Come al cinema: La fotografia di Pawel Szvmanski

Al giorno d'oggi c'è un'abbondanza di scatti in analogico, e cercare l' arte in esse è come cercare un ago in un pagliaio. Per il Lomografo Pawel Szvmanski, a.k.a. kindmess, il futuro rimane analogico in formato medio, come i suoi ritratti che sono diamanti grezzi.

La storia analogica di Pawel è iniziata con una fotocamera 35 mm, era solito girare e scattare con fotocamere compatte come la Konica C35, una macchina fotografica che Andy Warhol portava con sé durante i banchetti e le feste. La sua esperienza nei diversi formati è molto varia avendo già scattato con polaroid, in formato quadrato, largo, vecchio e nuovo, inclusa la SX-70 e la 195 Land Camera. Tuttavia, Pawel ha trovato più soddisfazione nel medio formato, in particolare con le sue fotocamere Land 195 e 645. Crede che ogni fotografo abbia quel "formato" preferito, e lo si troverà immediatamente non appena si guarda attraverso il mirino. Lui ci dice:

"Aggiungendo il lavoro con la scansione di tutti quei grossi negativi da 120mm, si ottiene un processo estremamente incoraggiante che è molto soddisfacente e gratificante; io preferisco decisamente il flusso di lavoro quando devi aspettare per svillupare la pellicola ed eseguire la scansione da solo. Ho iniziato a scattare in medio formato anche in digitale, secondo me l'aspetto è diverso rispetto al 35 mm, più naturale in termini di ciò che gli occhi umani vedono, più vicino ma più ampio."

Dunque, il suo lavoro fotografico scorre con omogeneità e nitidezza, con le distinte qualità "analogiche" intatte. Ispirato dalla musica e dai film di David Lynch, David Cronenberg, PJ Harvey, Thom Yorke, James Maynard Keenan, Mike Patton e Josh Homme, Pawel preferisce rendere le sue immagini come se fossero uscite da un film, come un film ancora in medias res. L'immagine fissa è in movimento.

"So di quale ambiente ho bisogno e, nella maggior parte dei casi, so quale lunghezza focale funzionerà, ma soprattutto so di sapere quale impatto emotivo aspettarmi. Continuo a ripetermi che cerco ancora qualcosa nella fotografia, cerco di trovare qualcosa che può essere considerato 'mio', 'personale'. È il modo più difficile ma vale la pena ricercarlo per ottenere un risultato unico."

Dal momento che lo storytelling è un elemento enorme nel suo lavoro, a volte, gioca anche con le doppie esposizioni, credendo che la creazione di esposizioni multiple sia simile a "girare la pagina" della stessa storia - avanti e indietro. Ci dice inoltre:

"Non è la mia tecnica principale, anche se fondamentalmente tendo ad aggiungere un contesto con scatti aggiuntivi, che si tratti di un dittico o di una doppia esposizione. Poiché cerco di ottenere il massimo dalla fotocamera, invece che dalla post-elaborazione, lo uso sicuramente su pellicola, non su digitale. So che puoi impilare due foto digitali e giocare, ma in realtà non è la stessa cosa, in quanto manca la sensazione organica, la densità contestuale e l'auto-descrizione."

Pawel attribuisce questo stile fotografico unico al suo metodo di scatto anamorfico. Dopo aver padroneggiato i tecnicismi della fotografia, in particolare le lunghezze focali (che è il punto forte della sua routine), Pawel lascia il suo intuito creare gli scatti. Ecco perché, per lui, la fotografia analogica trionfa su quella digitale.

"Ogni segmento della fotografia può insegnare cose nuove e in tutti questi anni sono diventato abbastanza tecnico sull'attrezzatura, ma durante le sessioni cerco spontaneamente di lasciare le tecnicità da una parte e concentrarmi sulle immagini - catturare l'emozione e la sensazione è più importante della precisione tecnica... Io preferisco sicuramente scattare piuttosto che curare le mie fotocamere o partecipare a discussioni infinite sui megapixel, sulla gamma dinamica, sull'ergonomia dei pulsanti, non ti avvicina ai tuoi scatti migliori, scattare è il più importante."

In futuro, Pawel desidera trasformare i musicisti e la loro musica in fotografie: come ogni altro artista, il piano è "(fare) più cose fuori dalla norma, praticamente."


Ti sono piaciute le foto di Pawel? Seguilo su Instagram e sulla sua LomoHome. Tutti i diritti sono riservati a Pawel Szvmanski.

2019-08-03 #persone

La LomoChrome Metropolis è la prima e nuova pellicola color negative ad uscire negli ultimi anni. Dopo il successo della leggendaria LomoChrome Purple e LomoChrome Turquoise, questa nuova emulsione sarà disponibile nei formati da 35 mm, 110, 120, e 16 mm. Inondando le tue fotografie di colori tenui, contrasti sgargianti e toni desaturati, questa pellicola è misteriosa e grunge allo stesso tempo, come mai nessuna prima d'ora. Sostienici su Kickstarter e aiutaci a sancire l'inizio di una nuova era per la fotografia analogica!

Altri Articoli Interessanti