TUTORIAL: Ricaricare una cartuccia 126 con una pellicola 135 mm

12

Le macchine fotografiche INSTAMATIC e simili furono introdotte negli anni ’70 e caricano un particolare formato di pellicola, chiamato 126. La pellicola 126, è una cartuccia simile alle 110 che da poco ha rieditato Lomography, con l’unica differenza che sono un po’ più grandi. Se avete una Instamatic e anche una vecchia cartuccia 126, questo è il tipster/tutorial che fa per voi.

In rete esistono numerosi tutorial che spiegano come aprire una cartuccia 126, svuotarla della sua pellicola originale e sostituire al posto di quest’ ultima una pellicola 135mm.
Tuttavia, il risultato finale è deludente, per almeno 2 inconvenienti.

  • Sarete costretti a chiudere con del nastro isolante nero la finestrella del coperchio posteriore della vostra macchina fotografica, e così facendo, non avrete più un “contapose”
  • Se è vero che la pellicola 135mm è molto simile alla 126, entrambe differiscono a livello degli sprocket holes.

Come potete vedere nella foto, la pellicola 126 ha un solo foro di trascinamento per ogni fotogramma, a differenza della 135 che ne ha tanti.
Sapete cosa significa questo ?
Che quando avrete sostituito la pellicola, sarete costretti a fare un numero imprecisato di scatti a vuoto (con la mano davanti all’obiettivo) per avanzare da un fotogramma all’altro. Perché in ogni Instamatic, l’avanzamento al fotogramma successivo avviene per mezzo di un pioletto che arma l’otturatore inserendosi nel primo sprocket hole che trova libero. Con una pellicola 135, che ha tanti sprocket disposti in fila, l’otturatore della vostra macchina, si armerebbe non appena fate girare un po’ la manopola di avanzamento.

Come ovviare a questo ?
SEMPLICEMENTE SFRUTTANDO LA CARTA ORIGINALE che troverete all’interno della cartuccia !

Vi accompagnerò passo dopo passo fino a far resuscitare la vostra Instamatic.
SEGUITEMI

  • “Apertura di una cartuccia 126”

La cartuccia 126 è chiusa dalla casa produttrice con saldature a caldo.
Dunque per aprirla non ci sono incastri da forzare, ma punti di minor resistenza, su cui concentrarsi con un cacciavite appuntito e un taglierino.

Ecco i punti di minor resistenza.

Non sarà facile, anche perché dovete andarci con cautela, per evitare di farvi male e per evitare di frantumare la vostra preziosa cartuccia. Usate soprattutto il cacciavite, poi in alcuni punti, usate il taglierino, per scollare le due parti della cartuccia.

Ecco finalmente ci siete riusciti. All’interno avete trovato un rotolino di carta che ricorda vagamente le pellicole 120.

Estraetelo e abbiate cura della carta.
Srotolatela e togliete la vecchia pellicola che ormai si è bruciata prendendo luce.

  • “Sostituzione con una pellicola 135”

Questa operazione è da farsi al buio più totale !

Vi saranno di aiuto : graffette, nastro isolante nero, forbici, e ovviamente un rullino 135mm (meglio se da 24 pose, perché la cassetta è da 20 pose)

Prima di tutto costruitevi una guida su cui distendere la carta.
Io ho usato un cartoncino lungo circa 90 cm su cui ho disteso la carta, tenendola fissa alle estremità con delle graffette metalliche.

Poi tagliate via la linguetta della pellicola 135 con le forbici.

Ecco siete pronti.

Fissate l’estremità libera della vostra pellicola alla graffetta

Srotolate piano piano tutta la pellicola, in modo che sia perfettamente allineata con la carta sottostante
Quando raggiungete l’altra estremità , fermatevi.

Tagliate la pellicola con un paio di forbici privandola del suo contenitore (e conservatelo)

Fissate questa estremità alla carta con un po’ di nastro isolante

Poi riavvolgete la carta con la pellicola iniziando dall’estremità libera. Fate un rotolo abbastanza stretto.

Quando siete giunti all’altra estremità. Staccate la graffetta, e inserite il rotolino nella cartuccia.
Inserite prima il lato avvolto (1) , che andrà un po’ stretto e a incastro.
Poi inserite il lato con la spoletta (2).

