Stefano Strazzacappa: orizzonti in bianco e nero

4

Fotografo per passione, Stefano Strazzacappa ci racconta le sue foto panoramiche scattate con la nostra Horizon Perfekt e una pellicola in bianco e nero. In questa intervista parliamo di come abbia riscoperto l'analogica e di cosa lo spinga a immortalare i paesaggi.

Ciao, Stefano! Benvenuto su Lomography. Presentati ai nostri lettori

Ciao, sono Stefano, sono nato a Novara nel 1981 e mi approccio alla fotografia nel 2003 con la mia prima macchina a pellicola, che possiedo tutt’ora. Nel tempo la fotografia è diventata per me un mezzo per immortalare la bellezza del quotidiano e raccontare le storie di tutti i giorni, che ci scorrono a fianco. Prediligo la fotografia in bianco e nero concentrando i miei scatti prevalentemente nel campo del reportage e della fotografia di strada. Ultimamente, mi piace cimentarmi con la mia Horizon Perfekt nella fotografia panoramica.

Com'è nata la tua passione per la fotografia?

Fin da ragazzo sono stato attratto dalla fotografia nel cinema e ho sempre passato molto tempo guardando film d’autore. Come tutti, all’inizio, ho sperimentato vari generi, ma con la conoscenza del lavoro di alcuni grandi fotografi, come ad esempio G.B. Gardin, F. Scianna, L. Towell o la stessa agenzia Magnum, il mio modo di fotografare è cambiato.

Cosa ti spinge a scattare una foto? Sei più riflessivo o impulsivo come fotografo?

Come dicevo, quando mi appassiono ad una storia amo scattare immagini attraverso una serie fotografica. Per fare questo rifletto su quello che voglio mostrare nelle mie foto prima di iniziare. Poi, allo stesso tempo, “sul campo” a volte sono impulsivo e cerco di adeguarmi a quello che ho davanti agli occhi.

I tuoi scatti con la Horizon Perfekt ci hanno colpito particolarmente: raccontaci un po' di come hai scoperto questa macchina fotografica e di cosa ti piace delle panoramiche

La prima volta che sono rimasto stupito da quel formato è stato ad una mostra fotografica di Paolo Pellegrin, in cui vi erano delle immagini in bianco e nero del post-tsunami in Giappone. Ho pensato che quel formato rendesse ancora più forte quella situazione ai nostri occhi. Volendo cimentarmi anch’io nel formato panoramico mi sono orientato sulla Horizon Perfekt. È una macchina dal corpo veramente interessante nel suo funzionamento e divertente da usare. Il rituale lento nel caricare la pellicola e il suo utilizzo rende tutto più speciale.

Le Dolomiti sono uno dei posti migliori dove portare una Horizon: in che altro posto d'Italia vorresti andare a fare qualche altro scatto del genere?

Penso che d’ora in poi la porterò sempre con me nei miei viaggi perché il risultato è sempre speciale. Comunque, se devo dirti un posto in Italia mi piacerebbe portarla a Roma per fotografare i Fori Romani e i reperti archeologici.

Perché il bianco e nero per immortalare i panorami?

Penso che il bianco e nero trasmetta meglio il significato e le emozioni di ciò che si fotografa. Questo anche se fotografiamo una pietra, figuriamoci con le Dolomiti!
Gli dona un aspetto classico e regale che ben trasmette tutta la storia che possiedono.

Cosa rende un fotografo un bravo fotografo?

Il saper mostrare attraverso la sua fotografia il suo punto di vista, che deve andare oltre gli stereotipi delle regole.

Che consiglio ti senti di dare ai nostri lettori?

Andate oltre la classica fotografia. Bisogna leggere i romanzi, le poesie, qualsiasi testo che possa ampliare le nostre vedute. Guardare un film, andare ad una mostra di pittura, parlare con la gente per la strada. E poi divertirsi, sempre.

Progetti per il futuro?

Da qualche anno fotografo durante il palio del mio paese e con queste immagini ho inaugurato due mostre fotografiche che hanno contribuito alla vendita di cataloghi e calendari per il sociale. Mi piacerebbe quest’anno fotografare di più con la mia Horizon Perfekt per creare un nuovo punto di vista.


Grazie a Stefano per questa intervista sincera e motivante! Seguitelo sul suo canale Instagram e sul nostro Magazine

Scritto da Luca Mantenuto il 2020-02-11 in

Apriamo le porte di un nuovo reame della fotografia e del video: il nuovo Petzval 80.5 mm f/1.9 MKII celebra i 180 anni di ritratti fotografici. Compatibile con attacchi Canon EF, Nikon F e, con i relativi adattatori, per altre fotocamere digitali. Supportaci su Kickstarter per risparmiare fino al 35% sul prezzo finale al dettaglio del Petzval 80.5 mm f/1.9 MKII, ora inferiore ai $300 USD! Fai presto, però: questa offerta durerà solo 24 ore!

4 Commenti

  1. lomoemy
    lomoemy ·

    Bellissime foto !!! Complimenti....

  2. stefano_strazzacappa
    stefano_strazzacappa ·

    @lomoemy Grazie mille, i complimenti fanno sempre piacere.

  3. mirkos91
    mirkos91 ·

    Veramente splendide!

  4. stefano_strazzacappa
    stefano_strazzacappa ·

    @mirkos91 ti ringrazio 🙏🏻

Altri Articoli Interessanti