Al diavolo la perfezione. Libertà alla fotografia!

Intervista a Mark Sink, appassionatissimo della Diana

Un uomo che ha davvero "vissuto il sogno" della scena artistica Newyorkese degli anni '80 e un amante delle stravaganze che offre la Diana, il fotografo Mark Sink adora la semplicità di utilizzo,l 'effetto giocattolo e i risultati lo-fi. L'ha usata per scattare foto di Andy Warhol, Jean-Michel Basquiat e Grace Jones, così come paesaggi e una miriade di altri soggetti mozzafiato. Nella comunità di artisti che hanno usato Diana, è una delle più riconosciute.

Foto di Mark Sink

Ciao Mark! Quando hai incontrato la Diana per la prima volta e quali sono state le tue prime impressioni?

Il mio primo incontro con la Diana risale agli anni '60, quando i miei genitori me ne regalarono una. Non ricordo di averla usata. Dopo 20 anni la ritrovai con ancora una pellicola incompiuta. Ho realizzato i miei primi scatti dopo una lezione di fotografia con Ruth Thorne Thompson. C'erano delle foto di mia madre. Della sua vita. Queste foto mi hanno tolto il respiro. Era l'inizio della mia carriera, ma nella direzione inversa rispetto agli sviluppi della tecnologia. Non avevo mai visto risultati del genere. Pensavo di essere l'unico ad usarla per scopi artistici. Più tardi, scoprii che non ero il solo. Libri e cataloghi avevano già pubblicato tantissimi utilizzatori della Diana. Io facevo parte della seconda ondata. Holga e Lomo erano al terzo.

Foto di Mark Sink

Hai usato la Diana per documentare la scena artistica degli anni 80’. Ci sono degli scatti che raccontano una storia davvero particolare?

Entrando furtivamente al Museum of Modern Art, all'apertura privata di Cy Twombly [American Abstract Art]; devi solo mostrare ai buttafuori il tuo bicchiere di plastica e ti fanno entrare direttamente [ride]. Ho fotografato Cy e Steve Martin, Francesco Clemente ... c'erano molte star quella notte. Hanno amato la Diana e la puoi osservare dagli occhi dei soggetti. Inoltre, ti permette di avvicinarti a queste star perché capiscono che non sei un giornalista con una macchina professionale. Anzi ti chiedono: "Cos'è questo oggetto?"

Ho molte storie da raccontare. Una delle mie preferite è un gran lavoro che mi è stato commissionato dal New Yorker. Era un corporate report, questo illustrava gli autori importanti, prima dell'uscita dei rispettivi libri pubblicati. Persone come J.D. Salinger (Catcher in the Rye), Rachel Carson (Silent Spring), Jacobo Timerman (Prigioniero senza nome, Cell Without a Number). Era un lavoro molto importante, uno shhoting di 5 giorni, e io mi sono presentato in studio con la mia diana al collo un flash e nient'altro! I clienti, i dirigenti e i creativi presenti non erano molto felici. Non potevano immaginare che non avessi altre attrezzature con me, così tutti mi lasciarono solo con la modella. Ho scattato alcune foto, le ho sviluppate e le ho presentate all'agenzia. Allo stesso tempo, erano impegnati a rovistare tra i vari portfolio per cercare un mio sostituto. Erano inorriditi nel vedermi tornare. Ho mostrato loro i miei scatti. Con mia grande sorpresa, li hanno amati e applauditi. Così riuscii ad ultimare il mio progetto.

Foto di Mark Sink

Secondo te, la fotografia dipende più dal fotografo o dalla fotocamera?

Non potevo dirlo prima, ma in questo caso è il dispositivo che fa tutto il lavoro (ride). Dai forse dipende da entrambi. Naturalmente la tecnica e la visione personale sono fondamentali e se hai questo, il dispositivo (teoricamente) non è molto importante. Oggi, la maggior parte dei grandi musei o collezioni private influenti, stanno valorizzando i grandi lavori fotografici 8x10. Le mie polaroid degli anni '80 sono vintage e di grande valore ora. Ancora più preziose ora che le pellicole Polaroid SX-70 non sono più disponibili.

Foto di Mark Sink

Dobbiamo chiedertelo: cosa ne pensava Andy Warhol della tua macchina fotografica?

La odiava. Preferiva il nuovo, il pulito. Non gli piaceva l'aspetto romantico. "È così vecchio stile", mi disse. Non gli piacevano le immagini morbide. Ora, se gli avessi mostrato i cliché di uomini nudi piuttosto che di donne nude, penso che avrebbe apprezzato sicuramente di più. Mi chiedeva spesso: "Perché non fai foto ai ragazzi?" Ha mantenuto i miei autoritratti di nudo [ride]! Aveva una delle mie Diana che avevo lasciato appositamente per lui, per scattare delle foto. Più tardi, dopo la sua morte, la Warhol Foundation mi chiamò per la pubblicazione di queste foto. Chiesero il mio consenso e se conoscessi l'argomento di queste pellicole. Diedi a Andy una Diana per scattare foto e avevo progettato di sviluppare la sua pellicole per lui. Non l'ha mai usata e l’abbiamo inserita in una capsula del tempo del 1983.

