Have an account? Login | Nuovo su Lomography? Registrati | Lab | Current Site:

Nozioni di base: Cross Process

Spesso intimorisce i nuovi lomografi. Ma niente paura, Adam condivide la sua esperienza con il cross-process della pellicola diapositiva.

Per molto tempo questa è stata la mia immagine più popolare, con oltre 200 likes. Questa è la (difficile da padroneggiare) Kodak Elite Chrome.

In primo luogo, mi scuso per essere un pò in ritardo questo mese, e anche per non continuare con la Parte II sui filtri. Sto cercando di raccogliere altri esempi di filtri, e ho bisogno del tempo giusto per dare davvero una buona dimostrazione del polarizzatore circolare.

Nel frattempo, volevo parlare di cross process (o X-Pro). Siamo praticamente arrivati ​​alla fine degli argomenti che volevo discutere in relazione alla scienza e la tecnologia, le basi della fotografia. Abbiamo scoperto la pellicola, abbiamo trattato i comandi della fotocamera …

Così ora, ci stiamo avventurando nella creatività. Come ho detto in passato, nella community ci sono persone molto più creative di me, e lascio a loro condividere il loro talento. I miei scatti sono basati sulla conoscenza accumulata e sulla pratica.

Tutte le pellicole sono progettate per essere elaborate in una specie chimica. La pellicola negativa a colori è progettata per essere elaborata in una sostanza chimica chiamata C-41. La pellicola diapositiva o ‘pellicola a colori positiva’ è progettata per essere trattata in qualcosa chiamato E-6. La pellicola diapositiva è stata progettata per creare diapositive che si possono proiettare e fornisce anche una gamma di colori più ampia rispetto a quella a colori negativa. Le diapositive (altrimenti note come lucidi) sono stati la scelta de facto per i professionisti per anni prima che arrivasse il digitale.

SUGGERIMENTO: Sulle confezioni di pellicola diapositiva, vedrete spesso altre sostanze chimiche citate, fino a quando E-6 è elencata, andrà tutto bene. Evitate Kodachrome, però, non possono essere sviluppate per niente e il cross process non funziona!

Ci sono molti tipi di sostanze per sviluppare le pellicole in bianco e nero, ma non parlerò di quelle di oggi.

Quando vedete cross process menzionati in questo sito, o nei libri che accompagnano i prodotti Lomography, normalmente si sta parlando di prendere pellicole diapositive progettato per E-6 e svilupparle in C-41.

Questo ha 4 effetti importanti:

1) Distrugge il film, addirittura lo tortura, ne sovvertisce lo scopo originale!
2) Crea un contrasto più profondo tra chiaro e scuro nell’immagine finale.
3) Cambia il colore per propendere verso un colore diverso, che noi chiamiamo shift di colore.
4) Look assolutamente stupefacente, crea mondi diversi ed estende i confini della creatività analogica.

Ho aiutato a creare un gruppo di lomografi qui in Nuova Zelanda. Quello che mi ha stupito quando ci siamo conosciuti era come poche persone avevano cercato di cross-processare. Erano spaventati sia dai costi che dai risultati.

Quando ho iniziato con Lomography, dopo aver lasciato la pellicola per un decennio, è stata la prima cosa che ho provato. L’ho fatto molte volte adesso quindi posso condividere alcuni consigli per voi principianti.

1) Può essere un po’ più costoso, ma non dovrebbe essere molto più costoso, anche se – guardatevi intorno, se possibile. La pellicola diapositiva è sicuramente più costosa, ma se si acquista scaduta, si risparmia.

2) Alcuni laboratori non lo faranno. Non lasciate che questo vi fermi, trovatene uno che lo fa.

3) Assicuratevi di dire al laboratorio di non correggere nulla al colore quando chiedete il cross process. Otterrete qualcosa di molto simile ai negativi standard a colori. Se gliel’avete detto e ottenete scatti normali, dite loro di farlo di nuovo!

4) Laboratori adeguati vi daranno un risultato migliore delle cabine da 1ora per lo sviluppo.

5) Aspettatevi l’inaspettato. Le immagini non saranno normali.

6) Mi aspetto che questo provocherà una reazione nei commenti. Non cominciare il cross process con Kodak Elite Chrome. Ogni volta che ho scattato con questo ho ottenuto scatti slavati. Potrebbe accadere anche a voi e abbattere la vostra fiducia. Credo che una scommessa migliore sia uno dei film più prevedibili Fuji, Provia, Velvia o ancora meglio la pellicola Lomography diapositiva.

7) Non preoccupatevi di scattare verso il sole, non otterrete nulla nel fotogramma.

8) Scattate uno stop meno rispetto a quello che c’è scritto sulla confezione. Se dice 100 ISO / ASA scattate a 200. Se dice 200, provate a 400. Nella mia esperienza, però, fermatevi qui. Trovo che il 400 sia migliore a 400.

9) Ignorate la 8 e sperimentate.

10) Qualunque cosa facciate, provate, provate, riprovate!

Ecco un vecchio articolo che avevo scritto che parla di variazioni di colore, date un’occhiata se avete voglia.

C’è una ulteriore possibilità, un po’ meno comune. Si tratta di cross processare la pellicola a colori negativa in E-6. Questa è l’ultima frontiera per me, non l’ho mai fatto, ma se siete interessati molti l’hanno fatto, cercate in giro su questo sito.

Mi rendo conto che è poco più di una breve introduzione (sono nozioni di base dopotutto!), quindi che ne pensate di commentare delle esperienze, o postare link o altri eccellenti articoli sull’X-Pro? Chi vuole provare? Vi è piaciuto?

Nozioni di base è una serie mensile di Tipster di Adam Griffiths dove cerca di conferire un po’ più di conoscenze tecniche fotografiche analogiche. Per ogni articolo, sceglie un tema fondamentale e lo spiega in modo rapido e con termini semplici (con esempi se possibile).

scritto da adam_g2000e tradotto da lulomo

No comments yet, be the first

Leggi questo articolo in un'altra lingua

La versione originale di questo articolo è scritta in: English E' inoltre disponibile in: Français, Deutsch, Spanish, Русский, Nederlands, 한국어, Türkçe, 中文(繁體版), Português & 日本語.