Non Prendetevela col Digitale!

1

Il futuro è analogico, sì: lo sappiamo tutti?! Ma provate a pensare a quanto di questa rivoluzione analogica si basi sull’intervento digitale e perché funzioni così bene.

Dovete tornare indietro per andare avanti e andare avanti per tornare indietro, un’espressione trita e ritrita e un cliché a tutti gli effetti, ma “Tutti i cliché sono verità lapalissiane e tutte le verità sono vere” – Kerouac. Comunque, immagino di aver già iniziato a divagare.

Viviamo in una società altamente tecnologizzata, piena zeppa di delizie tecnofantastiche e carabattole “cromate” – il cromo sarà molto FIGO i futuro, dev’essere questa la ragione per cui anche Google si sta imbellettando con styling placcati di metallo – ora non più solo per Buck Rodgers!

All’alba della fotografia, i fotografi desideravano ardentemente catturare la vera naturalezza, che era davvero difficile da ottenere su pellicola, date le tante variabili coinvolte, le tante possibilità di sbagliare qualcosa, il tono perfetto della pelle poteva essere rovinato dall’agitazione o da un calo della temperatura, ad esempio. Poi arrivarono le macchine fotografiche digitali, offrendoci l’opportunità di vedere e manipolare finalmente le immagini, istantaneamente, di avere il controllo immediato nelle situazioni di studio e, più importante, di liberarci dagli errori.

Sembrò risolvere ogni possibile problema fotografico; ora, anche l’uomo comune – senza alcuna esperienza – può fare ottime immagini. Ma è giusto quello; una macchina digitale fa immagini, formazioni perfette in ogni pixel di colore e tono naturali. Noi non vogliamo più immagini; noi vogliamo FOTOGRAFIE! Ecco perché noi utilizziamo la pellicola, noi sposiamo l’errore, noi lo usiamo come forma di espressione come faceva Warhol -tutti noi amiamo gli incidenti fortuiti. Questa è una cosa di cui non ci saremmo mai resi conto se non ci fosse stata data l’apparecchiatura per creare la perfezioni in un “premi a metà per la messa a fuoco” – “premi fino in fondo per scattare”.

Più che aver bisogno della sola esistenza della fotografia digitale, la fotografia analogica, in questo anno del signore 2011, ha anche bisogno di un pubblico; ironicamente, la fotografia analogica ha trovato il suo pubblico più vasto, volenteroso e ispirato online, su internet, che è probabilmente l’unica cosa considerata un “posto” esistente pur non esistendo, in pratica la cosa più digitale dell’intero mondo digitale, un tempio del pixel? Come possiamo convertire la grana in pixel per “fare la nostra parte” nella causa analogica – il “bene superiore”, diciamo? Beh, avrete bisogno di uno scanner o di un apparecchio che crei una composizione di pixel partendo dalle vostre creazioni molecolari, che trasformino le vostre fotografie in un’immagine, rendendovi possibile la condivisione attraverso siti e community.

La fotografia analogica basa interamente la sua esistenza sulla realtà del digital imaging, si chiama analogica solo perché è un’alternativa al digitale. Non dovrebbe essere percepita come un’antitesi al digitale ma come qualcosa che esiste in armonia con la nostra attuale società tecnologica; un modo per andare avanti, in un certo senso, andando indietro (ma non per davvero).

Scritto da pmcameraclub il 2011-06-24 in #gear #tutorials #art #digital #tipster #film #analogue #avant-garde #future
tradotto da sidsel

Un Commento

  1. marant69
    marant69 ·

    mmmmh... la fotografia tradizionale, se intesa come utilizzo della pellicola e lo sviluppo della stessa può tranquillamente esistere senza il digitale e ci consente di ottenere dei bei negativi/diapositive da conservare per decenni. Un'altro discorso, in effetti, è la loro fruizione e condivisione il digital imaging permette di semplificare moltissimo il processo! Io apprezzo molto l'unione delle due cose! :-)

Altri Articoli Interessanti

  • Foto alla grande: il nuovo prodotto misterioso di Lomography (Parte 1)

    Scritto da lomography il 2015-10-09 in #news #gear
    Foto alla grande: il nuovo prodotto misterioso di Lomography (Parte 1)

    Hai letto bene: Lomography ha avuto una geniale idea per un nuovo altrettanto geniale prodotto! Ma per quanto vorremmo sputare il rospo fin da ora - e giá rovinare tutto il divertimento? - abbiamo deciso di riscaldare un po´ l´atmosfera e lasciarvi indovinare ancora per qualche giorno. Cosa ne pensate? Dai, provate ad indovinare!

    2
  • C'è sempre una prima volta

    Scritto da Lomography il 2016-04-04 in #news
    C'è sempre una prima volta

    Non crederete a ciò che abbiamo in serbo per voi con il lancio del nostro prodotto misterioso. Che idea folle, hanno pensato. Non può essere creato, hanno detto. Ma alla Lomography, sappiamo che c'è una prima volta per tutto. Così abbiamo deciso di viaggiare indietro nel tempo e dare un rapido sguardo agli inizii della storia della fotografia. Potrebbero queste pietre miliari avere a che fare con il nostro prodotto misterioso?

  • Kyoto in un battito d´ali

    Scritto da lomographymagazine il 2015-07-31 in #gear
    Kyoto in un battito d´ali

    Come un chiostro di ciliegi in fiore, cosí i tepmli di Kyoto incantano e rapiscono il cuore dei loro visitatori, che assumono la posture di statue con le fotocamere che pendono dalle mani! Durante la prima visita in particolare si potrebbe soffrire della costante urgnza di fotografare ogni angolo di questa cittá.Il tempio di Kinkaku-ji Temple aed il Fushimi Inari-Taisha sono una costante meta di pellegrinaggio; si potrebbe credere che i turisti vadano sempre di fretta. Ma in realtá sono occupati a gustarsi Kyoto in tutto il suo splendore.