Chiudete la cartuccia, e sigillatela con del nastro isolante nero (per evitare i light leaks!)

Ecco finalmente potete accendere la luce e caricare la cartuccia rigenerata all’interno della Instamatic.
Con questo sistema, è come se si stesse scattando con una cartuccia originale.
Si avanza direttamente da un fotogramma a quello successivo evitando di contare gli scatti e i fastidiosi overlaps.

3) “Togliere la pellicola” (ovviamente quando avete finito di scattare)

Questo è da farsi al buio
Vi servono : la guida di cartone, il nastro isolante e il contenitore della pellicola che avete usato (non riuscite a trovarlo? eppure vi avevo detto di conservarlo!)

Estraete la pellicola (con tutta la carta) dalla cartuccia
Distendete la carta sulla guida e fissatela con le graffette.

Con un po’ di nastro isolante, incollate l’estremità libera della vostra pellicola alla linguetta residua del contenitore vuoto. Fate in modo che combacino perfettamente.

Con le punte di un paio di forbici, avvolgete pian piano la pellicola nel contenitore vuoto, fino a raggiungere l’altra estremità.
Staccate l’estremità (ricordate? l’avevate fissate alla carta con del nastro isolante)
Ecco fatto . Portate il rullino a sviluppare.

Sembra difficile , ma in realtà non lo è affatto.
Considerate che io non avendo una camera oscura ho dovuto caricare e togliere la pellicola dalla cassetta al buio, sotto le coperte.
Ma ne vale la pena. “Ridare vita a qualcosa di analogico che non esiste più è una grande soddisfazione”.

Ecco i miei primi scatti fatti con la INSTAMATIC:

“Lunga vita alle INSTAMATIC !”

Scritto da giovannidecarlo il 2012-09-22 in #gear #tipster #kodak-instamatic #select-type-of-tipster #instamatic #cartridge-126 #cartridge-reloading #126 #135mm #tutorial #film #select-what-this-tipster-is-about

12 Commenti

  1. sirio174
    sirio174 ·

    un articolo straordinario!

  2. giovannidecarlo
    giovannidecarlo ·

    @sirio174 Grazie mille! Spero ti torni utile :)

  3. sirio174
    sirio174 ·

    prima comunque voglio utilizzare la pellicola originale... scaduta da 20 anni... sono curioso di vedere l'alterazione dei colori!

  4. giovannidecarlo
    giovannidecarlo ·

    @sirio174 Sarebbe un grande esperimento testare una pellicola scaduta da decenni. Per recuperare la cartuccia vuota dovresti aprirla al buio (cosa non facile), a meno che il lab dove sviluppi di solito non sia disposto a farlo al posto tuo.

  5. sirio174
    sirio174 ·

    aprirla al buio non un problema. Userò la mia changing bag nera che utilizzo settimanalmente quando carico la tank per sviluppare il bn!

  6. sirio174
    sirio174 ·

    ... e poi sono curioso di provare anche un'altra pellicola: una Kodacolor II formato 120 che il mio fotografo ha trovato intatta nel suo magazzino, scaduta negli anni '70... la inserirò nella Lubitel!

  7. giovannidecarlo
    giovannidecarlo ·

    @sirio174 con la changing bag non dovresti avere problemi, usando la massima prudenza onde evitare di rompere la cartuccia e di farsi male con il cacciavite..

    ... Wow hai una Kodacolor II degli anni '70 ? Mi stai facendo venire voglia di provare almeno una delle due pellicole Kodak VeriChrome Pan formato 127 che mi sono uscite nella confezione di una Kodak Starmite d'epoca. La loro scadenza è Ottobre 1963 :D

  8. sirio174
    sirio174 ·

    Quando le provi tieni presente che perdono sensibilità. All'incirca 1 stop ogni 10 anni!

  9. giovannidecarlo
    giovannidecarlo ·

    @sirio174 . . sono da 125 ISO nominali (tanti per l'epoca) .. adesso saranno pari a poco più di 5 ISO (:

  10. goonies
    goonies ·

    stabbé

  11. flashstalker
    flashstalker ·

    @giovannidecarlo adoro i tipster ben fatti !

