Viaggio tra i colori del Marocco

La cultura marocchina è di una varietà e di una ricchezza incredibili. Il paese è particolarmente affascinante per la sua varietà geografica e per quella dei suoi paesaggi naturali. La medina Marrakech, così come le altre, è avvolta da un'atmosfera magica, quasi surreale, una città dove il tempo si è fermato per far spazio al sogno e all'immaginario.

Simone Zanoli è un fotografo e viaggiatore appassionato. Con la sua Lomo'Instant Automat Glass ci ha portato tra i colori intensi e vivaci del Marocco!

Credits: Simone Zanoli - Instantnomad

L’ispirazione è un elemento essenziale per ognuno di noi, Simone questa volta ti sei lasciato trasportare da questo viaggio in Marocco. Com'è stato fotografare i tuoi scatti istantanei?

Buongiorno a tutti, è sempre un piacere essere qui in vostra compagnia. L’esperienza fotografica in Marocco è stata davvero molto particolare. Vi avevo lasciati dopo il mio viaggio nelle isole Lofoten dove la luce solare, costantemente filtrata dalle nuvole, aveva avuto un ruolo da protagonista. Qui in Marocco, invece, è stato inizialmente difficile capire come meglio rappresentare l’enorme ed evidente contrasto tra luce e ombra , infatti primi test istantanei o erano sovraesposti o sottoesposti. Poi poco alla volta, soprattutto ad Essaouira e soprattutto grazie ad un fido compagno di cui vi parlo tra poco, ho trovato la giusta ispirazione per realizzare gli scatti che vedete qui incastonati tra le parole di questa intervista.

Credits: Simone Zanoli - Instantnomad

Quale itinerario hai seguito?

Sono stato due giorni a Marrakech lasciandomi trasportare dall’incredibile flusso continuo e instancabile di persone, animali, profumi, canti e melodie che la medina sa regalarti per poi staccarmi un giorno, prendere un pullman, fare circa tre ore di viaggio per arrivare a Essaouira, rilassante realtà marocchina che si affaccia sull’oceano.

Con quale armamentario sei partito? E per quanti giorni?

Mi piace molto la parola “armamentario” perché ben identifica tutta la preparazione che c’è dietro ogni mio viaggio. Ho il mio zaino sempre pieno per ogni evenienza. Ovviamente avevo con me la mia inseparabile Lomo’Instant Automat Magellan e la mia Mirrorless Fujifilm XT-2, più la solita vagonata di accessori, batterie, cavi e via dicendo.

Credits: Simone Zanoli - Instantnomad

Ci racconti i paesaggi, i colori e le atmosfere che hai incontrato?

Ho vissuto due realtà completamente diverse. Marrakech ed Essaouira. A Marrakech e in particolar modo nella sua medina la parola d’ordine è una sola: “CAOS”. Sia nelle sue accezioni positive che negative. Caos di persone, caos di animali, caos di colori, caos di melodie, caos di profumi, insomma, un enorme bolla in cui succede qualsiasi cosa. Ho trovato tutto molto particolare e per alcuni versi anche affascinante perché Marrakech è una “non città”. Non è una città fatta di palazzi, strade e monumenti, ma è una città fatta di persone in un continuo e dinamico vortice di movimento. Le persone hanno una presenza talmente forte da diventare esse stesse la città.
Ad Essaouira invece ho trovato l’esatto opposto, una calma e una pace tipica del classico paesino che si affaccia sul mare anche se qualche zona, una su tutte il porto, mi ricordava molto Marrakech. La calma e l’incredibile predominanza del blu, fida presenza che ti accompagna leggera per le vie della città, mi hanno portato una naturale ispirazione che ha guidato i miei scatti

Credits: Simone Zanoli - Instantnomad

C’è stato un momento particolare che ti ha trasmesso una certa energia? Se sì, quale?

Il porto di Essaouira. Una distesa di piccole imbarcazioni tutte blu dalle quale scendono i marinai carichi di pesce fresco pronto per essere venduto. Qui la frenesia è al massimo livello. Sembra un’altra dimensione, un delirio di persone che si muove all’impazzata, apparentemente senza un senso, ma basta immergersi in quel luogo per qualche minuto per diventarne parte.

Nei tuoi scatti il colore predominante è il blu. C’è una scelta? E’ un colore che trasmette equilibrio, serenità e senso di rilassatezza. Forse è questo che vorresti trasmettere nei tuoi scatti?

Il Blu è stato il colore predominante e che più mi ha affascinato ad Essaouira. Ha una presenza talmente forte da essere più di un semplice colore, lo percepisci quasi come un amico o un compagno di viaggio che ti accompagna per le strettissime vie della medina. Non ti abbandona mai .
I miei scatti vogliono proprio raccontare questa fortissima presenza e quel senso di calma e rilassatezza che ho percepito camminando in Essaouira.

Credits: Simone Zanoli - Instantnomad

Qual è il tuo rapporto con la street photography?

“Non pensare, scatta!”

Siamo curiosi di sapere quale viaggio hai in programma per l’estate 2019, ti andrebbe di condividerlo con noi?

Non ho ancora programmato nulla a dire il vero anche se l’idea è quella di fare un grande viaggio on the road in solitaria. Per me sarebbe ovviamente stupendo poterlo condividere con voi. Vi terrò aggiornati!

Credits: Simone Zanoli - Instantnomad
_____

Grazie mille Simone per questi splendidi scatti e per quest'intervista. Continua a seguire il progetto Instantnomad su Instagram e i lavori di Simone nel suo profilo personale.

Scritto da macilomo il 2019-05-14 in

Altri Articoli Interessanti