Incontriamo un Pioniere Petzval: Un'Intervista con Geoffrey Berliner

Geoffrey Berliner è il direttore esecutivo della Penumbra Foundation e del Center for Alternative Photography in New York City. Ha un'incredibile collezione di oltre 2000 lenti Petzval vintage e per noi è stato un onore fargli domande sul motivo per cui questo obiettivo sia così importante per lui. Continua a leggere la nostra intervista con questo vero pioniere Petzval!

Un ritratto di Geoffrey Berliner scattato con il Lomography x Zenit New Petzval Lens – © Coco Alexander

Come hai scoperto la fotografia Petzval all’inizio?

Ho comprato il mio primo obiettivo Petzval, un C.C. Harrison in un mercatino dell’usato verso la fine degli anni ‘90. In quel periodo ero insoddisfatto dalla fotografia digitale e stavo esplorando la fotografia su ampio formato. Ho trovato romantica l’idea di usare quest’ottica antiquata ed ero curioso di come si sarebbe comportata questa vecchia lente su pellicola contemporanea. Sono rimasto abbastanza sorpreso dalle sue qualità ottiche inusuali, specialmente nelle aree fuori fuoco. Le aree fuori fuoco sono conosciute con il termine giapponese “Bokeh”. Tutti gli obiettivi hanno il Bokeh, ma questo Bokeh differisce da lente a lente e varia in base al disegno ottico e a come si usa la lente, specialmente quando è molto aperta. La prima cosa che ho notato del mio Petzval è stata che il “Bokeh” era strano ed aveva un look tondeggiante. Questo mi hai spinto a investigare di più sulle qualità di questa lente. Questi primi esperimenti mi hanno spinto a investigare le caratteristiche dei Petzval e a conoscere altre ottiche fotografiche del XIX secolo e la storia della fotografia.

Circa in quel periodo un amico mi ha fatto conoscere il Center for Alternative Photography a New York City dove ho frequentato il mio primo workshop di lastre di collodio umide dove abbiamo fatto ferrotipi. Nella classe tutte le macchine avevano obiettivi Petzval, cioè stavo usando queste ottiche primitive sul mezzo per cui erano state disegnate. Sono rimasto stupefatto dai risultati e ho continuato i miei studi e l’interesse per la prima fotografia, così tanto che mi ha spinto a condividere questa passione. Non è passato molto tempo prima che cominciassi a studiare altri processi primitivi. Questa passione per questi processi mi ha spinto a condividere i miei interessi, ecco perché sono stato coinvolto nell’amministrazione del Center for Alternative Photography e ne sono diventato direttore.

Foto 1: Una piccola parte delle Lenti Petzval di Geoffrey Berliner. Foto 2: La Lomography x Zenit New Petzval Lens – © Coco Alexander

Perché ti piace così tanto la fotografia Petzval?

Di tutti gli obiettivi con cui ho scattato, sia vintage che moderni, il Petzval rimane uno dei miei preferiti. È una lente versatile e complessa disegnata per due ragioni: per abbreviare i tempi di esposizione e fornire un’immagine più nitida. Josef Petzval ebbe successo e il suo nuovo obiettivo era molto più veloce e nitido dell’obiettivo per macchine fotografiche popolare a quei tempi, il Chevalier Achromat, che era lento e si avvicinava alla nitidezza solo diminuendo le aperture. Il Petzval era veloce ed estremamente nitido, anche per gli standard moderni, ma la formula non era perfetta e le aberrazioni ottiche resero il Petzval meno che perfetto, motivo per cui fu usato solo in un certo modo nel XIX secolo. Man mano che gli ingegneri ottici eliminavano le aberrazioni e gli obiettivi moderni rendevano allo stesso modo, molti fotografi hanno cominciato a cercare obiettivi che offrissero un look diverso, facendoli tornare indietro ad obiettivi più vecchi e meno corretti. Una delle prime lenti provate è stata la Petzval perché ha aberrazioni particolari che sono ideali per la fotografia espressiva e d’arte. Poi i fotografi contemporanei che lavorano con processi fotografici del XIX secolo e alternativi vogliono usare l’equipaggiamento originale ed autentico per questi progetti, specialmente dagherrotipi e ferrotipi.

