoraggiato a seguire la fotografia come una professione?
Nostra madre era una fotografa professionista specializzata nel ritratto di famiglia. Scattava solamente in analogico e faceva bellissimi ritratti in stile “Olan Mills”, nelle case della gente e alcuni in studio. La sua attività si chiamava A Moment in Time. E’ stata la nostra più grande ispirazione. Ci prestò tutti gli attrezzi del mestiere, e li usiamo ancora oggi!

Com’è lavorare con la tua gemella? Potete descrivere il processo di come concettualizzate e conducete uno shooting insieme?
Siamo un team perfetto. Dove una delle due pecca, l’altra eccelle. Una relazione simbiotica.

Come la vostra relazione lavorativa si distacca dal vostro legame da sorelle? Come credete che il fatto di essere sorelle vi aiuti?
Ad essere oneste al 100%, da sorelle, litighiamo sempre! Sempre a ridire di questo e di quello, facendoci saltare i nervi a vicenda, ci conosciamo troppo bene per non irritarci. Senza sentimento ovviamente. Quando lavoriamo, dobbiamo nasconderlo. E’ un’arte dentro se stessa. Essere sorelle ci aiuta a scattare perchè c’è fiducia, se non è la giornata giusta per scattare, so che lei prenderà le redini mentre io ritorno in me stessa.

Cosa amate della fotografia analogica? Perchè avete scelto di restare sulla pellicola anche se molti pensano che la vostra professione sia passata al digitale?
Dritti al punto: il digitale è piatto, la pellicola è reale.

In cosa differisce il tuo stile (fotografico) da quello di tua sorella?
Ashlie: Tendo ad essere più riservata. Entrambe cerchiamo immagini sincere e accattivanti in ambienti domestici/privati – rendendo le nostre immagini a volte oscure o rivelatrici. Ma io tendo ad essere cauta quando scelgo cosa mostrare. Non voglio sfruttare i miei soggetti, nemmeno in una maniera artistica o concettuale.
Amber: Tendo ad essere più sfacciata, anche in una maniera matura, sicuramente mi allontano da ogni immagine turbante.

Segui in particolare codice o serie di regole quando scatti?
Certo. Una dirige lo shooting, entrambe scattano, una delle due modifica. Quindi, in terza persona, Amber di solito dirige ogni shooting ed entrambe abbiamo in mano un paio di camere, e Ashlie modifica e mette insieme il progetto.

Ci sono dei soggetti di cui siete particolarmente entusiaste di scattare? All’interno o all’esterno?
Preferiamo la luce naturale, quindi il pomeriggio è meglio, sia all’interno che all’esterno. La luce della finestra è la nostra preferita.

Puoi citare fotografi o artisti che ammirate? Perché?
Eleanor Carucci, Diane Arbus, William Eggleston, Egon Shiele, Alec Soth, Joseph Cornell, Hannah Wilke, Mark Rauschenberg, Christophe Kutner, Christopher Anderson, Ingmar Bergman, Andrei Tarkovsky, Lawrence Ferlinghetti, Gabriel Garcia Marquez. Solo per citarne alcuni. Perchè li ammiriamo? Perchè hanno un talento fuori dal comune!

Foto di Amber e Ashlie Chavez via stereogum

Devo ammettere che sono un fan delle Raveonettes. Come siete state in grado di iniziare un progetto con loro?
Un giorno nel 2011, The Raveonettes erano a Los Angeles, ed avevano bisogno di un kit per la stampa e semplicemente si sono avvicinati a noi perchè ci avevano visto e a loro piaceva il nostro lavoro. Siamo andati verso la Alexandria e scattato tutto il giorno. Una fotografia che abbiamo scattato è finita per essere la copertina per il loro EP e un anno dopo abbiamo scattato per la copertina del loro album Observator e ci abbiamo lavorato insieme da allora. Sune e Sharon sono persone amorevoli con cui lavorare e ci siamo sempre divertite.

Potreste condividere con noi alcuni dei vostri clienti più noti o progetti più memorabili?
Siamo grandi fan della band Port O’ Brien. Si sono sciolti nel 2011 e il cantante Van Pierszalowski ha iniziato ad esibirsi da solista, nella sua band Waters, poco dopo. Waters, marchiato Capitol Records, ci ha contattato e abbiamo iniziato a scattare con loro regolarmente. Una notte abbiamo preso in prestito un pastore tedesco e abbiamo scattato all’anfiteatro di Hollywood usando soltanto le luci della nostra macchina. La settimana seguente, abbiamo scattato di fronte ad una casa, precedentemente di Kurt Cobain, rimasta ancora vuota.

