Pinhegg – La storia di come ho costruito un Uovo Stenopeico

3

Da quando ho iniziato a trasformare in Pinhole tutto in mio mondo ho sempre desiderato costruirmi una macchina fotografica speciale, che nascesse cono con lo scopo di scattare una sola fotografia. L'idea era quello di sacrificare la fotocamera nel processo di creazione di foto. Volevo che la macchina fotografica diventasse la fotografia. Per farvi capire, il processo che lega la fotocamera alla fotografia doveva essere lo stesso che lega un pulcino al suo uovo: l'uccellino cresce protetto dal guscio e, quando sarà abbastanza grande, romperà l'uovo e ne nascerà. Quindi ho deciso di creare il Pinhegg - un Uovo Stenopeico.

Credits: francescco

Da un lato non mi sembrava troppo difficile, ma volevo creare il Pinhegg senza rompere l’uovo, usando lo stesso come “camera obscura” e, dopo averlo rotto, trovare la fotografia impressa nell’interno del guscio.

Bene.

D’altra parte il progetto in realtà non era per niente facile e l’ho rimandato per anni fino a quando Lomography e la Giornata Mondiale della fotografia stenopeica che cadeva proprio il giorno di Pasqua non mi hanno dato la scusa giusta per farlo.

Ho provato molte volte e in diversi modi, sporcandomi le mani con un’enorme quantità di uova rotte. Ora i polli mi guardano con dolore e terrore, ma finalmente ho trovatola ricetta giusta per il mio Uovo alla Pinhole

Credits: francescco

Ingredienti:

  • Uova
  • Pinhole
  • Emulsione fotografica liquida (ho usato quella della Rolley)
  • Acidi fotografici (sviluppo e fissaggio)
  • Nastro isolante
  • Stoffa nera
  • Un giardino
  • Testardaggine
  • Pazienza
  • Altra pazienza

Istruzioni

Prendete l’uovo e bucatelo con un multiutensile (io ho usato un Dremel) in modo da ottenere un foro quadrato (2 cm). A questo punto, di solito, vi troverete completamente ricoperti di albume d’uovo. Prima di lavarsi essere sicuri che il guscio d’uovo sia vuoto. Ora lavate voi stessi e l’interno dell’uovo. In camera oscura dipingere l’interno del guscio con l’emulsione in modo da renderlo fotosensibile.

Credits: francescco

Chiudete l’apertura con una scocca (la mia è di rame battuto) in modo da ricreare la naturale forma dell’uovo e alla quale avrete applicato il Pinhole.
Con il nastro adesivo nero tenete unita tutta la struttura.
Noterete che il guscio è trasparente: per evitare ogni problema avvolgere l’uovo con il panno nero accuratamente bucato per lasciare fuori il foro stenopeico. Durante ogni tappa di questo processo l’uovo potrebbe rompersi. Di solito lo fa.

Dovreste finalmente essere riusciti ad avere un perfeto pinhegg incartato. Ora ci vuole un giardino. Mettete voi stessi (io mi sono messo nudo, immobile e accovacciato) al sole di fronte l’uovo (di fronte al pinhole!) per circa trenta secondi. Per fortuna, i miei vicini non mi hanno denunciato alla polizia per oltraggio al pudore – mi auguro che anche i vostri siano così gentili.

Quando ho sentito che l’uovo era rimasto abbastanza impressionato dal mio corpo nudo in giardino sono rietrato in camera oscura. Fate lo stesso, anche se siete rimasti vestiti. Lì, scartare l’uovo, togliete il foro stenopeico (con attenzione) e riempire l’uovo con gli acidi fotografici, prima lo sviluppo e poi il fissaggio. Fatto questo dovreste vedere apparire qualcosa sulla superficie interna. Allargando l’apertura dell’uovo potrete vedere meglio l’immagine: la fotografia dovrebbe essere lì, al negativo e leggermente deformata dalla rotondità del guscio. A questo punto ho rifotografato (con una macchina fotografica ‘normale’) il guscio e lo ho portato al negativo, così da vedere il positivo dell’originale. Potete fare la stessa cosa o sfidare voi stessi per trovare un altro modo per farlo.

La visione del mio ispido corpo nudo non era per me troppo bella, così ho chiesto ad una ragazza di posare per il mio uovo. L’uovo deve aver apprezzato questo, perché la foto che ho fatto dopo tale decisione sono state più ampie e precise dei miei autoritratti.

Credits: francescco

Come potete vedere il tutto appare abbastanza semplice. La parte peggiore è quello di affrontare la fragilità del guscio. Per riuscire a fare quattro fotografie di buona qualità ho distrutto una cinquantina di uova. Avrei potuto fare il ritratto della più grande frittata pinhole fin dai tempi del dadaismo.

Quindi come volevo l’uovo è la fotocamera e la fotografia al tempo stesso. E’ l’inizio e la fine del processo fotografico. Se si aggiungesse una rinascita (non chiedetemi come, per favore), avrete un uovo stenopeico perfetto per pasqua.