  12. renton82
    renton82 ·

    Proverò oggi a ricaricare una 126... fare tutto al buio più assoluto però non è una cosa proprio semplice! Ad esempio come si fa a fare combaciare perfettamente le 2 estremità prima di riavvolgere il rullino nel buoi più assoluto??? Se usassi degli illuminatori led ad infrarosso danneggerei comunque la pellicola?

Altri Articoli Interessanti

  • Argus Paul Estabrook: I suoi lavori, Ispirazioni e Aspirazioni

    Scritto da Julien Matabuena il 2015-07-31 in #persone #lifestyle
    Argus Paul Estabrook: I suoi lavori, Ispirazioni e Aspirazioni

    Argus Paul Estabrook è un talentuoso artista che si ispira a a molte cose diverse e crea la sua arte coniugando il suo interesse per la poesia con altri media. In questa intervista, esploriamo la sua mente per scoprire cosa lo interessa e ispira quando crea la sua arte.

  • Kyoto in un battito d´ali

    Scritto da kenaz il 2015-07-31 in #gear #lifestyle
    Kyoto in un battito d´ali

    Come un chiostro di ciliegi in fiore, cosí i tepmli di Kyoto incantano e rapiscono il cuore dei loro visitatori, che assumono la posture di statue con le fotocamere che pendono dalle mani! Durante la prima visita in particolare si potrebbe soffrire della costante urgnza di fotografare ogni angolo di questa cittá.Il tempio di Kinkaku-ji Temple aed il Fushimi Inari-Taisha sono una costante meta di pellegrinaggio; si potrebbe credere che i turisti vadano sempre di fretta. Ma in realtá sono occupati a gustarsi Kyoto in tutto il suo splendore.

  • Un Respiro per l'Africa (Yoga Africa Project 2015)

    Scritto da sirio174 il 2015-07-30 in #persone
    Un Respiro per l'Africa (Yoga Africa Project 2015)

    Lo scorso mese di Giugno la piccola cittadina turistica di Cernobbio, situata sul lago di Como, ha ospitato un lodevole evento destinato alla raccolta fondi ed alla divulgazione di una interessante iniziativa: formare istruttori di yoga in Africa. In una bella domenica mattina, ho assistito ad una simpatica manifestazione di yoga dinamico, che ho documentato con la mia Olympus 35 RC. State a vedere!

  • Shop News

    Pellicole creative

    Pellicole creative

    Se la tua creativitá aveva bisogno di una spinta, questo è il prodotto giusto per te! Una nuova esperienza di fotografia analogica di aspetta con questo pacchetto di pellicole rare, scadute o fuori produzione. Scegli ora questo pacchetto e attendi gli incredibili risultati che saprá darti!

  • È arrivata la nuova Lomo'Instant Kyoto Edition!

    Scritto da shhquiet il 2015-07-30 in #gear #news
    È arrivata la nuova Lomo'Instant Kyoto Edition!

    Ispirata a questa bellissima estate, la nuova Lomo’Instant Kyoto Edition va ad aggiungersi alla nostra gamma di fotografia istantanea creativa! Il suo intrigante motivo floreale e le sue rifinture color pesca portano la mente ai bellissimi tramonti di Kyoto, cittá da sempre adorata per i suoi santuari, i suoi templi e le sue ambientazioni naturali.

  • La fotografia poetica di Sophie Fontaine

    Scritto da Julien Matabuena il 2015-07-29 in #persone #lifestyle
    La fotografia poetica di Sophie Fontaine

    Questa giovane fotografa francese combina magistralmente poesia e fotografia. Ne risulta una serie di fotografie dallo stile unico e personale.

