Cronache del colore: analizzando l’indaco

I colori hanno diversi significati per la maggior parte di noi. Il color Indaco è uno dei più ricchi colori storicamente il significato del corsa profonda. Lomography ha cercato di capire il significato di ciascuna complessità di variazione del colore e cosa significhi per ognuno di noi.

Il color indaco è uno dei sette colori dell’arcobaleno, tra il blu e il viola. Il suo nome proviene dagli estratti di colorante dei pantaloni Indigofiera tinctoria, il primo nome è stato coniato nel 1289. Detto questo, indaco ha una storia piuttosto interessante da raccontare ed è universalmente amato dalla maggior parte delle culture.

Credits: holgardo & jschussler

Secondo Life Out of Bounds, il colorante è stato utilizzato per la prima volta nel Indus Valley da personalità con un elevato ceto sociale. In Europa era utilizzato anche per colorare la pelle prima delle battaglie. Nel periodo dell’Oro i giapponesi utilizzavano il colore per tinteggiare i kimono dei defunti. Della pianta indaco ci sono state diverse piantagioni nel mondo, come in Belize ( nella Carolina del sud) , Africa dell’est e Bengal. Finora la storia è stata offuscata dall’ ingiustizia verso i coltivatori e dalla tratta degli schiavi.

Non c’è da meravigliarsi se in passato i ricchi fossero ossessionati da un colore artificiale. Nella società, il colore rappresentava un significato ibrido tra il blu e il viola: il mistero e la maestà.

Credits: icuresick, poepel & montagu

Per quanto riguarda lo stato delle piantagioni di indaco, la fotografa francese contemporanea Réhahn ha recentemente realizzato la serie "Indigo Dye in Vietnam" che documenta le donne di Hmongan mentre lavorano la tintura di indaco, focalizzandosi soprattutto sulla mani macchiate di colore.
Il libro Indigo: The Colour That Changed the World di Catherine Legrand mette in mostra la sua ricerca approfondita sul colore e il suo storia tessile in America, Asia ed Europa, con oltre 500 fotografie a colori.

Oggigiorno il colore è diventato un elemento basilare nel mondo del fashion, specialmente nel denim. Il cinema ha anche adottato il tungsteno tra colori suggestivi.
Questo comporterebbe la sottomissione dei colori forti e creare un’estetica fresca e basata su blu e può essere applicata a vari soggetti. Una volta Lomography aveva il Cine400 Tungsten 400 35mm https: //shop.lomography.com/en/lomography-cine-400-35mm che emula i colori freddi e indaco-pesanti dei cineasti. Era tanto popolare che è stato esaurito velocemente!

Credits: gangan, hhjm, maria_vlachou, lullina & blueskyandhardrock

Tuttavia, catturare il colore indaco naturalmente (con l'assenza di emulsioni speciali, filtri) è un compito abbastanza difficile in quanto richiederebbe una grande conoscenza dei temperamenti del cielo. Per catturare cime e cieli color indaco, sarebbe meglio fotografarli quando il sole si avvicina alla sua scomparsa all'orizzonte. Più è lontano da qualcosa, più diventano scuri.

l'indaco sembra raggiungibile solo dalla distanza, come il suo significato.

2018-04-26 #cultura

Altri Articoli Interessanti