Credits: francescco

L’immagine nasce nell’uovo ed è felice lì, tanto da voler rimanerci dentro per sempre. Non uscirà per crescere o invecchiere. Al massimo, a volte, guarderà fuori.

Questo è tutto. Buona Pasqua. E per favore, non dimenticate di pinholizzare il mondo e tutto ciò che vedete!

Francesco Capponi
www.francescocapponi.it

Scritto da francescco il 2011-05-26 in #lifestyle #francesco-capponi #uovo #stenopeico #francesco #pinhegg #giornata-mondiale-della-fotografia-stenopeicay
tradotto da francescco

3 Commenti

  1. biondapiccola
    biondapiccola ·

    Rinnovo i complimenti che ti avevo fatto a Pasqua ... ma con gli albumi e i tuorli ci hai fatto almeno un ciambellone? :)

  2. photonyx
    photonyx ·

    ê geniale!!
    solo un suggerimento più che fotografico tecnico.
    per evitare che luovo ti si spacchi con tanta facilità puoi irobustirlo per esempio con della lacca, ancora meglio con vinavil o vernice trasparente per legno.
    Certo resta sempre fragile, ma sempre più robusto.
    Se sapessi sviluppare , cosa che mi piacerebbe imparare ci proverei!
    La tua è pura arte! fantastico!!

  3. alekskuntz
    alekskuntz ·

    L'articolo è davvero interessantissimo. Purtroppo con la mia scarsa manualità potrò davvero poco ma... davvero ti faccio i miei più vivi complimenti. Splendido percorso che ha portato ad un eccellente risultato!

Altri Articoli Interessanti

  • Fotografare un concerto di musica classica con una Lomo LC-A

    Scritto da sirio174 il 2014-07-10 in #gear #tipster
    Fotografare un concerto di musica classica con una Lomo LC-A

    Questa primavera lo spazio espositivo presso l'ex chiesa di San Francesco a Como ha ospitato una mostra di pittura inaugurata con un concerto di musica classica. Passavo di lì per caso, portando come sempre con me una macchina fotografica analogica. La mia curiosità per tutti gli eventi culturali mi ha spinto a visitare questa splendida mostra, inaugurata da un concerto di musica classica. Che ho ripreso in condizioni di luce estreme. State a vedere!

    2
  • Quadrati perfetti con la LC-A 120

    Scritto da pripri2000 il 2015-04-23 in #gear #news
    Quadrati perfetti con la LC-A 120

    Cattura tutto ció che hai intorno e fallo tuo con vibranti foto grandangolari! La LC-A 120 ti regalerá avventure e sensazioni uniche e ti sorprenderá con tutte le sue funzioni da sperimentare, tra cui lunghe esposizioni e totale controllo ISO. Inoltre é una fotocamera super veloce ed ultra compatta: perfetta da portare sempre con te. Se ti preoccupano le pellicole di medio formato, rilassati! Puoi usare qualsiasi pellicola da 120, e la scelta é ampia: é proprio questo che rende la LC-A 120 cosí versatile! Goditi questa gallery per avere un´anteprima delle mirabolanti qualitá di questa stupenda macchina fotografica!

  • Piccola Lezione Lomografica: Profondità di Campo

    Scritto da jennifer_pos il 2015-05-22 in #gear #lifestyle #tipster
    Piccola Lezione Lomografica: Profondità di Campo

    Ti sei mai chiesto cosa significano quei termini complicati che i costruttori di fotocamere si sono inventati? Fidati di me, lo so fin troppo bene. Fisica è stata la prima materia a cui ho rinunciato quando ho dovuto scegliere tra lo studio e trascorrere un'altra notte a perseguire avventure giovanili. Ma non preoccuparti - il rimedio per tutte le lacune nella nostra conoscenza è proprio qui: Piccola Lezione di Fotografia Lomography. Segui questa serie e in poco tempo soddisferai tutte le tue curiosità!

  • Shop News

    Portati a casa un pezzo di storia

    Portati a casa un pezzo di storia

    La Zenit MF-1 è stata davvero parte dell´arsenale dell´Intelligence Sovietica. Grazie alle sue ridotte dimensioni, ma corredata di tutte le features necessarie, questa piccola fotocamera è la scelta perfetta per missioni di spionaggio. Ne vengono prodotte poche all´anno e la chance di aggiudicarsene una, è davvero unica! Prendi anche tu il tuo pezzo di storia sovietica! Spedizione esclusiva da Vienna, Austria.

  • La Lente Artistica Lomo LC-A Minitar-1 alla quinta edizione della sfida Barba e Baffi

    Scritto da antoniocastello il 2015-05-21 in #gear #lifestyle #eventi
    La Lente Artistica Lomo LC-A Minitar-1 alla quinta edizione della sfida Barba e Baffi

    Quando stavo per mettere a riposo la mia nuova Lente Artistica Lomo LC-A Minitar-1, mi sono imbattuto nella quinta edizione della gara di uomini baffuti e barbuti di New York!

