Keep Film Alive in Brasile: Andrej Russkovskij

2017-08-01

Di recente abbiamo introdotto Keep Film Alive, progetto fotografico del nostro community member andrejrusskovskij, il quale ha documentato su pellicola quattro mesi di backpacking in Sud America.

Oggi presentiamo la prima parte di questo viaggio, con la quale Andrea ci porta alla scoperta dei colori del Brasile.

Rio de Janeiro

A causa della cattiva reputazione della città, ero un po' preoccupato. In realtà, programmando le tappe, evitando alcune aree, mantenendo un profilo basso e gli occhi aperti, non c'è stato pericolo. Ci siamo sentiti molto più al sicuro di quanto ci aspettassimo.

La raccomanderei: è stato uno dei momenti più belli del nostro viaggio e un luogo nel quale, se sapessi il portoghese, considererei di trasferirmi.

Un consiglio fotografico: Rio è talmente colorata che non credo valga la pena scattare in bianco e nero. Inoltre, è utile portarsi dietro un obiettivo grandangolare o una fotocamera panoramica per catturare le viste mozzafiato.

Ilha Grande e Paraty

Da Rio ci siamo spostati in autobus e motoscafo sull'isola di Ilha Grande, e abbiamo deciso di alloggiare in un rifugio fatto di legno nel bel mezzo della giungla, sentendoci un po' simili a Tarzan.

Qui abbiamo:
· ascoltato la pioggia cadere sul nostro rifugio di legno mentre ci rilassavamo sull'amaca
· fatto colazione con i colibri che ci svolazzavano intorno
· ammirato il tramonto in spiaggia con un caipirinha in mano

La giungla può diventare complicata da fotograre vista la densità degli alberi e la conseguente scarsità di luce. Un consiglio che do è di portarsi dietro un'altra fotocamera con rullini 400 o 800 ISO, per avere maggiore flessibilità.

São Paulo e Maringá

Siamo arrivati a São Paulo in autobus e lì abbiamo incontrato la nostra amica Talita, la quale ci ha ospitato e ci ha fatto da cicerone attraverso la città.

Con i suoi 22 milioni di abitanti, uno skyline impressionante, una cultura urbana e contraddizioni sociali, São Paulo merita sicuramente un posto in una lista brasiliana di "must-do". Inoltre, la sua architettura e la street art che riempe le strade sono ideali per scattare fantastiche fotografie.

Nella città natale di Talita, Maringá, siamo stati viziati dalla sua famiglia con piatti locali fatti in casa, serate barbeque a base di picaña, linguiça e pane al formaggio d'aglio... i tre giorni trascorsi da Talita sono stati il modo perfetto per fare esperienza sulla nostra pelle di cosa significhi vivere da brasiliano e concludere in gloria la tappa in Brasile.


Stay tuned per il racconto della tappa successiva. Nel frattempo, potete trovare tutte le foto e i racconti del viaggio di Andrea sulla sua LomoHome e sito Internet.

Scritto da lomogiu il 2017-08-01 in #persone #analogue-photography #fotografia-analogica

Ti piace quello che vedi? Clicca qui per leggere più articoli sulla nostra pagina Happy Holidays. Qui puoi inoltre partecipare alla competizione per vincere un Cofanetto Lomography, divertirti con il nostro quiz e trovare tutte le promozioni quotidiane!

Altri Articoli Interessanti