L’obiettivo Petzval è estremamente versatile e ha complessità che permettono di usarlo in diversi modi. La caratteristica più notevole dell’obiettivo Petzval è il campo curvato. Questo significa che l’immagine non è composta piatta sulla pellicola (chiamata rettilinea). Il centro è la sezione più piatta e nitida dell’obiettivo. Man mano che si estende il campo si esce dalla messa a fuoco. Questo campo curvato produce un Bokeh tondeggiante quando si scatta in certo modo contro uno sfondo variegato come alberi con raggi di luce che passano attraverso le foglie. Nel XIX secolo si sarebbe preferito il punto nitido al centro e una Petzval che poteva coprire molto di più era usata su un formato più piccolo, ad esempio una Petzval che avrebbe tranquillamente coperto un 8×10 era usata per un’intera lastra 6 ½ x 8 ½ or 5×7. La Petzval è anche una lente molto veloce (avendo un’apertura massima di f/3.8). Questa velocità offre una profondità di campo molto bassa, specialmente quando usata per ritratti da vicino. Questa bassa profondità di campo offre ciò che si chiama fall off. Questo si può vedere nei ritratti dove gli occhi sono nitidi, ma il naso e le orecchie sono fuori fuoco e sembrano morbidi. Bisogna notare che anche con il fall off e il campo curvato la Petzval è molto nitida al centro ed anche nello stretto range di profondità di campo quando usata alla massima apertura. Questa lente diventa più nitida riducendo l’apertura e aprendo il campo. Si può anche sperimentare con la Petzval invertendo la configurazione dei due elementi air spaced sul gruppo posteriore. Si possono ottenere molti effetti strani così. Un’altra applicazione è quella di usare solo il gruppo ottico frontale chiamato Achromat. Questo è un cemented pair e nel disegno è simile all’obiettivo originale Chevalier Achromat. Questo gruppo frontale quando viene usato molto aperto è molto morbido e diventa progressivamente più nitido diminuendo l’apertura. Questa lente è la base delle lenti a messa a fuoco morbida del movimento Pictorial del tardo XIX- primo XX secolo. Questo obiettivo ha influenzato lo sviluppo di lenti importanti come le Pinkham & Smith Semi-Achromat and Synthetic, usate da Alfred Stieglitz e le Spencer Port-Land, usate da Edward Weston. Come si può vedere la lente Petzval è molto versatile ed ha applicazioni che Joseph Petzval non immaginò mai, o forse lo fece?

La formula Petzval tornò in auge quando furono inventate i filmati. Alcuni dei primi obiettivi usati per questa nuova industria furono Petzval riformulati. Erano usati sia nelle cineprese che nei proiettori. Più tardi, questi cine-Petzval vennero montati sulle macchine digitali moderne, soprattutto sulle micro 4/3. Il nuovo Lomography Petzval è un’aggiunta benvenuta al leggendario design Petzval visto che copre i sensori full frame e le macchine analogiche a pellicola.

Un ritratto di Geoffrey Berliner scattato con il Lomography x Zenit New Petzval Lens – © Coco Alexander

Cosa c’è di speciale in generale nel fare foto con vecchi obiettivi fotografici?

Fotografare con obiettivi vintage è davvero gratificante. Richiede che il fotografo pensi fuori dalle norme accettate di nitidezza, contrasto e saturazione che offrono le lenti moderne. Le lenti vintage hanno imperfezioni che possono essere applicate in modi stupendi e gratificanti per coloro che vogliono prendere questo sentiero. Il Petzval è uno dei più unici ed interessanti disegni ottici mai prodotti.

