Lomoinstant_en
Have an account? Login | Nuovo su Lomography? Registrati | Lab | Current Site:

Marilyn Monroe: Il Film Perduto di Peter Mangone

Ha saltato le sue lezioni nella speranza di fotografare il suo idolo mentre lasciava l'albergo. Ma ciò che Pietro Mangone non immaginava era che avrebbe ottenuto qualcosa di molto di più.

L’anno era il 1955, e Peter Mangone aveva appena 15 anni.

D’altra parte, il suo idolo, Marilyn Monroe, era lontana dalla sua età – era una vivace ventinovenne star del cinema. Mangone aveva saltato le lezioni della sua scuola superiore e un giorno andò nel Bronx e si appollaiò su se stesso al di fuori del Gladstone Hotel. Con la nuova fotocamera di suo fratello al seguito, sperava di ottenere qualche scatto di Marilyn mentre esce dall’hotel.

Immagine di Peter Mangone tramite la Galleria Danziger

Quando la star è uscita, Mangone non si aspettava che lei lo invitasse per una passeggiata insieme al suo entourage.

Ma lei l’ha fatto. E il risultato fu un video di cinque minuti e mezzo che ci mostra un assaggio grezzo ma completamente vero sulla leggenda del cinema.

Immagine di Peter Mangone tramite la Galleria Danziger

Mangone conservò il film – insieme alla sua collezione di riviste di cinema – in una scatola di cartone che sarebbe rimasta dimenticata fino al 2002, fino a quando il fratello l’avrebbe trovata, mentre faceva pulizia.

E a partire da questo 10 gennaio, una selezione di immagini tratte dall’opera video di Mangone può essere vista presso la Galleria Danziger a Chelsea, New York, fino al 9 febbraio.

5 ½ minuti. 329 secondi. 28 frame al secondo. 9212 fotogrammi. E ‘straordinario quante volte l’espressione di Marilyn può cambiare e come ogni frazione di secondo di film è interessante, non importa quanto banale la trama. – Comunicato stampa, Danziger Gallery

È possibile visualizzare più fotogrammi qui.

scritto da geegraphye tradotto da sizer77

No comments yet, be the first

Leggi questo articolo in un'altra lingua

La versione originale di questo articolo è scritta in: English