Have an account? Login | Nuovo su Lomography? Registrati | Lab | Current Site:

La curiosa Debonair Super Lens Camera

La Debonair Super Lens è una macchina fotografica curiosa. E' un incrocio ben riuscito tra la Diana e l'Holga ed ha alcune caratteristiche che la rendono davvero unica.

Debonair sembra essere un nome popolare per le macchine fotografiche.

Qui c’è la Imperial Debonair:

Qui una Debonair Diana Clone:

E qui la Debonair 127 :

Questo articolo è dedicato alla Debonair 120 che monta una lente 1:8/60mm Super Lens. Sembra proprio un incrocio tra la Diana e la Holga. Quella che posseggo non ha nessuna indicazione aggiuntiva, ma ho visto che è etichettata come Plastic Filmtastic 120 Debonair.

Nella parte frontale, potete vedere la Super Lens 1:8/60mm.

La lente in plastica ha la stessa lunghezza focale, grandezza e apertura della Holga 120. Le lenti aggiuntive per la Holga entrano nella Debonair perfettamente. Non l’ho misurata, ma credo che la Debonair abbia un’apertura massima di f/8. L’Holga ha un’apertura massima dichiarata di f/8, ma in realtà è un f/10, a meno che non si faccia una modifica per utilizzare effettivamente un f/8. La Diana ha una lunghezza focale di 75mm ed ha un diametro differente. Quindi la Debonair prende le sue lenti dall’Holga.

Il pulsante di scatto funziona e somiglia a quello dell’Holga, anche se è posizionato differentemente..

Guardando la parte superiore della Debonair, è possibile osservare che la lente usa il sistema dell’Holga per la messa a fuoco. L’impostazione Soleggiato/Nuvoloso si trova nella stessa stessa posizione dell’Holga, ma cambia la velocità di scatto anziché cambiare l’apertura del diaframma. Non sono stato capace di misurare la velocità di scatto, ma credo che con l’impostazione “Nuvoloso” la velocità sia di 1/60" e con “Soleggiato” sia di 1/100". Il meccanismo che regola la velocità di scatto è molto interessante. L’otturatore funziona rimbalzando fuori da una linguetta e tornando in posizione di chiusura. Per rendere la velocità di scatto più veloce, si muove una piastra che rende il rimbalzo dell’otturatore più rapido. Inoltre, il flash scatta solo con l’impostazione “Nuvoloso”.

La Debonair è munita dell’attacco flash hot-shoe.

[Asset:1793910]

Quando si guarda posteriormente, la Debonair sembra somigliare più ad una Diana che ad un’Holga. La cover posteriore si apre come la Diana, non come un’Holga. Il mirino è simile alla Diana. Il formato standard è un 6×4.5cm come le originali Diana.

La Debonair è sprovvista della posa “B”. Inoltre non ha ne’ l’attacco per il cavetto di scatto flessibile ne’ per il treppiede. Ho visto una modifica abbastanza semplice per utilizzare il treppiede.

Anche se siamo bloccati con una misura del fotogramma di 6×4.5cm, le vignettature della Debonair sono molto piacevoli. E’ una macchinetta leggera, ma le dimensioni e il rivestimento sono molto buoni. La Debonair trasmette una sensazione di solidità e di gioia nello scattarci.

Qui di seguito alcuni risultati utilizzando il Lomography Lady Grey 400:

Qua alcuni risultati con un cross-process di un Ektachrome 64 scaduto:

Qui alcuni risultati con un Ilford Delta Pro 400:

E voi, avete mai provato questa curiosa fotocamera?

scritto da gvelascoe tradotto da lomike

No comments yet, be the first