Le strade del Messico: Tyler Woodford

Il fotografo Tyler Woodford, in compagnia di altri 4 fotografi, Lauren Roche, Adam Powell, Christian Linares, e Cat Byrnes, è andato in viaggio a Città del Messico in collaborazione con Lomography per per documentare e immortalare i meravigliosi paesaggi con le pellicole Lomography per documentare il tutto.

©Tyler Woodford with Lomography CN 800 35mm

Da dove nasce il tuo interesse per la fotografia / street photography?

La street photography è arrivata circa sei anni fa. Ho visto un video che mi ha immediatamente colpito. Ero così affascinato su come fosse possibile realizzare e fare arte da momenti che accadono per strada - tutto sembrava così naturale. Una parte importante dello scattare per strada è che non c'è tecnica. Non devi aspettare il momento della giornata particolare o avere un'attrezzatura costosa per farlo. Devi solo uscire e osservare, ed è quello che amo di più nella street photography.

Sei californiano, in che modo trasferirsi a New York ha cambiato il modo in cui ti sei avvicinato alla fotografia?

All'inizio trasferirsi a New York dalla California è stato un cambiamento enorme e impegnativo, ma allo stesso tempo una benedizione. Fotografare in alcune zone della California può essere difficile perché ci sono meno persone in giro, molte di queste sono preoccupate per quello che stai facendo e perché hai una macchina fotografica in mano. Detto questo, trasferirmi mi ha davvero aiutato ad essere più a mio agio con il mio modo di fare fotografia. Le strade sono così vive e piene di gente, è come se fosse un enorme parco giochi per la street photography. L'energia della città è veramente bella.

Il tuo lavoro visivamente si ispira ai grandi della fotografia di strada come Lee Friedlander e Garry Winogrand. Da cosa o da dove trai ispirazione?

Bene, grazie - questo è un commento lusinghiero, poiché posso solo immaginare di essere leggermente vicino a loro. La mia ispirazione è arrivata grazie ad un paio di fotografi, guardando le interviste video e raccogliendo innumerevoli libri fotografici. Ricordo che i miei primi libri erano su Alex Webb e Joel Meyerowitz. Ho adorato la loro capacità di catturare una scena per strada e la scelta compositiva. Più tardi, ho scoperto Daniel Arnold e Bruce Gilden e solo dopo ho davvero imparato come volevo fotografare. Entrambi i loro stili sono così crudi e ravvicinati: il loro lavoro è strabiliante e allo stesso tempo così diverso.

©Tyler Woodford with Lomography Berlin Kino B&W 400 35mm

La maggior parte delle tue foto si concentra sulle strade trafficate di New York. In che modo la tua esperienza a Città del Messico ti ha sfidato come fotografo?

Essere a Città del Messico è stata un'esperienza e un bel cambiamento. Alcune zone mi hanno ricordato New York per le persone che passeggiavano tutto il giorno e tutta la notte, ma la parte più bella a mio avviso è stato rendersi conto di quanto fosse colorata la città. Le persone a Città del Messico sono così accoglienti - fotografare era così rinfrescante, perché tutto era nuovo e diverso. Mi sentivo come se stessi girando a New York, quindi il mio approccio alla creazione era simile, ma volevo catturarne l'essenza. Volevo fotografare le persone e l'ambiente che li circonda e mi sento come seci fossi riuscito. Una cosa che mi ha cambiato dopo il viaggio in Messico. Da ora in poi, ogni foto che faccio, la farà ravvicinata al osggetto e soprattutto i colori hanno cambiato il mio punto di vista sui soggetti.

A quale fotografia sei particolarmente affezzionato?

Una che mi è rimasta impressa in modo particolare, è quello di quest'uomo in piedi sul bordo del marciapiede con indosso una maglietta Bugs Bunny. Mentre scattavo, mi sono reso conto che lui dall'altra parte della strada, mi salutava. La gente lo fa sempre, ma in quella occasione ho avvertito qualcosa di diverso, così gli chiesi nel mio spagnolo - non so come abbia fatto a capirmi- se avessi potuto scattare dei ritratti. E lui felicemente si è prestato. Dopo, gli ho stretto la mano e l'ho ringraziato per l'opportunità. Normalmente non chiedo mai il permesso a qualcuno per scattare loro la foto, ma in quell occasione è stato diverso.

©Tyler Woodford with Lomography CN 800 35mm

Perché gli scatti su pellicola sono così importanti per te?

Fotografare in analogico per me è davvero speciale. Mi tiene concentrato e non vedo l'ora di scattare la foto successiva, perché non riesci a vedere cosa hai scattato. La pellicola ti costringe ad avere dei limiti con il fatto che ottieni solo 36 fotogrammi e la velocità che scegli ti fa pensare di più a quello che stai facendo. Può essere spietata a volte, ma anche la ricompensa più grande è quando vedi i tuoi scatti fisicamente: questa è la parteimpagabilee. Anche il "look" della pellicola è imbattibile. Hai davvero tante opzioni a colori, scadute, in bianco e nero.Con tutte le pellicole che ci sono là fuori, è possibile ottenere un aspetto diverso con ogni opzione che è davvero sorprendente.A differenza del digitale, che è piuttosto noioso e piatto, è possibile ottenere una sensazione molto interessante e diversa dalla foto quando si scatta con la pellicola. La maggior parte delle volte, se fotografi con una fotocamera digitale, in molti hanno la tedenza a rielaborare la fotografia con effetti che avvicinano questa alla pellicola, quindi io mi chiedo che senso ha? Ci si diverte molto di più afferrando un rullino e divertirsi scattando e sviluppando la foto con gli effetti che ne conseguono, senza rielaborarla.


Se vuoi saperne di più dei lavori di Tyler, guarda il suo Instagram.

Scritto da sragomo il 2019-08-05 in #cultura #persone #luoghi

Altri Articoli Interessanti