Foto di Mark Sink

New York è cambiata radicalmente negli ultimi anni. Quali sono le cose che ti mancano di più?

Bene, non torno ogni mese come facevo prima abitualmente. Mi mancano gli anni 80’. Ho visto il mutamento della scena artistica dell’ East Village, il formarsi e lo scomparire. Times Square e la 42nd Street sono tutte pulite, così come la Las Vegas. Gli appartamenti a Soho erano convenienti. Ho vissuto in una stanza a £ 150 al mese. E 'stato fantastico! Mi sedevo sui silenziosi giardini e sentivo gli uccelli cantare e il frusciare delle foglie. Mi manca questa stanza. Ho milioni di storie che provengono da questo posto chiamato "House". James Iha di Smashing Pumpkins amava questa stanza. Mi manca l’essere giovane a New York , essere affamato e desideroso. Soprattutto, quella ambizione accecante e la sensazione di essere in grado di realizzare qualsiasi cosa. Ma è sicuramente la stessa adrenalina che motiva la gioventù di oggi.

Le vetrine si sono trasformate. I cliqué sociali cambiano. Anche gli editori. Ma sono sempre le stesse vie per le nuove generazioni ... ora, i vecchi hippy come me che sono sopravvissuti dicono: "Ehi, non hanno club come il CBGB, o Area, o il Mudd Club. " La Boemia sembra essersi trasferita oltre il fiume più di un decennio fa. Tutti quelli che erano belli e pazzi negli anni '80 ora sono tutti vecchi e scontrosi. Ma è divertente essere una reliquia vivente di questo periodo [ride]. Le persone vogliono intervistarti!

La Diana è più “I'm free" o "Walk on the Wild Side"?”

“I am so freeeeee,” aturalmente. Il dispositivo è leggero e divertente. Le persone sorridono quando fai una foto. Facile da trasportare. Il rumore di plastica dell'avvolgitore è il migliore.
.

Foto di Mark Sink

Qual è il tuo peggior ricordo con la Diana?

Parlando del suo divertente rumore di quando riavvolgi, ero in un circolo stampa di alto profilo. Stato scattando delle foto per la visita del Papa a Denver per il New York Times. Quando si è avvicinato, ovviamente ho iniziato a fotografare con la mia Diana. Tutti intorno a me si fermarono e si voltarono a fissarmi. Poi indugiarono sul mio pass di sicurezza, e poi sulla mia macchina fotografica.

Invece un'altra volta, ero responsabile di uno shooting molto importante e mi ritrovai di fronte al presidente di una banca in voga. Gli mostrai la Diana, ridendo, mentre gli dicevo "è solo una macchina fotografica di plastica". Ancora una volta, è stato un grosso errore. Il cliente non aveva capito lo scherzo. Ora porto sempre la Hasselblad e le luci da studio, anche se userò la Diana!

Sì, l'obiettivo tende a cadere a volte. Alcuni elementi possono deteriorarsi. Succede davanti ad ogni sorta di celebrità. Ma ti fai una gran bella risata. Una svolta è successo anche davanti al Papa!

Secondo te, quali sono le caratteristiche che distinguono la Diana rispetto alle altre?

Fa tutto ciò che altri dispositivi non dovrebbero fare. Anteprime e angoli sfocati. E’ fragile, si scioglie al sole. Ha un suo stile. Nancy Burson scambiò una delle sue foto per la Arrow (un clone della Diana), perché apprezzava le sue qualità. La Arrow di scarsa qualità, ma la sfocatura sui lati nelle foto è più intensa.

Hai qualche consiglio per i nostri futuri fotografi che usarenno la Diana?

Concept prima di tutto! La Diana preferisce luci soffuse piuttosto che quella accecante dei giorni di sole. E' una compagna di viaggio ideale e si presta molto bene per le fotografie nuziali. Rende romantico qualsiasi evento o meraviglia turistica del mondo. Non fare fotogiornalismo. Non sono un fan delle foto che contengono un sacco di bla. La Diana funziona molto bene per forme grafiche e ritmo. Cosa ne pensi dell'idea di spazio tra gli oggetti come soggetto delle tue immagini? Datti la possibilità di perdere. Diana lavora perché Diana ti permette di avere incidenti felici. Gli incidenti sono la chiave del tuo successo. Ognuno di noi deve imparare a lasciar andare e fallire. Viviamo in un mondo che è troppo sicuro.

Photos by Mark Sink

Ultimissima cosa, potresti sviluppare la tua Diana haiku per noi?

Un viaggio di plastica leggero
Il mio amore per la dea della caccia Diana
Leggerezza del mio essere.

Scritto da genevievedoyle931 il 2018-06-12 in

Altri Articoli Interessanti