Black_friday_en
Have an account? Login | Nuovo su Lomography? Registrati | Lab | Current Site:

Lubitel Serie 166+ #05: Filosofia (Parte 1)

"Non pensare, scatta!" Questa è una delle 10 Regole D'Oro di Lomography. E' abbastanza difficile "rispettare" questa regola con la Lubitel 166+, visto che si ha bisogno di pensare un po' prima di schiacciare la levetta dell'otturatore. L'ultima delle 10 Regole D'Oro dice "Non preoccuparti di alcuna regola", perciò celebriamo la LENTEZZA della filosofia di scatto della Lubitel 166+.

Questa scatoletta di plastica e metallo è completamente manuale: la Lubitel 166+ non fa il lavoro al posto vostro, perciò dovrete fare tutto da soli! Questa caratteristica vi distinguerà da tutte le migliaia di persone che sono abituate a scattare in digitale.

Per me è abbastanza affascinante, perché mi sembra di “tornare alle origini” della fotografia. Mi piace molto questa sensazione.

Ovviamente, ciò significa che dovrete prendervi il vostro tempo, pensare alla velocità dell’otturatore, all’apertura (basata sugli ISO della pellicola che avrete caricato), la messa a fuoco, la profondità di campo etc. Tutte queste decisioni richiedono del tempo.

Qualcuno potrebbe non apprezzare questo nuovo particolare approccio allo scatto delle fotografie, forse perché non è così facile le prime volte. In realtà non so perché, ma questo approccio mi è piaciuto sin dai primi minuti di utilizzo, perché realizzai che mi stavo veramente godendo l’attività di scattare.

Forse proprio all’inizio sbaglierete nello scattare alcuni fotogrammi (sovraesponendo o sottoesponendo). L’esperienza chiave è quella di divertirsi mentre si scatta: poiché avete a disposizione soltanto 12 fotogrammi (se scattate un rullino in formato quadrato), sicuramente non avrete intenzione di sprecarli (ma anche di sprecare il vostro tempo ed il vostro denaro per sviluppare i vostri rullini).

Alessandro Panelli (alias yo.panic o .panic) è uno studente di Medicina e Chirurgia, un fotografo e uno scrittore di Padova. "Potete leggere di piùsul lavoro e la vita di Alessandro qui o aggiungetelo su Facebook o Google+.

scritto da yopanice tradotto da violetz

No comments yet, be the first

Leggi questo articolo in un'altra lingua

La versione originale di questo articolo è scritta in: English E' inoltre disponibile in: Nederlands, 日本語 & Türkçe.