Il Museo Ebraico di Berlino

2013-11-27

Berlino è una città molto positiva e accogliente. C’è così tanto da vedere e da fare che è facile per un visitatore evitare gli aspetti negativi della storia di Berlino e della Germania. Molte persone che conosco evitano di visitare un posto che è stato, per me, uno dei punti fondamentali della mia gita a Berlino: il Museo Ebraico. Ti avviso, è un errore perdersi questo posto!

Oggi Berlino è una città molto allegra e carina. La sua posizione in Europa e il suo passato la rendono oggi una città veramente cosmopolita. Puoi facilmente passare due settimane a Berlino, divertendoti tantissimo senza prestare molta attenzione alla sua storia. Conosco molte persone che preferirebbero non ricordare i momenti oscuri della storia di Berlino quando visitano questa piacevole città e io li capisco. Ma c’è una cosa che non ti puoi perdere, anche se ti farà ricordare uno dei momenti peggiori della storia dell’umanità, la Shoah. DEVI visitare il Museo Ebraico.

Credits: saidseni

Il Museo Ebraico ha conquistato la mia attenzione per prima cosa a causa della strana forma dell’edificio. È stato solo quando l’ho visitato che ho capito che il museo è fatto in effetti di due edifici, uno più antico e uno moderno, connessi l’uno all’altro.

Questo moderno edificio grigio fu progettato dall’architetto Daniel Libeskind e ospita la parte del museo dedicata alla Shoah. La principale attrazione del museo, l’architettura strana ma molto impressionante di Libeskind, ospita anche la parte di storia che le persone non vogliono dimenticare. Ancora, per me, è la parte migliore di tutto il museo.

Credits: saidseni

Quello che Libeskind ha provato a fare — e penso ci sia davvero riuscito — è stato produrre una certa scomodità per i visitatori che camminano nei corridoi lunghi e scuri, vedendo quello che possedevano le persone ebree arrestate (o anche peggio). Vagare in questo posto scuro e leggere queste storie orribili può provocare tristezza in ognuno, ma c’è un piccolo dettaglio che rende ancora più strana l’esperienza: l’edificio è leggermente inclinato. Non lo noterai, è molto lieve … ma sentirai che c’è qualcosa di strano e non ti sentirai a tuo agio. Personalmente lo sapevo già ed era il motivo per cui questo posto era in cima alla mia lista di posti da non perdere a Berlino

Una volta che pendi, non puoi tornare indietro!

Camminare attraverso i corridoi oscuri dove inizia la visita al Museo Ebraico (ci sono in effetti tre assi: l’*Axis of Continuity*, l’*Axis of Emigration* e l’*Axis of Holocaust*), ho letto qualche storia riguardo alle persone che hanno vissuto quei momenti terribili. Le storie sui bambini sono quelle che mi hanno commosso di più. Quella che non dimenticherò mai è vicina al cuore di ogni lomografo: la storia di un fotografia che un bambino piccolo ebreo aveva scattato ai suoi genitori mentre si preparavano a partire. Più tardi la macchina fotografica venne presa dai nazisti, ma la pellicola si salvò, così puoi vedere la foto nel museo.

Dopo un po’ in questo posto scuro e non confortevole, visitare un giardino fuori sembra una buona idea. Ma il Garden of Exile non è un giardino normale. Per prima cosa è fatto di 49 parallelepipedi di cemento e puoi appena vedere gli ulivi sopra di esso. Ma non è tutto. Secondo l’architetto, l’idea dietro al giardino è di “disorientare completamente il visitatore”. E lo fa sicuramente! Il giardino è inclinato come il resto dell’edificio, è MOLTO inclinato (12º per essere più precisi). Ancora … non si può dire. Visivamente sembra un posto perfettamente dritto. Ma perché sentivo come se stessi cadendo?! Molte persone non apprezzeranno l’esperienza, immagino. Bè io l’ho amata! Stai attento, penso che alcune persone possano sentirsi davvero disorientate e perfino cadere qui.

Solo quando vedi il Garden of Exile da lontano e da sopra puoi dire che non è dritto.

Continuando la visita attraverso le linee e i vuoti dell’edifico di Libeskind, incontrerai l’installazione Menashe Kadishman installation, Shalechet (Foglie Cadute). Circa 10000 facce di ferro sono mostrate sul pavimento di Memory Void e puoi effettivamente camminare sopra di esse. Ancora, una sensazione strana visto che tutte le facce hanno un’espressione sofferente. Il suono prodotto dalla persone che camminano sopra le facce e producono un rumore metallico è anche questa una parte impressionante dell’esperienza

Credits: saidseni

La visita alla parte moderna del museo finisce con le scale che la collegano all’edificio vecchio, il Court of Justice, costruito nel 1735, che ospita l’esibizione Two Millennia of German Jewish History. OGNI singolo aspetto della cultura ebraica, credo, è mostrato qui. Intendo, non c’è modo in cui un essere umano normale possa vedere e imparare tutto quello che è mostrato qui. Probabilmente visiterei il museo più di una volta se ne avessi l’occasione. Questa mostra enorme, anche se potrebbe stancarti per il resto del giorno, è abbastanza informativa e interattiva, il tipo di mostra che apprezzo. Ma è semplicemente troppo! Una cosa che non dimenticherò sono gli orsetti di gomma kosher!

