Reportage e Fotografia: Primo festival internazionale di fotogiornalismo in Italia

È stato inaugurato il 10 maggio scorso l'INTERNATIONAL MONTH OF PHOTOJOURNALISM a Padova. Alla sua prima edizione, il festival indaga le storie, i metodi e gli approcci della miglior fotografia internazionale. Un'esperienza di "immersione totale" nel mondo dell'attualità e del fotogiornalismo; un ponte tra il grande pubblico, i professionisti dell'editoria e della stampa, e i maestri della fotografia da tutto il mondo.

©André Liohn, ©Pietro Masturzo, ©Francesco Giusti

Il festival si articola in 20 esposizioni principali allestite nelle più prestigiose sedi museali ed espositive della città di Padova, alle quali si aggiungono altri eventi espositivi a corollario; propone inoltre tre workshop con alcuni dei più affermati autori sulla scena internazionale, letture portfolio con i photoeditor dei maggiori giornali e magazine italiani, oltre 30 talk e conferenze, una rassegna cinematografica dedicata ai protagonisti del fotogiornalismo oltre ad aperitivi, proiezioni e concerti serali.

Tra le esposizioni principali il Festival ospita la mostra monografica dell’acclamato fotografo americano Alex Webb, l’esibizione del presidente di Magnum Photos Thomas Dworzak, ma anche le mostre di Patrick Brown in collaborazione con FotoEvidence New York e World Press Photo, Mads Nissen, Peter Bauza, Mario Dondero, Giles Duley, Francesco Cito, Pietro Masturzo, Giulia Nausicaa Bianchi, Francesco Giusti, Massimo Sciacca, André Liohn, Scott Typaldos, Erik Messori, Alessandro Vincenzi, Claudia Gori e Ciro Bahloro.

©Alex Webb, ©Alex Webb

Durante il periodo del Festival, la città di Padova sta ospitando i più grandi fotogiornalisti del mondo, acclamati reporter che, attraverso il mezzo fotografico, hanno testimoniato guerre, denunciato violazioni di diritti umani, influenzato l’opinione pubblica contribuendo attivamente a mutare il corso della storia. Dall’Iraq all’Afghanistan, dai Balcani alla Guerra del Golfo, fino alle storie più attuali e controverse della storia recente, la città di Padova sarà al centro del dibattito internazionale sui temi e le storie del miglior reportage internazionale.

"L'idea che sta alla base della nascita di IMP Festival - afferma Riccardo Bononi, direttore di IRFOSS e direttore artistico del festival - è la convinzione che il fotogiornalismo oggi sia il più rapido accesso alle storie e ai dibattiti internazionali in grado di connettere i quattro angoli del mondo, una modalità per rendere ciascuno partecipe e consapevole del proprio ruolo fondamentale anche nelle questioni più controverse e geograficamente lontane."
"È proprio nella volontà di concentrare le storie dell'attualità globale, grandi e piccole – prosegue Bononi - che il Festival mira a confermare a livello internazionale il ruolo della città di Padova come un grande centro di dibattito culturale, una tavola rotonda a cielo aperto sui temi caldi della contemporaneità e del giornalismo etico."
©Claudia Gori, ©Peter Bauza, ©Alessandro Vincenzi

L'evento è organizzato da Irfoss Aps,Istituto di Ricerca e Formazione nelle Scienze Sociali; un'associazione di promozione sociale no profit nata nel 2010 per connettere la ricerca sociale sul campo con le finalità etiche, i mezzi e i linguaggi dell'antropologia visuale e del giornalismo d'inchiesta.

Le esposizioni del Festival sono aperte al pubblico tutti i giorni dalle 10 alle 18, in 8 sedi espositve principali, tutte ubicate nel centro di Padova. Il pass unico per mostre, talk e visite guidate ha un prezzo di 15€ e 12€ per il ridotto.

Per maggiori informazioni, vi invitiamo a visitiare il sito ufficiale del Festival, o visitare le pagine dedicate su facebook ed Instagram.

Scritto da pippilangstrumpf il 2019-05-14 in #cultura

La LomoChrome Metropolis è la prima e nuova pellicola color negative ad uscire negli ultimi anni. Dopo il successo della leggendaria LomoChrome Purple e LomoChrome Turquoise, questa nuova emulsione sarà disponibile nei formati da 35 mm, 110, 120, e 16 mm. Inondando le tue fotografie di colori tenui, contrasti sgargianti e toni desaturati, questa pellicola è misteriosa e grunge allo stesso tempo, come mai nessuna prima d'ora. Sostienici su Kickstarter e aiutaci a sancire l'inizio di una nuova era per la fotografia analogica!

Altri Articoli Interessanti