Lomoinstant_en
Have an account? Login | Nuovo su Lomography? Registrati | Lab | Current Site:

Principi Basilari: Catturare il momento

Einstein può anche avere teorizzato la possibilità di viaggiare nel tempo, ma noi, grazie al nostro più grande amore, la fotografia, abbiamo concretamente la capacità di fermare il tempo. Quest'ultimo capitolo sui principi basilari vi dà anche la possibilità di scegliere tra diversi modi per farlo.

Foto di adam_g2000

Prima di continuare la lettura, vi interesserà forse leggere i miei precedenti articoli. Potreste, infatti, aver bisogno di sapere di cosa stiamo parlando quando nominiamo l’apertura o la velocità dell’otturatore, per comprendere al meglio questo articolo.

La velocità dell’otturatore e l’apertura fanno molto più che permettervi di controllare la profondità di campo: essi vi permettono di scegliere COME fermare il tempo. Come abbiamo precedentemente detto, se l’otturatore deve rimanere aperto per una lunga porzione di tempo, la macchina fotografica necessiterà di un treppiede o di una superficie stabile su cui poggiarsi, e meglio ancora un cavetto flessibile; altrimenti, se tenuta in mano, rischia di produrre un’immagine mossa: in questo modo, invece, otterrete un’immagine perfettamente immobile, eccettuato tutto ciò che sarà in movimento all’interno della composizione.

Viceversa, se imposterete tempi molto veloci per la chiusura dell’otturatore (dipende dalla velocità di ciò che dovete fotografare), potrete arrivare a cristallizzarne il movimento.

Nella fotografia qui sotto, si può vedere come io abbia impostato un’apertura maggiore della mia SRL e settato tempi veloci nel tentativo di catturare le gocce d’acqua di questa fonte. Qualcosa che l’occhio umano difficilmente riesce a fare.

Con il treppiede, impostando 1/1000 di secondo.

Mentre, in questo secondo tentativo, ho fatto tutto l’opposto: ho impostato un’apertura minore e settato tempi più lenti, così da catturare lo scorrere dell’acqua per ottenere un paesaggio quasi da sogno.

Con il treppiede, impostando 1/8 di secondo.

Ottenere lo scorrere dell’acqua, persone sfuocate che attraversano la strada, ecc… è piuttosto facile e può essere fatto con la maggior parte delle macchine fotografiche (mi dilungherò più avanti su ciò); ma, invece, catturare un’azione, fermandone il movimento, può necessitare di tempi di chiusura dell’otturatore estremamente veloci, cosa che è possibile solo con le SLR. Le varie velocità di chiusura dell’otturatore, la cui regolazione è necessaria per congelare un’azione senza procurare un effetto mosso, dipendono interamente da ciò che si sta fotografando e da quanto lontani dal nostro soggetto ci troviamo. Un treno che sia ad alcune decine di metri da noi può essere catturato impostando i tempi su 1/100; ma, se ci troviamo più vicini, potrebbe essere necessario settare su 1/1000.

Abbastanza veloce da ‘stoppare’ le bolle, ma non a sufficienza per fermare il movimento.

Per una lezione intensiva su come calcolare ciò, si può consultare Come calcolare la velocità minima dell’otturatore per ottenere un’immagine non mossa di un oggetto in movimento, contiene una fantastica tabella con alcuni principi di base.

Durante gli scorsi 8 mesi, abbiamo imparato la trilogia di variabili dalle quali dipende uno scatto perfetto, abbiamo imparato a sfruttarle, specialmente per catturare un movimento. Tutto ciò richiede pratica, non avendo noi la possibilità di cambiare continuamente gli ISO: cosa che, invece, con una macchina digitale è possibile fare. Infatti, potreste desiderare i due effetti che vi ho mostrato sopra sullo stesso rullino. Per fare ciò, sarà necessario prendere confindenza con l’esposimetro, così da essere sempre attrezzati con i giusti ISO per le condizioni di luce di quel giorno. In proposito, rileggete: Principi Basilari – Film 101 e Principi Basilari – Apertura e Profondità di campo.

Non dovete possedere per forza una SLR per fare fotografie del genere, però, in questo caso, dovete essere abbastanza abili nel gestire le vostre macchine fotografiche. Macchine automatiche come la nostra regina, la LC-A, saranno piuttosto complesse da utilizzare. Una manuale, invece, come la Lubitel, si troverà perfettamente a suo agio in missioni del genere, con tutte le possibilità di controllo che vi offre su aperture, velocità dell’otturatore… Con macchine del genere, siete voi ad avere il controllo totale su ciò che immortalate.

Con una Diana, una Holga o La Sardina, la velocità di scatto è fissa, e le piccole varianti concesse sull’apertura dell’otturatore non produrranno grandi differenze su ciò che andrete a fotografare. Dalla tabella delle distanze che vi ho linkato, potete vedere da quale distanza, con queste impostazioni, potreste riuscire a catturare e congelare un’azione, ma se tenterete di avvicinarvi… be’, non otterrete granché. Anzi, con ogni probabilità le vostre foto saranno mosse. Tuttavia avete a disposizione un trucchetto niente male su queste macchine fotografiche: la posa B (bulb).

Impostate la posa B sulle vostre macchine fotografiche, fissatele ad un treppiede, se possibile usate un cavetto flessibile e, a quel punto, potete tenere aperto il vostro otturatore per tutto il tempo che desiderate! Abbiate solo l’accortezza di utilizzare un rullino dagli ISO piuttosto bassi. Se avete modo di procurarvi anche un esposimetro, siete a cavallo.

Non mi ci addentrerò in questa sede, ma devo almeno nominare la fotografia stenopeica (o pinhole). Per sua stessa natura, permette di scattare solo grazie a tempi lunghissimi di posa.

Spero vi sia piaciuta questa serie di articoli, almeno quanto è piaciuta a me scriverla! La cosa più bella sono stati i commenti, le discussioni, i messaggi privati con le domande, i feedback e le richieste di delucidazioni. Vi ringrazio!

Il prossimo mese inizierò una nuova serie, intitolata “Principi applicati”. Ogni mese selezionerò una fotocamera Lomography e ne esaminerò tutte le tecniche e come applicare questi mesi di teoria su ogni macchina fotografica. Spero vi piacerà.

Ma vi saluto con un colpo grosso! Lo staff di Lomography mi ha permesso di indire una Rumble proprio su questa serie: potete trovarla qui, fateci vedere di cosa siete capaci

E con ciò, amici miei, siamo giunti alla fine!

scritto da adam_g2000e tradotto da happiness_hit_her

No comments yet, be the first

Leggi questo articolo in un'altra lingua

La versione originale di questo articolo è scritta in: English E' inoltre disponibile in: 日本語, Deutsch, Nederlands & Português.