Manifesta 12: Out Of Control Room

Manifesta è una biennale nomade di arte e cultura contemporanea, fondata negli anni ‘90 in Olanda. Ogni edizione si svolge in una città europea diversa e per la sua dodicesima edizione ha scelto la città di Palermo, Capitale Italiana della Cultura 2018. Come detto nel precedente articolo Manifesta 12 a Palermo, Capitale Italiana della Cultura 2018! , la biennale Manifesta 12 è composta di tre sezioni: Garden of Flows, Out Of Control Room e City On Stage.
Ognuna di queste si svolge in luoghi diversi della città e offre la possibilità di visitare edifici storici di grande interesse artistico e architettonico della città di Palermo, normalmente non fruibili. Abbiamo presentato la prima sezione Garden Of Flows

Claudia Sajeva è andata per noi a visitare questi luoghi ricchi di fascino, scopriremo Out Of Control Room:

Out Of Control Room

Palazzo Ajutamicristo
Via Garibaldi, 23

Edificio nobiliare del XV secolo in stile gotico-catalano rielaborato secondo un concetto di spazialità tipico del tempo. La mostra al suo interno affronta i temi dei network transazionali, della difficoltà di identificazione e accesso alle strutture di potere in un’era di “migrazione planetaria e tecnologica”.

• James Bridle, Citizen Ex, 2015.
• Tania Bruguera, Article 11, 2018.
• John Gerrard, Farm (Council Bluffs, Iowa), 2015.
• Filippo Minelli, Across The Border, 2010- in corso.
• Lydia Ourahmane, The Third Choir, 2014.
• Trevor Paglen, It Began as a Military Experiment, 2017;
Fanon (Even the Dead Are Not Safe), 2017.
• The Peng! Collective, Fluchthelfer.in. Become an Escape Agent, 2015.
Rayyane Tabet, Steel Rings, 2013-in corso;
Letterhead, 1950-2013.
• Richard Vijgen, Connected by Air, 2018.

Credits: Claudia Sajeva

Palazzo Forcella De Seta
Foro Italico Umberto I, 21

Situato sulle vecchie mura della città, il suo corpo originario risale alla seconda metà del XVII secolo, fu trasformato nel secolo successivo con interventi in stile neoclassico e neogotico, alcuni degli interni, come la “sala dell’Alhambra” sono di ispirazione moresca.
L’esposizione si compone per la maggior parte di video installazioni sul tema della migrazione e di una particolare installazione ispirata ad una tradizione africana.

• Kader Attia, The body’s Legacies. The Post-Colonial Body, 2018.
• Forensic, Oceanography, Liquid Violence, 2018.
• John Gerrard, Untitled (near Parndorf, Austria), 2018.
• Patricia Kaersenhout, The Soul of Salt, 2016.
• Erkan Ozgen, Purple Muslin, 2018
• The Peng! Collective, Call-A-Spy, 2016-in corso.
• Laura Poitras, Signal Flow, 2018.

Credits: -dakota-

Casa del Mutilato
Via Alessandro Scarlatti, 12

Uno dei pochi esempi di architettura razionalista a Palermo, progettato nel 1935 dall’architetto Giuseppe Spatrisano.

Appeso alla grande apertura circolare della corte a pianta quadrata, vi è uno striscione riportante la formula di portanza, ovvero quella forza che trasformò in realtà il sogno dell’uomo di volare.
Una delle sale interne ospita la video installazione a tre canali, Unending Lightning, 2015, di Cristina Lucas, in cui vengono ripercorsi i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

Credits: -dakota-

Palazzo Trinacria
via Butera 24

Credits: Claudia Sajeva

Risalente alla prima metà del XIX secolo, insieme a Palazzo Butera, è situato al di sopra delle Mura delle Cattive e si affaccia verso il mare. La video installazione di Taus Makhacheva, Baida, 2017, si adatta perfettamente agli interni del palazzo che ricordano quelli di una nave. Tema ricorrente del video è la paura del morire in mare e del corpo che non viene mai ritrovato.

Credits: Claudia Sajeva

______
Claudia è una giovane e talentuosa fotografa di Palermo che ha scelto di raccontare una manifestazione eccezionale come quella di Manifesta 12 in una delle città più magiche d'Italia, ricca di storia e cultura.

Non perdere il prossimo appuntamento, il 14 settembre, con Manifesta 12 della seconda sezioni principale: Out Of Control Room.

Se vuoi conoscere meglio Claudia Sajeva, visita il suo sito web e la sua lomohome -dakota-
Per i suoi scatti ha utilizzato le seguenti macchine fotografiche:
LC-A & Lomo Lubitel 166+
E con le seguenti pellicole
Lomography Lady Grey B&W 400 & Lomography Color Negative 400 ISO 35mm

Scritto da macilomo il 2018-09-07 in #cultura #news #luoghi #palermo #arte #cultura #sicilia #evento #manifesta12 #novita

Altri Articoli Interessanti