  • Fotocamere Da Amare: Lomography Belair X 6-12

    Scritto da simonesavo il 2015-07-29 in #gear #reviews
    Fotocamere Da Amare: Lomography Belair X 6-12

    In questo nuovo capito della rubrica Fotocamere da Amare ho voluto recensire una della "Lomo" più belle e valide.. Ovviante secondo me! Questa volta è toccata alla Belair X 6-12. La Lomography Belair X 6-12 é molto più di una semplice fotocamera medio formato. É leggera, compatta e in grado di scattare in 3 formati differenti: 6x12, 6x9 e 6x6. Dotata di ottiche intercambiabili di elevata qualità, e di esposimetro esterno per non sbagliare i nostri scatti. E in più è in grado di scattare su 3 supporti differenti: pellicole 120mm, 135mm e per ultimo su pellicole instantanee grazie ai rispettivi back. Continuate a leggere per scoprire tutto su questa fantastica fotocamera.

  • Shop News

    Vivacizza i tuoi scatti con tutti i filtri che vuoi!

    Vivacizza i tuoi scatti con tutti i filtri che vuoi!

    Abbiamo preparato una incredibile selezione di filtri per esaltare e moltiplicare la tua creativitá con la Petzval o qualsiasi altra lente di 58mm di diametro. Ti aspettano nel nostro negozio, singolarmente o in set: falle tue!

  • LomoAmigo Heison Ng e la sua Lente New Russar+

    Scritto da minawoo il 2015-07-28 in #persone #lomoamigos
    LomoAmigo Heison Ng e la sua Lente New Russar+

    Il LomoAmigo Heson Ng ha scattato, ancora una volta, una serie di foto assolutamente indimenticabile. A questo giro ha creato foto in bianco e nero minimaliste ma piene di atmosfera, ovviamente con la Lente New Russar+.

  • I vincitori della Competion Lomography x Ypsigrock

    Scritto da giulialaura il 2015-07-27 in #mondo #competizioni
    I vincitori della Competion Lomography x Ypsigrock

    Si vede che tornare teenager durante l´estate viene facile a tutti: ce lo hanno testimoniato le tante bellissime foto che abbiamo ricevuto.

    2
  • Dettagli architettonici degni di nota

    Scritto da kenaz il 2015-07-22 in #mondo #lifestyle
    Dettagli architettonici degni di nota

    Un edificio é la storia di un impegno collettivo. Le persone che lo hanno materialmente costruito e tiratoa lucido sono ai piú sconosciute, ma il loro lavoro é un concentrato di identitá. Per alcuni l´architettura é qualcosa da vedere e comprare in formato souvenir. Ma per altri, per i viaggiatori con fotocamera sempre al seguito, quello che conta di piú, é la forte componente visiva che sprigiona.

  • Shop News

    Un´agenda fenomenale

    Un´agenda fenomenale

    L´anno é iniziato da un pezzo, é vero...ma la parte migliore deve ancora arrivare! Non rinunciare ad organizzarti e prendi ora la tua London Lomo Notebook, la trovi in super offerta nel nostro shop online...quando la sfoglierai a fine anno, vedrai che soddisfazione!

  • Lomografo Petzval della settimana: mc_jakie

    Scritto da anamartaml il 2015-07-22 in #mondo #lifestyle
    Lomografo Petzval della settimana: mc_jakie

    Ritratti da sogno, natura che esplode: la maestria che mette Jake Cunningham nell´usare la sua Lente Petzval é assolutamente tangibile.

  • Pellicole Da Amare: Lomography Lady Grey 400

    Scritto da simonesavo il 2015-07-21 in #gear #reviews
    Pellicole Da Amare:  Lomography Lady Grey 400

    La Lomography Lady Grey 400 una pellicola pancromatica bianco e nero negativa con indice di esposizione di ISO 400. Adatta per fotografare situazioni con scarsa illuminazione o scene che richiedono brevi tempi di esposizione.

  • Le Mani in Pasta ed altre Storie Creative

    Scritto da sirio174 il 2015-07-21 in #persone #lifestyle
    Le Mani in Pasta ed altre Storie Creative

    Questo è il mio secondo articolo dedicato alla Giornata dell'Arte e della Creatività organizzata dagli studenti delle scuole superiori di Como a inizio Giugno 2015. Mentre nel precedente articolo vi ho mostrato delle divertenti esibizioni ginniche delle ragazze di un Liceo comasco, in quest'articolo potete vedere quello che hanno combinato i miei studenti di un Istituto Tecnico cittadino. Il tema era l'EXPO, e quindi...