Se vuoi mettere le mani su una delle nuove Lomography x Zenit New Petzval Lenses, non dimenticarti di iscriverti alla nostra lista d'attesa per ricevere informazioni quando l’obiettivo sarà disponibile per il preordine! Scopri di più sull’obiettivo sul Microsito Petzval

Geoffrey Berliner è il direttore esecutivo della Penumbra Foundation e del Center for Alternative Photography in New York City. La Penumbra Foundation, www.penumbrafoundation.org, è una fondazione non-profit dedicata alle arti fotografiche e all’educazione. Uno degli scopi dell’organizzazione è di mantenere viva l’importanza dei processi basati su emulsioni tipici della prima fotografia in un mondo digitale in rapido cambiamento. Il Center for Alternative Photography è l’ala educativa della fondazione.

Scritto da tomas_bates il 2013-12-06 in #news #intervista #petzval #geoffrey-berliner

Altri Articoli Interessanti

  • LomoMission: La magia della primavera

    Scritto da Eunice Abique il 2015-04-16 in #mondo #competizioni
    LomoMission: La magia della primavera

    Stai finendo la tua amata scorta di pellicole? La LomoMission di questo mese é stata creata apposta per te! Mettin in ghingheri la tua fotocamera e portala a catturare la bellezza della primavera!

  • Lomo LC-A Wide: la velcro-splitzer multi-esposizione

    Scritto da Dario Corso il 2015-04-16 in #gear #tipster
    Lomo LC-A Wide: la velcro-splitzer multi-esposizione

    La Lomo Lc-w consente di fare le doppie esposizioni tramite la linguetta mix posta alla base. Ma per volere giocare un pò di più, e avere immagini che non fossero solo sovrapposte, è stato adattato lo splitzer, specifico per la Lomo Lc-a, al super grandangolo della Lc-w. Ecco che la magia del velcro entra nella storia della lomografia!

    4
  • Piccola Lezione Lomografica: Apertura

    Scritto da camilla_illa il 2015-04-15 in #gear #lifestyle #tipster
    Piccola Lezione Lomografica: Apertura

    Ti sei mai chiesto cosa significano quei termini complicati che i costruttori di fotocamere si sono inventati? Fidati di me, lo so fin troppo bene; Fisica è stata la prima materia a cui ho rinunciato quando ho dovuto scegliere tra lo studio e trascorrere un'altra notte a perseguire avventure giovanili. Ma non preoccuparti - il rimedio per tutte le lacune nella vostra conoscenza è proprio qui: Piccola Lezione di Fotografia Lomography. Segui questa serie e in poco tempo soddisferai tutte le tue curiosità!

  • Shop News

    Proteggi la tua fotocamera

    Proteggi la tua fotocamera

    Se non hai ancora una borsa che protegga la tua fotocamera, approfittane di questo sconto! Vai a farti un giro nel nostro shop online e scopri tutte le fantastiche offerte a tua disposizione!

  • Le star del Sundance in Ferrotipo

    Scritto da Kwyn Kenaz Aquino il 2015-04-14 in #mondo #lifestyle
    Le star del Sundance in Ferrotipo

    Victoria Will ha fotografato nel suo studio Kevin Bacon, Robert Redford, Ethan Hawke ed Ewan McGregor per poi sviluppare le loro foto usando un antico procedimento inventato nel 1851.

  • ElectroAnalogue: White Forest x Lomography

    Scritto da giulialaura il 2015-04-14 in #persone #eventi #competizioni
    ElectroAnalogue: White Forest x Lomography

    Parte una una competition lampo tutta italiana: fotografia analogica e musica elettronica si uniscono per dare vita ad una sfida eccitante. Segna la data sul tuo calendario!

  • Uno sguardo oltre le sbarre

    Scritto da sirio174 il 2015-04-10 in #mondo #locations
    Uno sguardo oltre le sbarre

    Con questo mio articolo inizio una mia indagine urbanistica su luoghi di campagna o di estrema periferia, spesso inosservati, situati nelle vicinanze della mia città Como. In questo caso mi trovavo in auto su una strada secondaria che portava da Alzate Brianza verso Anzano del Parco, quando mi sono accorto che davanti a me c'era parecchio da esplorare e fotografare. Portando sempre una macchina fotografica con me, ne ho approfittato anche questa volta. State a vedere!