Foto via Ashlie Chavez

Alcuni progetti interessanti a cui state lavorando o in arrivo?
Di recente siamo diventate attiviste di WeSC e abbiamo scattato per la campagna primaverile 2014. Per ora siamo focalizzati su questo.

Dalla campagna primaverile WeSC Spring 2013 via Amber Chavez

Quale sarebbe il progetto dei vostri sogni?
Il nostro progetto dei sogni sarebbe scattare per vivere.

Potreste condividere un consiglio per tutti gli aspiranti fotografi là fuori?
La scuola non è tutto, l’esperienza non è tutto, e le persone che conosci non sono tutto. E’ tutto questo il ‘tutto’, non focalizzarti troppo su una cosa.

Le ultime parole famose?
Fa’ ciò che devi fare per una ragione. Che sia scattare in bianco e nero, o incorniciare qualcosa a chiazze d’orate di quercia, fallo per una ragione. La fotografia analogica è laboriosa e richiede attenzione, non puoi permetterti di non farlo.

Che vi dicevo? Non sono fantastiche queste due ragazze? Il potere delle ragazze non può essere ancora più ‘cool’ di questo! E cos’è ancora più cool di essere in una società creativa con la tua gemella? Come dice il clichè, ‘due teste sono meglio di una’, e questo si rivela davvero reale per Amber ed Ashlie Chavez.

Guarda altri loro lavori sui siti web di Amber e Ashlie.

Scritto da jillytanrad il 2013-09-30 in #lifestyle #analogue-photography #twins #ashlie-chavez #amber-chavez
tradotto da robertoragno

Altri Articoli Interessanti

  • Janne Parviainen: Il Mago di Luci

    Scritto da mpflawer il 2015-12-22 in #persone #lifestyle #lomoamigos #videos
    Janne Parviainen: Il Mago di Luci

    Janne Parviainen è un artista di 35 anni di Helsinki. È sia un pittore che fotografo, ma a volte usa il suo talento da pittore per fare del light painting una vera e propria arte. I posti abbandonati sono i suoi favoriti, perché secondo lui "sono posti vissuti e pieni di storie da raccontare, sono diari perduti e le foto riemergono le vite passate in quei posti".

  • Community LomoAmigo: simonesavo

    Scritto da giulialaura il 2015-06-12 in #persone
    Community LomoAmigo: simonesavo

    Tutti noi lo conosciamo come la persona dietro alle mille sperimentazioni su pellicola ed alle recensioni su fotocamere (ed anche il numero dei suoi animali domestici é degno di nota!). Incontriamo simonesavo.

    3
  • LomoGuru della settimana: sirio174

    Scritto da Eunice Abique il 2015-03-23 in #persone #lifestyle #videos
    LomoGuru della settimana: sirio174

    Lo conosciamo giá tutti come l´uomo dietro ad alcuni degli scatti di street photography piú incredibili della nostra community, oltre che allo scrittore di numerosi articoli per il nostro Magazine. Oltre a tutto ció é anche un ingeniere ed insegnante di elettronica, nonché un radioamatore. In questa intervista Davide Tambuchi ci parla di radio, ciclismo, Subbuteo e, ovviamente, di fotografia analogica!

  • Shop News

    Lomo’Instant Reykjavik Edition

    Lomo’Instant Reykjavik Edition

    Ottieni foto istantanee uniche con la Lomo’Instant Reykjavik. Le varie lenti e lo Splitzer ti permetteranno di dar vita alla tua creatività!

  • Dettagli architettonici degni di nota

    Scritto da lomographymagazine il 2015-07-22 in #mondo #lifestyle
    Dettagli architettonici degni di nota

    Un edificio é la storia di un impegno collettivo. Le persone che lo hanno materialmente costruito e tiratoa lucido sono ai piú sconosciute, ma il loro lavoro é un concentrato di identitá. Per alcuni l´architettura é qualcosa da vedere e comprare in formato souvenir. Ma per altri, per i viaggiatori con fotocamera sempre al seguito, quello che conta di piú, é la forte componente visiva che sprigiona.

  • Lomo'Instant Wide Gallery: Modalitá Standard

    Scritto da Lomography il 2015-10-14 in #gear #news
    Lomo'Instant Wide Gallery: Modalitá Standard

    Con ‘wide’ intendiamo anche un grande spazio per tutte le follie che possono venirti in mente. La nostra nuova fotocamera istantanea copre molto piú spazio e supporta alla grande le tue sperimentazioni. Per cominciare non c´é niente di meglio che la modalitá standard!

