Davide Bordogna e la Diana F+: una storia d'amore

2018-01-24 3

Davide Bordogna è un talentuoso fotografo innamorato della Diana F+. Andiamo a conoscerlo meglio attraverso una serie di splendidi scatti medio formato realizzati in Giappone!

Credits: Davide Bordogna - Album: Lomo in Japan

Ciao Davide, benvenuto su Lomography! Per iniziare vorremo proporti il quiz che abbiamo sviluppato per capire che tipo di fotografo sei.
Puoi dirci il tuo risultato? Ti rispecchia come fotografo?

Il risultato è retro romantic. Devo dire che mi riconosco in questo profilo, forse più retro che romantic, ma credo che sì, possa funzionare!

Credits: Davide Bordogna - Album: Lomo in Japan

Quando e come è iniziata la tua passione per la fotografia?

La passione vera è nata solo nel 2012, a 36 anni. Devo dire grazie a mio fratello Matteo che, vedendo una foto da me fatta con lo smartphone, ha intuito una certa propensione ed un discreto occhio. Sua è stata l'idea di regalarmi la prima reflex e sempre lui mi ha regalato la Diana F+! Di questo lo ringrazierò sempre, perché la fotografia è diventata oggi un bisogno quasi fisico.

Credits: Davide Bordogna - Album: Lomo in Japan

Da cosa ti fai ispirare per scattare una fotografia?

Sicuramente l'ispirazione nasce dalle fotografie di alcuni grandi autori, presenti e passati, che negli anni hanno formato il mio background per poi riemergere nel momento dello scatto.

Credits: Davide Bordogna - Album: Lomo in Japan

Dove nasce questo rapporto speciale con la Diana F+? Cosa ti affascina di più di questa fotocamera?

Il rapporto speciale nasce dalla sua imprevedibilità. Scattare con Diana è sempre una sfida. La previsualizzazione è fondamentale con Diana, ma anche se il risultato non è esattamente come me lo aspettavo, per fortuna raramente resto deluso.

Il fascino risiede nel prendersi tempi che, con il digitale, si sono un po' persi.

Valutare sempre attentamente l'inquadratura prima di scattare; leggere e calcolare la luce senza strumenti e con i pochi controlli che la macchina offre, cercando di centrare l'esposizione corretta; scattare trattenendo il fiato come se si stesse esprimendo un desiderio perché in ogni fotografia, alla fine, si mette sempre un po' di noi stessi. Quando tutti questi elementi si allineano in una perfetta quanto magica congiunzione astrale quello che nasce riesce davvero ad essere sorprendente ed emozionante.

Credits: Davide Bordogna - Album: Lomo in Japan

Gli scatti che hai realizzato con essa sono praticamente tutti in bianco e nero, come mai questa scelta?

Da buon Retro Romantic, per me che mi sono avvicinato alla fotografia nell'era digitale, la fotografia analogica è principalmente bianco e nero. È una scelta figlia della forte fascinazione subita dalla prima fotografia dei grandi maestri.

Il processo fotografico nella sua completezza, che parte dall'immaginare una fotografia fino a vederla stampata passando attraverso l'attesa dello sviluppo, si completa e suggella con una stampa in bianco e nero.

Ho scattato anche qualche rullino a colori, ma, anche se sono felice del risultato, non me ne sono mai completamente innamorato.

Credits: Davide Bordogna - Album: Lomo in Japan

C'è una foto alla quale sei particolarmente affezionato?

Sono molto affezionato alla serie fatta in Giappone, dalla quale è poi nato The Instant of Beauty. La foto alla quale sono più legato è questa:

Credits: Davide Bordogna - Album: Lomo in Japan

E' stata fatta in un tempio buddista a Kamakura, luogo magico non lontano da Tokyo, e forse meglio rappresenta il concetto di Istante della Bellezza che è il fil rouge della serie. L'emozione di vederla esposta questo autunno a Venezia a Palazzo Cà Zenobio, in occasione della prima triennale della fotografia italiana, ne completa poi la mia totale devozione!

Credits: Davide Bordogna - Album: Lomo in Japan

Hai qualche consiglio da dare ai membri della community che usano la Diana F+?

Sicuramente di non farsi abbattere, se neofiti, dai primi scatti dei quali probabilmente non saranno soddisfatti.

La previsualizzazione è il cardine centrale: scattare deve essere il gesto fisico per fissare un'immagine che si ha già composto nella mente.

Poi imparare a leggere al meglio la luce, magari aiutandosi con un esposimetro esterno se necessario.

Credits: Davide Bordogna - Album: Lomo in Japan

Grazie Davide per aver condiviso con noi questi scatti. Per vedere i suoi lavori con la Diana F+ potete visitare il suo sito web, oppure i suoi profili dedicati su Facebook e Instagram.
Per gli altri lavori di Davide potete visitare l'altro sito web e i suoi altri profili Facebook e Instagram.

Scritto da paolocunico il 2018-01-24 in #persone #luoghi #black-and-white #monochrome #120-film #diana #diana-f #bianco-e-nero #davide-bordogna

Orgogliosi di presentare una nuova edizione limitata per la Lomo LC-A+, la LC-Wide e la LC-A 120 caratterizzata da una ricopertura in pelle con una stampa in rilievo. Disponibile in quantità limitate, fai tuo un pezzo di storia Lomography dal nostro shop online o nei nostri Gallery store!

Maggiori informazioni

Lomography Diana F+

Lomography Diana F+

Scatta affascinanti foto senza tempo con la Diana F+. Crea immagini dall'effetto morbido e personalizzale con gli obiettivi addizionali o stampale subito con il dorso istantaneo.

3 Commenti

  1. aronne
    aronne ·

    Foto spettacolari!

  2. davidebordogna
    davidebordogna ·

    Grazie mille!!!

  3. davidebordogna
    davidebordogna ·

    @aronne grazie mille!!!

Altri Articoli Interessanti