Black_friday_en
Have an account? Login | Nuovo su Lomography? Registrati | Lab | Current Site:

Serie 166+ #21: Tipster 166+ - Priorità di Diaframma

Priorità di Diaframma, grandi possibilità nella composizione, minor controllo, e impossibilità di riprendere delle buone immagini con soggetti in rapido movimento. Come possiamo utilizzare questa tecnica con la Lubitel 166 + e che tipo di vantaggi/svantaggi abbiamo, con la Priorità di Diaframma? Ne vale la pena?

Foto di tall_bastard

L’importante, nelle fotocamere a Priorità di Apertura (modalità detta anche Priorità di Diaframma, in italiano), è che la fotografia è frutto di un controllo assolutamente totale della profondità di campo. Suggerisco, a coloro che non hanno letto i precedenti articoli, di andare a controllare quello sulla profondità di campo, o sull’effetto Bokeh.

La logica alla base di questo sistema è che il fotografo può scegliere qualsiasi apertura del diaframma desideri, secondo l’effetto Bokeh che vuole ottenere, e per conseguenza la fotocamera imposta automaticamente il tempo di scatto, in modo da avere una corretta esposizione. Se il fotografo vuole realizzare un effetto bokeh (con una profondità di campo ridotta) deve solo impostare manualmente una apertura veramente ampia (quindi ridotto f/ stop).
Questa “logica” è presente nelle fotocamere di marca Nikon, Pentax e Minolta, tra le altre.

Come utilizzare questo sistema di priorità con la Lubitel 166+?

Vediamo la procedura (valida solo per pellicole ISO 100, vedremo in seguito altri ISO):

  • Nelle impostazioni di apertura della Lubitel 166+, tra le cifre 8 e 11 c’è un piccolo punto bianco. Impostate l’indicatore di apertura in questa posizione.
  • Per scegliere il tempo di posa, utilizzate semplicemente le “icone meteo” presenti sulla fotocamera: spostando l’indicatore in base alle icone, potrete selezionare correttamente la velocità dell’otturatore, con priorità di diaframma.

200 ISO: immaginate che il punto sia compreso tra 11 e 16.
400 ISO: immaginate che il punto sia compreso tra 16 e 22.

Se desiderate un effetto bokeh davvero figo, vi consiglio di utilizzare una pellicola 100 ISO, in modo da utilizzare un diaframma tra f/8 ed f/11: in questo modo la profondità di campo sarà più ridotta…

Avviso: Parliamo della filosofia, della storia (degli antenati e della nascita del progetto della Lubitel 166+), delle specifiche tecniche. All’interno di tutti gli articoli precedenti ho lasciato qualche piccolo dettaglio, ma molto importante, che servirà per capire facilmente i prossimi articoli. Questi articoli sono pensati per essere letti in serie, perciò non perdete l’occasione di andare a controllare gli episodi precedenti.

Alessandro Panelli (aka yo.panic or .panic) è uno studente di Medicina e Chirurgia, fotografo e scrittore di Padova (Italia, vicino a Venezia).
Per saperne di più sul lavoro e la vita di Alessandro tumblr o aggiungetelo su Facebook o Google+.

scritto da yopanice tradotto da dott_nero

No comments yet, be the first

Leggi questo articolo in un'altra lingua

La versione originale di questo articolo è scritta in: English E' inoltre disponibile in: 中文(繁體版) & 中文(繁體版).