    1
  • Self to the World: La fotografia di Leanne Surfleet

    Scritto da lomographymagazine il 2015-11-30 in #persone #lifestyle
    Self to the World: La fotografia di Leanne Surfleet

    Un autoritratto può avere le sue radici in estrema sicurezza in sé stessi, in estrema timidezza o in entrambi. Leanne Surfleet attraversa questo tipo di oscillazione quando la fotocamera è puntata su di lei. L'attrazione—per quello che ci riguarda—è un mix di ignoto e una certa posa tranquilla. E qua e là, un lembo di pelle che è più un mistero che una rivelazione. Anche i ritratti di altre persone hanno lo stesso silenzioso invito, come incoraggiare domande.

  • Shop News

    Comando remoto Maxstone

    Comando remoto Maxstone

    Controlla la tua fotocamera digitale usando questo comando remoto che funziona anche da rilevatore meteo.

  • Esempi perfetti di foto-riflessione

    Scritto da K. Aquino il 2015-04-28 in #mondo #lifestyle
    Esempi perfetti di foto-riflessione

    I lomografi adorano le riflessioni.Ti basterá dare una rapida occhiata al sito per sentire l´impulso di trovare uno specchio d´acqua in cui si riflettono alberi, oppure una finestra che catturi le persone che vi passano davanti. E come darvi torto? Sono visioni uniche e spettacolari! Ma quali sono tutti i modi in cui possiamo sperimentare questo effetto di sdoppiamento? Sette fotografi ci lanciano altrettante ispirazioni.

    3
  • Viaggio ai confini della Terra: dall’Artide all’Antartide

    Scritto da pan_dre il 2015-02-26 in #mondo #news
    Viaggio ai confini della Terra: dall’Artide all’Antartide

    Pochi viaggiatori, anche tra i più intrepidi, salpano alla volta dell’Artide e dell’Antartide. Uno dei lomografi della nostra community, meglio conosciuto come stouf, è riuscito a mettere piede su entrambe le regioni polari. Mentre visitava queste terre grazie ad una opportunitá lavorativa, non si è dimenticato di portare con sé le sue fedeli fotocamere e i rullini preferiti per catturare alcune scene delle sue spedizioni.

  • Skateboard e fotografia: James Brooke ci parla della sua Petzval

    Scritto da antoniocastello il 2015-02-18 in #persone #lomoamigos
    Skateboard e fotografia: James Brooke ci parla della sua Petzval

    Non solo collabora con Trasher, Juxtapoz e Rolling Stones, ma anche con marchi come Kodak e PND: Joe Brooke é uno dei fotografi piú famosi del panorama skate della West Coast. Forte di una precedente esperienza con una vecchia Petzval montata su una macchina 4x5, si è cimentato per noi con quella nuova! In questa esclusiva intervista Brooke ci parla di se stesso, del suo lavoro e della sua esperienza con la nuova Petzval.

  • Shop News

    Elegante e divertente: Lomo'Instant Wide Black

    Elegante e divertente: Lomo'Instant Wide Black

    La fotocamera istantanea su largo formato con l’aggiunta di peculiaritá che assicurano un divertimento senza precedenti!

  • Pellicole Da Amare: Adox CMS 20 ISO

    Scritto da simonesavo il 2015-05-19 in #persone #reviews
    Pellicole Da Amare: Adox CMS 20 ISO

    Adox CMS è una pellicola ortopancromatica bianco e nero con indice di esposizione di 20 ISO. Pellicola per uso generale che può essere utilizzata in quasi tutte le applicazioni come ritratto, paesaggio, architettura. Continuate a leggere per scoprire di più.

    2
  • Incontriamo la Lente Artistica Lomo LC-A Minitar-1

    Scritto da shhquiet il 2015-06-02 in #gear #news
    Incontriamo la Lente Artistica Lomo LC-A Minitar-1

    La Lente Artistica Lomo LC-A Minitar-1 2.8/32 mm é arrivata tra noi da non molto tempo, ma la sua fama la precede ovunque vada...tanto che ci dispiace annunciarvi che il primo lotto di queste bellezze, la cui consegna é prevista per Luglio, é giá andato a ruba! Tuttavia la buona notizia é che una nuova partita é giá pronta a salpare tra le vostre mani e sulle vostre fotocamere ad Agosto!

  • Kyoto in un battito d´ali

    Scritto da lomographymagazine il 2015-07-31 in #gear #lifestyle
    Kyoto in un battito d´ali

    Come un chiostro di ciliegi in fiore, cosí i tepmli di Kyoto incantano e rapiscono il cuore dei loro visitatori, che assumono la posture di statue con le fotocamere che pendono dalle mani! Durante la prima visita in particolare si potrebbe soffrire della costante urgnza di fotografare ogni angolo di questa cittá.Il tempio di Kinkaku-ji Temple aed il Fushimi Inari-Taisha sono una costante meta di pellegrinaggio; si potrebbe credere che i turisti vadano sempre di fretta. Ma in realtá sono occupati a gustarsi Kyoto in tutto il suo splendore.