  • Una perfetta combinazione Lomografica: Lomo Elektra 112 e pellicola Konica SXG100

    Scritto da sirio174 il 2015-05-21 in #gear #reviews
    Una perfetta combinazione Lomografica: Lomo Elektra 112 e pellicola Konica SXG100

    Quest'articolo è dedicato alla più completa macchina Lomo mai prodotta, la splendida e rara Elektra 112, che ho caricato con un rullino a colori scaduto da più di 10 anni. La grande nitidezza dell'obbiettivo, unito ad una pellicola che regge bene gli anni (non subisce eccessive alterazioni cromatiche) ha portato ad una combinazione perfetta per una passeggiata di inizio primavera per la mia Como. State a vedere!

  • LomoMission: Film Noir

    Scritto da Eunice Abique il 2015-05-20 in #mondo #news #competizioni
    LomoMission: Film Noir

    Fai uscire il regista che é in te e buttati in questa LomoMission per tentare la fortuna e vincere una Fisheye No. 2 ed una Fisheye Submarine!

  • Shop News

    Pellicole in sconto con la Lubitel

    Pellicole in sconto con la Lubitel

    Prendi ora il nostro Lubitel & Flash Bundle e potrai avere uno sconto del 15% su tutte le pellicole Lomography!

  • L´effetto Bokeh di James Petrozzello

    Scritto da givesmehell il 2015-05-19 in #persone #lomoamigos
    L´effetto Bokeh di James Petrozzello

    James Petrozzello é un fotografo New Yorkese di stanza a Brooklyn. È un fotogafo a tempo pieno e tra i suoi ritratti possiamo trovare Mick Jagger, Bill Clinton, Wane Gretzky, Shaquille O´Neal e tanti altri. Ha voluto usare la Lente Petzval con un nuovo approccio e qua ci parlerá di questa sua unica ed interessantissima serie di fotografie.

  • Pellicole Da Amare: Adox CMS 20 ISO

    Scritto da simonesavo il 2015-05-19 in #persone #reviews
    Pellicole Da Amare: Adox CMS 20 ISO

    Adox CMS è una pellicola ortopancromatica bianco e nero con indice di esposizione di 20 ISO. Pellicola per uso generale che può essere utilizzata in quasi tutte le applicazioni come ritratto, paesaggio, architettura. Continuate a leggere per scoprire di più.

    2
  • Il mare che bagna Galway

    Scritto da sirio174 il 2015-05-18 in #mondo #locations
    Il mare che bagna Galway

    Durante le mie vacanze primaverili in Irlanda, ho dedicato una intera giornata alla visita di questa caratteristica cittadina situata sulla costa occidentale dell'isola. Ovviamente, in compagnia della mia fidata Olympus XA2, che sto utilizzando sempre di più durante i miei viaggi, grazie alla sua compattezza, leggerezza ed affidabilità, ed al suo straordinario obbiettivo, nitidissimo e praticamente privo di distorsioni.

  • Shop News

    Inkodye - Come usarlo?

    Inkodye - Come usarlo?

    1.Scuoti bene e applica sul tessuto, usando un fazzoletto di carta per rimuovere l´eccesso. 2.Crea il tuo stile usando Inkofilm, o anche qualsiasi cosa che possa creare un´ombra. 3.Dopodiché esponi il tutto alla luce del sole, o sotto raggi ultravioletti per 10-20 minuti, finché il colore diventa saturo. 4.Metti tutto in lavatrice con Inkowash per rimuovere la tinta superflua. 5.Raddopia il tempo di esposizione se il cielo é coperto. 6.Goditi il risultato!

  • Urban Sardina ed una chiacchierata con il grafico Matteo Riva

    Scritto da giulialaura il 2015-05-13 in #persone #news #lomoamigos
    Urban Sardina ed una chiacchierata con il grafico Matteo Riva

    Matteo Riva, in ambiente artistico meglio conosciuto come Crockhaus ha personalizzato per Lomography una La Sardina DIY, corredandola del suo inconfondiblile stile e ribattezzandola Urban Sardina. In questa intervista ci parlerá un po´di sé e dei suoi progetti, mostrandoci anche una serie di foto scattate per noi.

  • A colpi di musica: Lomography e MI AMI Festival

    Scritto da giulialaura il 2015-05-12 in #persone #locations #eventi #competizioni
    A colpi di musica: Lomography e MI AMI Festival

    Una nuova competizione e succulenti premi, quello di cui questo Maggio aveva bisogno! Lomography ed il festival musicale MI AMI si sono uniti per ritmare e scoprire nuovi mondi!

    2
  • La fotografa Elisa Imperi ci accompagna nel mondo incantato della Petzval

    Scritto da giulialaura il 2015-05-11 in #persone #lomoamigos
    La fotografa Elisa Imperi ci accompagna nel mondo incantato della Petzval

    Il viaggio tra le giovani promesse della fotografia italiana continua a suon di Petzval e ci porta dalla fotografa Elisa Imperi. Le suo foto sono come un portale aperto su di un mondo incantato e senza tempo, dove umanitá e natura sembrano fondersi per dare vita ad un´armoniosa unione promordiale.

    1