Luoghi Viventi, Luoghi Vissuti

1

Buccya è una giovanissima lomografa toscana di 22 anni. Buccya studia architettura a Firenze ed è proprio appassionata di questa materia, tant'è che gran parte dei soggetti delle sue fotografie sono proprio strutture architettoniche. Il progetto di Buccya? Riportare in vita luoghi abbandonati, luoghi disabitati, luoghi che ormai appartengono ad un passato che non esiste più. Ma andiamo a conoscere meglio questa intrepida ragazza!

Credits: buccya

Ciao Buccya, è un piacere averti qui con noi! Puoi raccontarci qualche cosa di te? Che cosa fai nella vita?

Ciao! Piacere mio, ho 22 anni e studio architettura a Firenze. Mi piace creare ed esprimermi con qualsiasi mezzo abbia a disposizione, ma fotografia e musica sono i miei preferiti!

Come ti sei imbattuta in Lomography e da quanto tempo sei iscritta alla community di Lomography?

Cercavo un po' di consigli sulla fotografia analogica, "googlando" qualche parola mi sono imbattuta nel vostro sito e mi ci sono iscritta...pochissimi giorni fa!

In tre parole che cosa è Lomography per te?

Lomography per me è novità, ispirazione e calore.
Credits: buccya

Quando hai iniziato a scattare? E che tipo di fotografa ti definiresti?

La fotografia mi ha sempre appassionato, ma non mi ci sono mai dedicata completamente. Ho scattato qua e là con tutti i mezzi "di fortuna" che mi capitavano tra le mani, una compatta, una pessima bridge, ed ovviamente col telefono...finché non ho rispolverato la vecchia Pentax k1000 di mio babbo, immancabile compagna di vacanze in famiglia, ferma ormai da 15 anni.

Mi sono innamorata della fotografia analogica, una grande maestra: mi ha insegnato che ogni scatto è importante e unico e che, in un mondo pieno di "tutto e subito", si può ancora riuscire ad aspettare e a sorprendersi.

...che tipo di fotografa mi definirei? Non so, sono eclettica, mi piace scoprire e sperimentare cose nuove, oggi potrei essere il fotografo tipo X, domani il fotografo tipo Y... chissà!

Credits: buccya

Siamo rimasti molto affascinati dalla serie di fotografie Luoghi|Viventi Luoghi vissuti. Nella desolazione di quei luoghi abbandonati hai saputo aggiungere una nota di gioia. Che cosa volevi raccontare con quelle fotografie e come le hai realizzate?

Mi piace esplorare luoghi abbandonati, mi affascinano, sia per l'architettura stessa, sia per l'atmosfera che si respira al suo interno. La serie è nata un po' per caso: mi sono ritrovata tra le mani contemporaneamente le foto appena stampate della Fabbrica Brunelleschi (uno dei miei primissimi rullini), ed un vecchio libro delle elementari di mia mamma, con le sue magnifiche illustrazioni.

Credits: buccya

Ho fatto 1+1..quegli sgargianti "personaggini", li chiamo così, si sono rivelati lo strumento perfetto per dare alle foto, e all'edificio stesso, la vita che mancava, descrivendolo in una maniera non convenzionale.

Finché io ed i miei personaggini non ci stancheremo di esplorare, il progetto andrà avanti e riporteremo in vita tanti altri posti dimenticati.
Credits: buccya

Quanto ha influito il territorio dove sei cresciuta in questo progetto?

Le foto sono state scattate in 3 luoghi abbandonati differenti, tutti distano non più di 30 minuti da casa mia.. è dal mio terriitorio quindi che son partita, ma ho in mente di espandere pian piano il campo d'azione spingendomi in altre zone della Toscana, e perchè no, d'Italia!

Qual è il tuo scatto preferito nella tua Lomohome e perché?

Andando oltre agli scatti della serie (sarei veramente in difficoltà ad indicarvene uno), il mio preferito è quello che ho chiamato "italianpool", quei toni blu e rosa mi esaltano, sarebbe stato impossibile ottenerli da una fredda macchina digitale...

Credits: buccya

Quali sono le tue principali fonti di ispirazione?

Adoro Luigi Ghirri, che tra l'altro era architetto, i paesaggi e le luci dei suoi scatti riescono a trasmettere tanto con poco... e non nascondo di provare a volte ad imitare la perfezione geometrica del suo occhio.

Credits: buccya

Sei in contatto con altri lomografi? Credi che grazie alla community tu abbia avuto modo di entrare in contatto con chi come te ha le tue stesse passioni?
No, come detto in precedenza sono nuova qui, non ho ancora conosciuto nessuno, ma spero di trovare qualche altro appassionato con cui scambiare un po' di consigli!

Qual è la tua Lomo che metteresti in valigia senza pensarci un attimo? Perché?

Mi piacerebbe tantissimo provare la Lomo Lubitel, mi incuriosisce il doppio obiettivo e il design è davvero super!

Grazie Buccya per questa intervista e per questi scatti! Date un'occhiata ad altri lavori di Buccya nella sua LomoHome.

Scritto da chiaracarlucci il 2018-08-31 in

Il Lomogon 2.5/32 Art Lens ti permetti di ampliare il tuo mondo, anche se non è un obiettivo grandangolare. Progettato per accendere la voglia di viaggiare e animare anche i momenti più noiosi il Lomogon è il tuo biglietto alla peculiare estetica di Lomography. Saturazione delicata, alto contrasto, qualità ottica all'avanguardia, bokeh unico, meccanismo di apertura super-veloce: il Lomogon sará il tuo occhio Lomo sul mondo. Vai subito su Kickstarter per scoprire tutto ciò che devi sapere sulla nostra ultima invenzione e risparmia fino al 40% sul prezzo finale di vendita con le nostre incredibili offerte speciali Kickstarter!

Un Commento

  1. aronne
    aronne ·

    bell'articolo e belle foto. l'idea del collage è fortissima!
    io la lubitel ce l'ho ma lascio sempre a casa...

Altri Articoli Interessanti