Credits: saidseni

Dopo questa visita, chiunque merita un po’ di riposo. Il giardino appena fuori dal Glass Courtyard è il posto adatto per farlo se visiti Berlino in una tiepida settimana primaverile come ho fatto.

Nemmeno gli alberi potrebbero sembrare “normali” in questo posto, no?

C’è solo una cosa di cui devo avvisarti riguardo alla tua visita al Museo Ebraico di Berlino, specialmente se sei un lomografo: non scatterai mai più in vita tua una foto diritta!

Scritto da saidseni il 2013-11-27 in #luoghi #museo #ilford #storia #shoah #horizon-kompakt #black-white #cultura #ebraico #ebrei #location #mostra #panoramica #ebreo #arte-e-cultura #architettura
tradotto da virtualflyer

Altri Articoli Interessanti

  • Conrad Bauer: Skating Barcelona con la Lomo'Instant Wide

    Scritto da pan_dre il 2016-03-01 in #news #persone
    Conrad Bauer: Skating Barcelona con la Lomo'Instant Wide

    Conrad Bauer: attore che vive a Berlino, pro skater e fotografo ha qualche trucco da mostrare. Scappando dal cielo grigio della Germania, ha portato la Lomo'Instant Wide tra le strade di Barcellona ed ha fatto un po' di scatti per un suo skate video che chiama "postcards for myself."

    2016-03-01
  • Una gita all'EXPO in compagnia della mia Lomo LC-A+ RL

    Scritto da sirio174 il 2015-12-08 in #luoghi #news
    Una gita all'EXPO in compagnia della mia Lomo LC-A+ RL

    L'EXPO 2015 è stato un evento unico per la città di Milano. In visita d'istruzione coi miei studenti di un Istituto Tecnico della mia città Como, ne ho approfittato per scattare una serie di foto in bianco e nero della manifestazione, portando con me una mitica macchina fotografica: la Lomo LC-A+ nella splendida versione dotata di lente Minitar russa originale. Non mi resta che mostrarvi le foto, state a vedere!

    2015-12-08
  • C'è sempre una prima volta

    Scritto da Lomography il 2016-04-04 in #news
    C'è sempre una prima volta

    Non crederete a ciò che abbiamo in serbo per voi con il lancio del nostro prodotto misterioso. Che idea folle, hanno pensato. Non può essere creato, hanno detto. Ma alla Lomography, sappiamo che c'è una prima volta per tutto. Così abbiamo deciso di viaggiare indietro nel tempo e dare un rapido sguardo agli inizii della storia della fotografia. Potrebbero queste pietre miliari avere a che fare con il nostro prodotto misterioso?

    2016-04-04
  • Shop News

    Foto in un istante

    Foto in un istante

    Cosa c´è di meglio delle fotografie istantanee? La famiglia Lomo'Instant, con il suo splendido design e le sue dimensioni rendono queste fotocamere perfette da portare in giro! Prendila ora e condividi subito le tue foto!

  • Mai più (In ricordo delle vittime della Shoah)

    Scritto da sirio174 il 2016-01-27 in #news
    Mai più (In ricordo delle vittime della Shoah)

    Il 27 gennaio è il Giorno della Memoria, riconosciuto per legge dallo Stato Italiano. E' il giorno della liberazione di Auschwitz. Voglio ricordarlo con delle immagini del campo di sterminio di Dachau, scattate durante un mio tour in Germania nel 1995. Le immagini sono toccanti, delicate, non sono "belle foto", ma un ulteriore pezzo di documentazione. Affinchè, dopo averle viste, possiate dire con me: MAI PIU'.

    2016-01-27 2
  • Showcase con la Lomo'Instant: i Best Behavior

    Scritto da Katherine Phipps il 2016-08-25 in #gear #cultura #persone #luoghi
    Showcase con la Lomo'Instant: i Best Behavior

    Quando i nostri amici della band Best Behavior sono partiti per girare gli Stati Uniti abbiamo pensato che la Lomo'Instant fosse perfetta per il loro viaggio on the road. Così la band ha portato la fotocamera con loro nelle città di Boston, Wilmington, Charlottesville e molte altre ancora immortalando il loro tour in prima persona.