  • Shop News

    Un attacco grandangolare

    Un attacco grandangolare

    Monta questa lente grandangolare sulla tua LC-A+ e trasforma i tuoi scatti in un secondo! Scorila ora nel nostro shop online: é ancora in sconto!

  • LomoChrome Turquoise: trasforma le tue foto in quadri incantati

    Scritto da giulialaura il 2015-04-09 in #gear #lifestyle
    LomoChrome Turquoise: trasforma le tue foto in quadri incantati

    Le LomoChrome Turquoise XR 100-400 sono normali pellicole negative a colori che ti stupiranno con i loro effetti. Lo spettro dei colori varia da quello originale per dare vita a risultati che ti lasceranno con la bocca aperta! Lasciati ispirare da questa selezione di foto e prova anche tu queste pellicole in edizione limitata!

  • Le Competitions del Film Photography Day 2015

    Scritto da Eunice Abique il 2015-04-09 in #mondo #competizioni
    Le Competitions del Film Photography Day 2015

    Segnatevelo sul calendario e riunite tutti i vostri fidati compagni di avventure analogiche: il 12 Aprile é il Film Photography Day! Per questo abbiamo creato per l´occasione una competition speciale davvero imperdibile! (Una dritta: tra le tante cose, mettiamo in palio anche due fotocamere LC-A 120)

    3
  • Fotocamere Da Amare: Lomography Diana F+

    Scritto da simonesavo il 2015-04-08 in #gear #reviews
    Fotocamere Da Amare: Lomography Diana F+

    Dopo la rubrica Pellicole Da Amare non potevo che continuare il mio progetto e aprire una rubrica sulle fotocamere. In questa rubrica oltre a parlarvi delle mie amiche di avventura vi parlerò delle loro caratteristiche, accessori supportati e il loro funzionamento per darvi una panoramica in più sulle macchine. La prima macchina non poteva che essere la Lomography Diana F+, mi sembrava doveroso iniziare con lei perché io ho iniziato a scattare proprio grazie a lei!

  • Shop News

    Il regalo che vogliono

    Il regalo che vogliono

    Un voucher Lomography è il regalo perfetto: lascia che il tuo fortunato prescelto decida da sè il suo regalo, cosí potrá anche divertirsi a passeggiare nel nostro negozio online. Disponibili a partire da 10 EUR sono validi per tutti i nostri prodotti e durano per un anno intero! Il voucher puó anche essere combinato con i piggies...cogli la tua chance!

  • Lente Petzval: le foto della community italiana e dei suoi Petzval Artists

    Scritto da giulialaura il 2015-04-08 in #persone #lomoamigos
    Lente Petzval: le foto della community italiana e dei suoi Petzval Artists

    Dopo le meravigliose foto Petzval scattate da tanti fotografi professionisti, che sono stati spesso e volentieri pubblicati tra le pagine virtuali del nostro magazine, è il momento di premiare anche i membri della nostra community.

  • Una passeggiata sui sentieri comaschi con la mia Lomo LC-A+

    Scritto da sirio174 il 2015-04-02 in #gear #reviews
    Una passeggiata sui sentieri comaschi con la mia Lomo LC-A+

    In una delle passeggiate sulle alture che circondano la mia Como, ho portato con me la mia Lomo LC-A+ caricata con un rullino a colori, scattando una serie di foto della città vista dall'alto. Passeggiando sulla strada che porta verso il Monte della Croce, ho scoperto e documentato un altro angolo della mia città. State a vedere!

  • Effetti Collaterali: Il rullino energico

    Scritto da simonesavo il 2015-04-02 in #gear #tipster
    Effetti Collaterali: Il rullino energico

    Finalmente ripartono i miei Tipster sull'alterazione delle pellicole fotografiche. Per l'occasione vi racconto un effetto collaterale che da la carica!

    2