Lomopedia: Leica M3

Una pietra miliare per Leica, la M3 è una macchina rangefinder 35mm che è stata introdotta nel 1954 ed ha diverse caratteristiche notevoli. Scopri di più su questa bellezza Leica in questa puntata di Lomopedia!

La macchina fotografica che ha segnato un nuovo punto di inizio per Leitz (ora Leica Camera AG), la M3, è stata introdotta nel 1954 e notata per aver fatto strada a diversi miglioramenti nelle macchine Leica. I modelli precedenti avevano solo attacchi a vite e la M3 aveva un nuovo attacco per obiettivi a baionetta chiamato attacco Leica M (usato ancora oggi). A parte questo, la M3 combinava anche un mirino viewfinder e rangefinder in una sola finestra luminosa, simile a quella della Contax II.

Secondo Ken Rockwell, la M3 è la miglior macchina prodotta da Leica (ha senso che sia il modello Leica più venduto di sempre) ed è considerata da molti come la miglior macchina fotografica di sempre.

Foto da Leica Rumors e Leitz Museum

Specifiche Tecniche:

  • Produttore: Ernst Leitz GMBH Wetzlar Germany
  • Luogo di Produzione: Germania
  • Data di Produzione: 1954 – 1968
  • Sistema di Messa a Fuoco: Mirino rangefinder accoppiato; fattore di ingrandimento .92x; lunghezza di base 69.25mm; lunghezza effettiva 63.71
  • RF Framelines: 50-90-135 (frameline selezionabili sui modelli successivi)
  • Attacco Obiettivi: Compatibile con attacco a baionetta Leica M
  • Otturatore: 1 sec – 1/1000 sec + B & X (1/50sec)
  • Sistema di Esposimetro: nessuno; (possibilità di accoppiare esposimetro e velocità di scatto)
  • Flash: Cold shoe accessoria, Connessione con il cavo di sincronizzazione sul retro; sincronizzazione 1/50 sec X e a piano focale (FP)
  • Tipo Pellicola: Pellicola tipo 135 (35mm standard), ISO 4-1300
  • Tipo Batteria: Nessuna
  • Dimensioni e Peso: 138 × 77 × 33.5mm; 580g
Credits: abhoan, devilfirzen, af-capture, jackpacker, shawnlin, civiceg6 & alienmeatsack

Tutte le informazioni per questo articolo sono state prese da Leica M3 su Wikipedia, Leica M3 su Camerapedia, e Leica M3 su Photoethnography.

Scritto da plasticpopsicle il 2013-10-17 in #reviews

Altri Articoli Interessanti