    2016-08-25
  • Alfredo Buonanno ci racconta dell'utilizzo della lente artistica Daguerreotype Achromat per i Video

    Scritto da lomographymagazine il 2016-04-29 in #news #videos #gear
    Alfredo Buonanno ci racconta dell'utilizzo della lente artistica Daguerreotype Achromat per i Video

    Il video musicale di "Van Gogh", realizzato per Stefano Benni e Fausto Mesolella, combina bagliori di luce a sfondi ruvidi. Se lo potrebbe considerare come la reinterpratazione di Alfredo di una tavolozza da pittura. Il suo strumento? L'omaggio di Lomography alla prima lente della storia, la Daguerreotype Achromat.

  • Shop News

    Mini Diana Mini Prezzo

    Mini Diana Mini Prezzo

    Crea immagini sognanti in un attimo con questa fotocamera. Il pacchetto include inoltre una lente close-up per ritratti perfetti. Se ti affretti é ancora in sconto nel nostro shop online: viene a visitarci!

  • Visita alla casa di Louis Daguerre a Bry-Sur-Marne

    Scritto da Lomography il 2016-04-20 in #news #videos #gear
    Visita alla casa di Louis Daguerre a Bry-Sur-Marne

    Prima del lancio della lente artistica Daguerreotype Achromat, non era solamente tutto un prototipizzare e pianificare. Il team di Lomography Francia si è preso anche il tempo per apprezzare la storia dietro il progetto. Questa avventura è stata come scrutare dentro l 'albero genealogico di uno degli obiettivi più importanti al mondo.

    2016-04-20
  • Il mio splendido Jupiter 3

    Scritto da sirio174 il 2016-01-22 in #gear
    Il mio splendido Jupiter 3

    Oggi sul sito di Lomography ho appreso la splendida notizia della rinascita di un'ottica leggendaria: il sorprendente e luminosissimo, oltre che nitidissimo Jupiter 3. Posseggo questa lente da tantissimi anni, avendola trovata montata su una Fed 5 che avevo acquistato all'inizio degli anni '90, e che mi aveva destato ottime impressioni sin dal suo primo utilizzo. Penso che il miglior modo per congratularmi con Lomography per l'uscita del nuovo Jupiter 3+ sia presentarvi qui il mio vecchio modello degli anni '70.

    2016-01-22 1
  • L'incredibile plasticità del mio Industar 10

    Scritto da sirio174 il 2016-02-12 in #gear
    L'incredibile plasticità del mio Industar 10

    Dopo il mio precedente articolo dedicato allo splendido e luminosissimo Jupiter 3, vi presento ora un obbiettivo che uso spesso, il mio Industar 10. Si tratta della più piccola e compatta copia sovietica del celebre Elmar 50/3,5. Nitido e plastico, è perfetto, montato sulla mia Fed 2, per la fotografia di strada nelle belle giornate di sole. State a vedere!

    2016-02-12 1
  • Shop News

    Fisheye One All Black

    Fisheye One All Black

    La prima fotocamera fisheye compatta si fa elegante in nero! Avrai il solito angolo di campo a 170° e il flash incorporato.

  • Stampe alla clorofilla di Binh Danh: Un'intervista

    Scritto da lomographymagazine il 2016-02-08 in #persone
    Stampe alla clorofilla di Binh Danh: Un'intervista

    Nel lavoro di Binh Danh, l'arte è uno spazio dove l'innominato diventa visibile. Quando la guerra è il tema, ogni dettaglio conta. Come può una persona affrontare questa complessa situazione, dove la morte e il valore della vita si intersecano? Il lavoro di un uomo diventa un lavoro su altri uomini. E quindi in questa serie "Immortalità: Quello che rimane della guerra del Vietnam e dell'America", Binh Danh ha realizzato delle stampe alla clorofilla per esprimere il segno indelebile della guerra in terre diverse. Soldati i cui volti sono stati dimenticati e documenti archiviati, hanno un'altra possibilità per essere ricordati.

    2016-02-08
  • Cinema o Teatro Fotografato?

    Scritto da sirio174 il 2015-09-01 in
    Cinema o Teatro Fotografato?

    Proprio in questi giorni sto rileggendo il libro di Bela Balasz "Il Film", un importante trattato teorico sull'evoluzione del cinema dagli albori sino al film sonoro. Questo articolo è anche un tributo al fantastico Lomokino, un apparecchio di ripresa che rimanda agli albori della cinematografia. Pertanto eccovi alcune note teoriche tratte dal libro che vi potranno essere utili per capire meglio l'essenza del cinema e per sfruttare al meglio la vostra creatività! Lomokino On!

    2015-09-01 1
  • ​ Fotocamere Da Amare: Lomography SuperSampler

    Scritto da simonesavo il 2016-01-11 in #gear
    ​ Fotocamere Da Amare: Lomography SuperSampler

    Benvenuti in un altro capitolo della rubrica Fotocamere da Amare, oggi è la volta di una fotocamera molto divertente da usare e che regala splendide foto! Oggi vi parlo della Lomography SuperSampler. Per scoprire molto altro su questa piccola fotocamera continuate a leggere.

    2016-01-11