  • Shop News

    Mini Diana Mini Prezzo

    Mini Diana Mini Prezzo

    Crea immagini sognanti in un attimo con questa fotocamera. Il pacchetto include inoltre una lente close-up per ritratti perfetti. Se ti affretti é ancora in sconto nel nostro shop online: viene a visitarci!

  • Il viscerale Lomo Amigo Max Petrone

    Scritto da bartolomo il 2016-01-08 in #persone
    Il viscerale Lomo Amigo Max Petrone

    La nostra fotocamera La Sardina DIY ha avuto il piacere di ricevere una personalizzazione da un artista dai mille colori, il Lomo Amigo Max Petrone! Abbiamo deciso di fare due chiacchere con questo artista di fama internazionale per capire cosa frulla nella sua testa mentre dipinge, ma come tutti i pittori è a dir poco difficile capirlo! Comunque, siamo sicuri che dopo aver letto questa intervista, avrete una voglia pazza di pitturare il primo muro bianco che vi capita davanti!

  • Fotografie in Libertà con la mia Pentax ME Super

    Scritto da sirio174 il 2016-03-04 in #gear
    Fotografie in Libertà con la mia Pentax ME Super

    Cari amici, come vi avevo promesso in un precedente articolo, vi presento la mia piccola Pentax ME Super, un gioiellino di tecnologia, piccolo e nero come il mitico pulcino Calimero, una macchinetta leggera e dall'uso intuitivo, ma provvista allo stesso tempo di tutti i comandi necessari per un utilizzo professionale: negli anni '80 e '90 è stata il celebre cavallo di battaglia del grande fotografo sociale francese Willy Ronis, che aveva abbandonato la sua Foca a telemetro, regalata ad un gruppo di fotoamatori, per utilizzare solo questa piccola meraviglia, di cui era pienamente soddisfatto.

    2
  • Janne Parviainen: Il Mago di Luci

    Scritto da mpflawer il 2015-12-22 in #videos #persone
    Janne Parviainen: Il Mago di Luci

    Janne Parviainen è un artista di 35 anni di Helsinki. È sia un pittore che fotografo, ma a volte usa il suo talento da pittore per fare del light painting una vera e propria arte. I posti abbandonati sono i suoi favoriti, perché secondo lui "sono posti vissuti e pieni di storie da raccontare, sono diari perduti e le foto riemergono le vite passate in quei posti".

  • Shop News

    Fisheye One All Black

    Fisheye One All Black

    La prima fotocamera fisheye compatta si fa elegante in nero! Avrai il solito angolo di campo a 170° e il flash incorporato.

  • Corri Babbo, Corri!

    Scritto da sirio174 il 2015-12-28 in #persone #news
    Corri Babbo, Corri!

    Quest'articolo è dedicato ad una simpatica manifestazione che ha visto la partecipazione di più di mille persone: una corsa non competitiva in cui tutti erano vestiti da Babbo Natale. L'ho ripresa con la mia Fed 2, caricata con un rullino Ilford Delta 400. Il titolo è un omaggio al celebre film "Forrest Gump". State a vedere!

  • Lomography X il TOdays Festival: annuncio dei vincitori

    Scritto da lomosmarti il 2016-07-29 in #news
    Lomography X il TOdays Festival: annuncio dei vincitori

    Conosciamo i vincitori della competition in collaborazione con il TOdays Festival.

  • È arrivata la Lomo'Instant Milano Edition

    Scritto da Lomography il 2016-07-29 in #gear #news
    È arrivata la Lomo'Instant Milano Edition

    Siamo fieri di presentare la nuova Lomo'Instant Milano Edition - una nuova ondata di stile instantaneo fresco e super stiloso!

  • Shop News

    Lomo’Instant Reykjavik Edition

    Lomo’Instant Reykjavik Edition

    Ottieni foto istantanee uniche con la Lomo’Instant Reykjavik. Le varie lenti e lo Splitzer ti permetteranno di dar vita alla tua creatività!

  • Lorenzo Scudiero: spensierate giornate estive in compagnia della Lomo'Instant

    Scritto da lomosmarti il 2016-07-27 in #persone
    Lorenzo Scudiero: spensierate giornate estive in compagnia della Lomo'Instant

    Lorenzo Scudiero è un giovanissimo fotografo e filmmaker italiano. Nonostante sia un nativo digitale, Lorenzo ha coltivato una grande passione per la fotografia analogica. Vediamo le sue impressioni con la Lomo'Instant!

  • Yusaku Aoki: LomoAmigo per la lente artistica Petzval 85

    Scritto da lomographymagazine il 2016-07-27 in #persone
    Yusaku Aoki: LomoAmigo per la lente artistica Petzval 85

    Yusaku Aoki è un fotografo che di rado fa qualche apparizione in giro per il mondo. Gli abbiamo chiesto di andare in giro per Tokyo con la nuova lente artistica Petzval 85.

  • Creatività con la Lomo'Instant Wide: il nostro community member Pietro Berselli

    Scritto da lomosmarti il 2016-07-26 in #gear #news
    Creatività con la Lomo'Instant Wide: il nostro community member Pietro Berselli

    Creo fotografie dove interagisco con me stesso. In questo modo cerco di conoscermi al meglio inseguendo un equilibrio.